Ecballium elaterium

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Ecballium eleterium)
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Cocomero asinino
Ecballium elaterium1.jpg
Ecballium elaterium
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Plantae
Divisione Magnoliophyta
Classe Magnoliopsida
Ordine Cucurbitales
Famiglia Cucurbitaceae
Genere Ecballium
Specie E. elaterium
Nomenclatura binomiale
Ecballium elaterium
(L.) A. Rich.
Nomi comuni

peperoncino selvatico
cucuzzella pazza
zucchetta marina

Il cocomero asinino (Ecballium elaterium (L.) A. Rich.) è una pianta della famiglia delle Cucurbitacee[1], diffusa nel bacino del Mediterraneo.

Il suo nome botanico deriva dai termini greci "έκτο"= al di fuori, e "βάλλω"= lanciare e fa riferimento ad una particolarità dei frutti: al loro interno infatti si sviluppa una pressione idraulica notevole che serve a "sparare" i semi il più lontano possibile; i piccioli dei frutti funzionano come tappi che, quando il frutto è maturo, al minimo tocco lasciano fuoriuscire liquido e semi. La pressione che si accumula in un frutto maturo è molto superiore a quella di un pneumatico d'auto: quando il frutto si stacca dal peduncolo il liquido ed i semi vengono sparati fuori ad una velocità di circa 10 m./sec. e ad una distanza anche di oltre 12 m.[senza fonte]

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Il cocomero asinino è una pianta erbacea perenne, alta fino a 50 cm, con fusto prostrato ispido e verrucoso; i rami fioriferi sono ascendenti; le foglie sono ovate, quasi astate alla base con apice acuto e margine crespato ondulato; i fiori sono piccoli unisessuali, giallo-bianchi, con calice e corolla divisi in 5 lobi. I frutti hanno la forma di un piccolo cocomero spinoso, ovvero di bacca pendula irsuta di forma ovale delle dimensioni di 3–4 cm.

Usi[modifica | modifica wikitesto]

Nell'antichità Teofrasto ne consigliava l'uso della radice per combattere la scabbia delle pecore[senza fonte]; in medicina si può usare il liquido essiccato come forte purgativo[senza fonte]; in erboristeria ne è vietato l'uso data l'elevatissima tossicità[senza fonte].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Ecballium elaterium in The Plant List. URL consultato il 15 gennaio 2015.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Patrizia Cecconi, Vagando di erba in erba, Edizioni Città del Sole - 2014
  • Margot e Roland Spohn, Riconoscere i fiori spontanei - Ricca Editore - 2013

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

botanica Portale Botanica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di botanica