EMS Synthi 100

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
EMS Synthi 100

L'EMS Synthi 100 era un sintetizzatore analogico prodotto a partire dal 1974 dalla Electronic Music Studios. Per via delle sue dimensioni era uno strumento prettamente da studio; ne furono costruite circa 30 unità durante gli anni settanta e ottanta.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il Synthi 100 fu sviluppato dalla combinazione di tre VCS3 corredati da 12 VCO, due tastiere (entrambe duofoniche, così da rendere possibile l'esecuzione di 4 voci simultaneamente), ed un sequencer digitale monofonico a 3 tracce (256 step). L'intonazione delle tastiere doveva essere controllata manualmente, rendendo così difficile l'esecuzione di una scala sonora intonata nello stesso modo per un lasso di tempo lungo, ma permettendo allo stesso tempo di definire nel dettaglio la tonalità.

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

Il sound del Synthi 100 era leggermente differente da quello del VCS3. Sia i filtri che gli oscillatori erano più stabili rispetto al VCS3. Lo strumento, comunque, era molto sensibile ai cambiamenti di temperatura e richideva perciò di essere intonato ripetutamente.

Moduli aggiuntivi[modifica | modifica wikitesto]

Il Synthi 100 aveva un'interfaccia computer aggiungibile chiamata "Computer Synthi", che conteneva un minicomputer PDP-8 e 4kB di ROM. Era composta da un display LED, due cassette digitali, due matrici di connessione (24x60) e un pannello di controllo ad interruttori. Di questa vennero costruite solo 3 unità.

Anche il Vocoder 5000 era disponibile come modulo separato installabile nel sintetizzatore, e conteneva un filtro a 22 bande, una matrice di connessione (22x22), 2 oscilaltori e fonti di rumore bianco, un modulatore di frequenza, un trasformatore voltaggio/tonalità ed un display che visualizzava lo spettrogramma.

Utilizzi[modifica | modifica wikitesto]

Un'unità del Synthi 100 (chiamata Delaware) fu venduta al BBC Radiophonic Workshop. Fu usata per generare effetti sonori per i programmi TV e radio dell'emittente inglese, tra cui Doctor Who e Blake's 7 (TV) e Guida galattica per gli autostoppisti (radio).

Jack Dangers ha utilizzato molto lo strumento nell'album R.U.O.K.? dei Meat Beat Manifesto[1]. Molte foto nel booklet dell'album sono ingrandimenti di dettagli del pannelli di controllo del Synthi 100. Si dice che quell'unità sia l'unica ad essere a tutt'oggi funzionante, benché in realtà ve ne sia un'altra, posseduta dall'università di Osnabrück, in Germania, dove viene utilizzata a tutt'oggi.

Il Synthi 100 fu utilizzato anche da Elizabeth Parker con la BBC RW, da Karlheinz Stockhausen in Sirius e dal compositore russo Eduard Artemyev (nella colonna sonora del film Stalker e nei suoi album Metamorphoses (1980) e Moods (1984)). Secondo taluni, Billy Corgan, leader degli Smashing Pumpkins, ne possiederebbe uno, benché pare non lo abbia mai utilizzato[2].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Jack Dangers: Master of Dub Electronica. URL consultato il 26 dicembre 2009.
  2. ^ synthfool. URL consultato il 14 settembre 2009.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]