Duomo di Berlino

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Coordinate: 52°31′09″N 13°24′04″E / 52.519167°N 13.401111°E52.519167; 13.401111

Parrocchia maggiore e chiesa cattedrale di Berlino
Oberpfarr- und Domkirche zu Berlin
Esterno
Esterno
Stato Germania Germania
Località Coat of arms of Berlin.svg Berlino
Religione Cristiana evangelica luterana
Diocesi Chiesa evangelica di Berlino-Brandenburgo-Slesia Bassa Lusazia
Architetto Martin Böhme, Karl Friedrich Schinkel, Julius Carl Raschdorff
Stile architettonico neobarocco
Inizio costruzione 1717
Completamento 1905
Sito web http://www.berlinerdom.de/
Interno. Particolare della cupola
L'interno
L'organo Sauer

Il duomo di Berlino (in tedesco: Berliner Dom, nome completo Oberpfarr- und Domkirche zu Berlin) è la chiesa principale della capitale tedesca.

Si trova nel quartiere Mitte, sulla Schloßplatz. L'ingresso principale si apre sul Lustgarten.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La chiesa originaria venne costruita intorno alla metà del 18esimo secolo d.c su disegno di Johann Boumann in stile barocco. Nel 1822 venne rimaneggiata in stile neoclassico su progetto di Karl Friedrich Schinkel. Nel 1894 l'imperatore Guglielmo II ordinò la demolizione della chiesa e la sua ricostruzione. I lavori iniziarono immediatamente, su progetto dell'architetto Julius Raschdorff in uno sfarzoso stile neobarocco. Venne ultimata nel 1905. È uno dei maggiori monumenti dell'età guglielmina.

Il duomo è stato gravemente danneggiato durante la seconda guerra mondiale. Nel corso dei bombardamenti aerei del 24 maggio 1944, venne colpita la lanterna della cupola e si propagò per tutta la copertura un furioso incendio che ne determinò il crollo. In seguito, il duomo venne restaurato e la cupola ricostruita fra il 1975 e il 1981, in forme più sobrie con il mancato ripristino delle elaborate lanterne della cupola e dei campanili, dall'architetto Günther Stahn. Fino alla riapertura della chiesa, il 6 giugno 1993, per i servizi religiosi è stata utilizzata la cripta del duomo. Nel 2006, poi, è stato rimosso il coronamento della lanterna della cupola per un restauro e ricollocato al suo posto nel corso dello stesso anno.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Interno[modifica | modifica wikitesto]

La struttura interna della chiesa è a croce greca con grande aula circolare all'incrocio dei bracci e profonda abside sul lato opposto al portale maggiore. Il braccio d'ingresso e i due laterali sono soppalcati a circa un terzo della loro altezza formando un ampio matroneo sorretto da colonne in marmo nero. Il matroneo posto sopra l'ingresso principale venne adibito a palco destinato alla famiglia reale, mentre quello di sinistra a cantoria per l'organo. L'apparato decorativo dell'interno della cattedrale venne progettato dallo stesso Julius Raschdorff.

L'abside semicircolare accoglie il monumentale altare, proveniente dalla cattedrale precedente, opera di Friedrich August Stüler. Questo è costituito dalla mensa in marmo con crocifisso, sorretta da colonnette corinzie, e dall'alzata in legno dorato con le statue dei dodici apostoli. Ai lati dell'altare, vi sono due grandi lampadari barocchi. Le vetrate dell'abside raffigurano scene della vita di Gesù e furono dipinte da Anton von Werner. Alla sinistra dell'abside vi è il grande pulpito ligneo con base marmorea.

La superficie interna della cupola è decorata con stucchi dorati e mosaici raffiguranti personaggi biblici. Al centro, in corrispondenza della lanterna, vi è una grande vetrata con raffigurante la colomba dello Spirito Santo.

Hohenzollerngruft[modifica | modifica wikitesto]

All'interno della cripta del duomo vi sono le tombe di numerosi componenti della famiglia reale prussiana Hohenzollern, tra cui spiccano:

Organi a canne[modifica | modifica wikitesto]

Organo Sauer[modifica | modifica wikitesto]

Sul matroneo del braccio sinistro del transetto si trova il monumentale organo a canne, costruito nel 1905 dall'organaro tedesco Wilhelm Sauer e ristrutturato nel 2006. Lo strumento, a trasmissione elettropneumatica, ha quattro tastiere di 61 note ciascuna ed una pedaliera concavo-radiale di 32 ed è accolto all'interno della ricca cassa lignea, opera di Richard Moest. La sua disposizione fonica è la seguente:

Prima tastiera - Hauptwerk
Prinzipal 16'
Majorbaß 16'
Prinzipal 8'
Doppelflöte 8'
Prinzipal amabile 8'
Flûte harmonique 8'
Viola di Gamba 8'
Bordun 8'
Gemshorn 8'
Quintatön 8'
Harmonika 8'
Gedacktquinte 5.1/3'
Oktave 4'
Flûte octaviante 4'
Fugara 4'
Rohrflöte 4'
Oktave 2'
Rauschquinte II
Gosscymbel III
Scharff III–V
Kornett III–IV
Bombarde 16'
Trompete 8'
Clairon 4'
Seconda tastiera - Brustwerk
Prinzipal 16'
Quintatön 16'
Prinzipal 8'
Doppelflöte 8'
Geigenprinzipal 8'
Spitzflöte 8'
Salicional 8'
Soloflöte 8'
Dulciana 8'
Rohrflöte 8'
Oktave 4'
Spitzflöte 4'
Salicional 4
Flauto Dolce 4'
Quinte 2.2/3'
Piccolo 2'
Mixtur IV
Cymbel III
Kornett III
Tuba 8'
Klarinette 8'
Terza tastiera - Schwellwerk
Salicional 16'
Bordun 16'
Prinzipal 8'
Hohlflöte 8'
Gemshorn 8'
Schalmei 8'
Konzertflöte 8'
Dolce 8'
Gedeckt 8'
Unda maris 8'
Oktave 4'
Gemshorn 4'
Quintatön 4'
Traversflöte 4'
Nasard 2.2/3'
Waldflöte 2'
Terz 1.3/5'
Mixtur III
Trompete 8'
Cor anglais 8'
Glockenspiel


Terza tastiera - Rückpositiv
Flötenprinzipal 8'
Flöte 8'
Gedackt 8'
Dulciana 8'
Zartflöte 4'
Quarta tastiera - Schwellwerk
Lieblich Gedackt 16'
Prinzipal 8'
Traversflöte 8'
Spitzflöte 8'
Lieblich Gedackt 8'
Quintatön 8'
Aeoline 8'
Voix céleste 8'
Prestant 4'
Fernflöte 4'
Violine 4'
Gemshornquinte 2.2/3'
Flautino 2'
Harmonia aetheria III
Trompete 8'
Oboe 8'
Vox Humana 8'
Tremolo zu Vox humana
Pedal
Prinzipal 32'
Untersatz 32'
Prinzipal 16'
Offenbaß 16'
Violon 16'
Subbaß 16'
Gemshorn 16'
Liebliche Gedackt 16'
Quintbaß 10.2/3'
Prinzipal 8'
Flötenbaß 8'
Violoncello 8'
Gedackt 8'
Dulciana 8'
Quinte 5.1/3'
Oktave 4'
Terz 3.1/5'
Quinte 2.2/3'
Septime 2.2/7'
Oktave 2'
Mixtur III
Contraposaune 32'
Posaune 16'
Fagott 16'
Trompete 8'
Clairon 4'

Organo Schuke[modifica | modifica wikitesto]

Nella cappella del battesimo e del matrimonio si trova un organo a canne, costruito nel 1946 dalla ditta organaria Alexander Schuke Potsdam Orgelbau. Lo strumento ha due tastiere di 54 note ciascuna ed una pedaliera di 30 e la sua disposizione fonica è la seguente:

Prima tastiera - Hauptwerk
Rohrflöte 8'
Quintadena 8'
Prinzipal 4'
Waldflöte 2'
Mixtur IV
Seconda tastiera - Hinterwerk
Gedackt 8'
Nachthorn 4'
Prinzipal 2'
Quinte 1.1/3'
Sesquialter II
Scharff III
Oboe 8'
Pedal
Subbaß 16'
Oktave 8'
Pommer 4'
Posaune 16'

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (DE) Günter Stahn, Zur Rekonstruktion des Berliner Doms in Architektur der DDR, anno XXXI, nº 12, Berlino, VEB Verlag für Bauwesen, dicembre 1982, p. 721, ISSN 0323-3413.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]