Duilio Magnani

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Duilio Magnani consegna a papa Giovanni Paolo II il Messale e il Lezionario ufficiali in lingua esperanto.

Duilio Magnani (Misano Adriatico, 11 giugno 1928Rimini, 20 aprile 2010) è stato un prete ed esperantista italiano.

Per oltre quindici anni ha presieduto la Internacia Katolika Unuiĝo Esperantista (IKUE), l'organizzazione mondiale dell'esperantismo cattolico. È stato presidente onorario dell'IKUE e membro onorario dell'Associazione universale esperanto.

Magnani morì il 20 aprile 2010 dopo una battaglia contro un tumore[1]

La carriera ecclesiastica[modifica | modifica sorgente]

Figlio di poveri contadini, fu costretto in gioventù ad elemosinare per potersi sostenere nel corso dei suoi studi. Durante la seconda guerra mondiale frequentò la scuola media a Trento, quindi il ginnasio a Rimini. Studiò quindi teologia a Bologna, e il 28 giugno 1953 prese servizio come sacerdote, di nuovo a Rimini.

Dopo tre anni, nel 1956, divenne parroco in un villaggio di campagna presso Rimini, San Savino. Nel 1964 divenne parroco a Rimini, nel quartiere di San Giuliano Mare, e abbandonò la carica solo nel 2003, al compimento dei settantacinque anni di età, come prescritto dal diritto canonico.

Per molti anni fu figlio spirituale di padre Pio, che conosceva personalmente; guidò numerosi pellegrinaggi a San Giovanni Rotondo. Fu l'unico sacerdote non francescano ad essere concelebrante delle esequie di padre Pio.

Magnani e il movimento esperantista[modifica | modifica sorgente]

Magnani superò l'esame di primo grado di lingua esperanto nel 1969, e divenne presto attivo all'interno del movimento esperantista. Nel 1976 divenne segretario generale dell'Unione esperantista cattolica italiana, e nel 1979 presidente dell'Internacia Katolika Unuiĝo Esperantista (Unione cattolica esperantista internazionale, o IKUE). Rieletto diverse volte, mantenne tale carica sino al 1995, anno in cui presentò le proprie dimissioni.

Magnani guidò l'IKUE in un periodo chiave dei rapporti fra esperanto e Chiesa cattolica. Durante la sua segreteria, l'IKUE fu ufficialmente riconosciuta dalla Santa Sede come associazione privata internazionale di fedeli[2]; furono approvati ufficialmente dal Vaticano il lezionario ed il messale in lingua esperanto; il papa iniziò la tradizione, tuttora vigente, di rivolgere i propri saluti a piazza San Pietro in esperanto a Natale e Pasqua.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Breve biografia di don Duilio Magnani sul sito dell'IKUE
  2. ^ Decreto 196/92/S-61/B-25.