Ducati Diavel

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ducati Diavel
Ducati Diavel Carbon 2.jpg
Costruttore Flag of Italy.svg Ducati
Tipo Naked
Produzione dal 2011

La Diavel è una motocicletta di tipo custom entrata in produzione nel 2011 dopo la presentazione ufficiale al pubblico avvenuta nel novembre 2010, all'EICMA (Esposizione Internazionale Ciclo Motociclo e Accessori) di Milano[1].

Il contesto[modifica | modifica sorgente]

Si può considerare la seconda moto della casa motociclistica bolognese di questo tipo dopo la serie Indiana, prodotta tra il 1986 e il 1990, per quanto con caratteristiche molto diverse. Si inserisce nel mercato in un settore dove sono già presenti alcuni altri modelli quali la Yamaha V-Max e la Harley-Davidson V-Rod.

Priva di protezioni aerodinamiche al di là di un piccolo cupolino come le classiche naked, è equipaggiata da un propulsore bicilindrico a L da 1.198,4 cm³ raffreddato a liquido e dotato della classica distribuzione desmodromica (caratteristica di Ducati) che eroga una potenza di 162 CV (119 kW) a 9500 giri al minuto e dispone di una coppia di 13 kgm (127,5 N m) disponibile a 8.000 giri. L'impianto di alimentazione è a iniezione elettronica e il comando del gas è ride by wire, cioè sprovvisto del classico cavo e comandato elettronicamente; il cambio dispone di 6 rapporti.

Il telaio è il classico traliccio di tubi con il propulsore in funzione portante agganciato nella parte inferiore; l'impianto delle sospensioni prevede una forcella anteriore con steli rovesciati dal diametro di 50 mm di produzione Marzocchi mentre al posteriore è disponibile un monoammortizzatore Sachs.

L'impianto frenate dispone di serie dell'ABS ed è composto da tre freni a disco della Brembo: i due anteriori da 320 mm di diametro, il singolo posteriore da 265 mm. Tra le particolarità dichiarate quella di avere uno pneumatico posteriore particolarmente largo, da 240/45 ZR17, preparato appositamente dalla Pirelli[2].

Dotata di omologazione Euro 3, è stata resa disponibile in due versioni, la base e la Carbon il cui nome richiama la presenza di molte parti prodotte in fibra di carbonio.

Tra le caratteristiche maggiormente evidenziate sin dalla sua presentazione, vi è la parte elettronica che comprende la possibilità di gestione della potenza con tre mappature diverse a seconda dell'uso e delle esigenze, nonché l'assenza della classica chiave di avviamento, sostituita da un sensore che riconosce a distanza la chiave indossata dall'utilizzatore/proprietario.

Dati tecnici[modifica | modifica sorgente]

Caratteristiche tecniche - Ducati Diavel
Ducati Diavel 2 modified.jpg
Dimensioni e pesi
Altezze Sella: 770 mm
Interasse: 1.590 mm Massa a vuoto: 210 kg Serbatoio: 18 litri
Meccanica
Tipo motore: bicilindrico a L a 4 tempi Raffreddamento: a liquido
Cilindrata 1.198,4 cm³ (Alesaggio 106,0 x Corsa 67,9 mm)
Distribuzione: doppio albero a camme in testa con comando desmodromico e 4 valvole per cilindro Alimentazione: Iniezione elettronica Mitsubishi, corpi farfallati ellittici con sistema ride-by-wire
Potenza: 162 cavalli (119 kilowatt) a 9.500 rpm Coppia: 13 kgm a 8.000 rpm Rapporto di compressione: 11,5:1
Frizione: multidisco in bagno d'olio con comando idraulico antisaltellamento e con sistema di asservimento Cambio: sequenziale a 6 marce (sempre in presa)

1° 15/37 (2,466) 2° 17/30 (1,765) 3° 20/27 (1,350) 4° 22/24 (1,091) 5° 24/23 (0,956) 6° 25/22 (0,880)

Accensione elettronica
Trasmissione primaria a ingranaggi a denti dritti (1,84), finale a catena 15/43 (2,867)
Avviamento elettrico
Ciclistica
Telaio traliccio in tubi di acciaio
Sospensioni Anteriore: forcella rovesciata da 50 mm; escursione ruota 120 mm / Posteriore: monobraccio con monoammortizzatore completamente regolabile Sachs; escursione ruota 120 mm
Freni Anteriore: doppio disco semiflottante in acciaio da 320 mm e pinze Brembo monoblocco con attacco radiale a 4 pistoncini contrapposti e 2 pastiglie / Posteriore: disco singolo in acciaio da 265 mm e pinza flottante a 2 pistoncini
Pneumatici anteriore 120/70-ZR17 su cerchi con canale da 3,5"; posteriore 240/45 ZR17 su cerchi con canale da 8"
Altro
Munita di ABS (Sistema antibloccaggio)
DTC (controllo di trazione)
Fonte dei dati: Scheda tecnica sul sito ufficiale

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Articolo su omnimoto.it
  2. ^ Prova su strada su moto.it

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]