Ducati 1098

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ducati 1098
Ducati 1098 2.jpg
Ducati 1098
Costruttore Flag of Italy.svg Ducati
Tipo Sportiva stradale
Produzione dal 2007 al 2009
Sostituisce la Ducati 999
Sostituita da Ducati 1198
Stessa famiglia Ducati 848

La 1098 è una moto sportiva prodotta a partire dal 2007 dalla Ducati in sostituzione della 999. È stata a sua volta sostituita nel 2009 dalla Ducati 1198.

Design[modifica | modifica sorgente]

Il design è fortemente ispirato alla serie 916 - 996 - 998 disegnata da Massimo Tamburini ed è completamente diverso dalla 999 di Terblanche, modello che non aveva trovato unanime consenso nel mondo degli appassionati. Ritornano così il forcellone monobraccio, vero segno distintivo della serie 916-996-998, come pure il doppio scarico sottosella e la coppia di fari disposti orizzontalmente. La 1098 risulta aggressiva, compatta ed elegante ed ha riscosso molto successo tra i motociclisti fin dalla presentazione.

Motore[modifica | modifica sorgente]

Il motore, un'evoluzione di quello della 999, denominato Testastretta Evoluzione, è il classico 2 cilindri a L desmo Ducati. Grazie all'aumento di cilindrata e ad altri accorgimenti riesce ad erogare 160 cavalli. Inoltre, la 1098 dispone del rapporto coppia/peso tra i più alti delle supersportive.

Versioni[modifica | modifica sorgente]

La 1098 era inizialmente disponibile in tre versioni: 1098 (la versione base), 1098 S e 1098 S Tricolore. La versione S, rispetto a quella base, dispone di cerchi forgiati Marchesini (più leggeri), di sospensioni e ammortizzatori di sterzo Öhlins in luogo delle sospensioni Showa, e infine di un sistema di acquisizione dati denominato DDA (Ducati Data Analizer), capace di immagazzinare fino a tre ore di telemetria poi scaricabile su una chiavetta USB fornita con la moto. La versione S Tricolore, oltre ad avere la dotazione speciale della S è verniciata verde, bianca e rossa come la bandiera italiana e come alcune storiche moto Ducati.

All'EICMA 2007 è stata presentata la versione R ancora più spinta, su cui sarà basata la versione SBK. Visto il cambiamento al regolamento delle Superbike, che consente alle bicilindriche fino a 1.200 cm³ di cilindrata, la cilindrata del motore è stata aumentata sino a quella soglia; il nome tuttavia rimane 1098R.[1] La 1098R è stata la prima motocicletta di serie dotata di un sistema di controllo elettronico della trazione, frutto dell'esperienza maturata in questo campo dai tecnici Ducati in MotoGp. Dispone inoltre di altre migliorie tecniche, come ad esempio la frizione antisaltellamento.

La moto viene venduta assieme ad un kit che porta la potenza del motore da 180 a 186 CV, migliorandone le prestazioni grazie anche agli scarichi in carbonio prodotti da Termignoni, ad una centralina programmata appositamente e ad altri accorgimenti mirati a ridurne il peso.

Ducati North America ha presentato a Laguna Seca il 14-16 agosto 2009 in occasione del Rolex Monterey Historic Automobile Races,una Martini Racing Ducati 1098S per onorare il classico Martini Racing Porsche degli anni '70.[senza fonte]

Dati tecnici[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Sito Ducati

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Gianpaolo Riva, DUCATI 1098: la Tecnica in TECNICA DELLE MOTO ITALIANE, www.motoitaliane.it, aprile 2007. URL consultato il 1 ottobre 2013.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]