Druk Gyalpo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Il Druk Gyalpo (Dzongkha: འབྲུག་རྒྱལ་པོ་; traslitterato: 'brug rgyal-po; "Re Dragone") è il titolo dato al capo di stato del Bhutan.[1] Esso è noto anche col nome di Re del Buthan secondo il costume occidentale, ma dal momento che il Bhutan stesso, in lingua locale, è noto col nome di Dryukyul che si può traslare in "Terra dei Dragoni", per questo il re ha anche il nome di Druk Gyalpo ("Re Dragone"), e gli stessi bhutanesi si definiscono Drukpa, che significa "popolo dragone".

L'attuale regnante del Bhutan è il quinto sovrano ereditario, Jigme Khesar Namgyel Wangchuck, che porta anche il titolo di 5° Druk Gyalpo.[2] Egli indossa la Corona del corvo che è la corona ufficiale indossata dai monarchi del Bhutan. Egli è indicato più correttamente col titolo di "Mi'wang 'Ngada Rimboche" ("Sua Maestà") e chiamato colloquialmente "'Ngada Rimboche" ("Vostra Maestà").[3][4]

L'attuale Druk Gyalpo Jigme Khesar Namgyel Wangchuck è il secondo regnante più giovane al mondo.[5] Egli è salito al trono dopo che suo padre, nel novembre del 2008, ha abdicato in suo favore.[2]

Elenco dei Druk Gyalpos[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Sovrani del Bhutan.

I re dragoni ereditari del Bhutan sono:[6]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Article 2: The Institution of Monarchy in The Constitution of the Kingdom of Bhutan, ISBN 99936-754-0-7.
  2. ^ a b A Legacy of Two Kings, Bhutan 2008.
  3. ^ ༈ རྫོང་ཁ་ཨིང་ལིཤ་ཤན་སྦྱར་ཚིག་མཛོད། ༼མི༽ [Dzongkha-English Dictionary: "MI"] in Dzongkha-English Online Dictionary, Dzongkha Development Commission, Government of Bhutan. URL consultato il 30 ottobre 2011.
  4. ^ ༈ རྫོང་ཁ་ཨིང་ལིཤ་ཤན་སྦྱར་ཚིག་མཛོད། ༼མང-༽ [Dzongkha-English Dictionary: "MNGA"] in Dzongkha-English Online Dictionary, Dzongkha Development Commission, Government of Bhutan. URL consultato il 30 ottobre 2011.
  5. ^ Himalayan state crowns youngest king in the world, France 24, 6 novembre 2008.
  6. ^ Hundred years of Monarchy: A walk down the memory lane, Bhutan 2008.