Dromaeosauridae

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Dromaeosauridae
Stato di conservazione: Fossile
Deinonychus BW.jpg
Ricostruzione di Deinonychus
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Divisione Maniraptora
Classe Reptilia
Superordine Dinosauria
Ordine Saurischia
Sottordine Theropoda
Infraordine Tetanurae
Superfamiglia Coelurosauria
Famiglia Dromaeosauridae

I dromeosauridi (Dromaeosauridae) sono una famiglia di dinosauri carnivori simili a uccelli, sviluppatasi nel periodo Cretaceo.

Piccoli predatori famosi[modifica | modifica sorgente]

Balzati agli onori delle cronache grazie ai temibili Velociraptor di Jurassic Park (libro e film); si noti che gli animali di Jurassic Park sono sicuramente differenti dal Velociraptor, anche rispetto all'immagine di questa creatura che si aveva al principio degli anni '90, quello del film sarebbe un Dromaeosauride di taglia più grossa rispetto al Velociraptor, più simile a Deinonychus. Questi dinosauri, lunghi in media 2-3 metri (anche se si conoscono esemplari ben più grandi) rappresentano bene il concetto di piccolo dinosauro carnivoro agile e pericoloso. Dotati di collo corto, di un cranio robusto con denti aguzzi, di un corpo breve e muscoloso, di una lunga coda irrigidita da tendini ossificati e di zampe anteriori piuttosto lunghe e munite di formidabili artigli, i dromeosauridi sono però caratterizzati principalmente per le zampe posteriori, dotate di un grande artiglio a forma di falce sul secondo dito del piede. Questa potentissima arma, posizionata su un dito piuttosto corto e iperestensibile, poteva essere azionata da un tendine che permetteva di farla scattare all'ingiù con un rapidissimo movimento verticale. Evidentemente l'artiglio veniva usato per squarciare le carni delle prede.

È da precisare però, che gli animali rappresentati in Jurassic Park sono anatomicamente sbagliati ed improbabili, quindi non affidabili in quanto interpretazioni.

Un artiglio enigmatico[modifica | modifica sorgente]

Il formidabile artiglio del secondo dito

Molti studi sono stati fatti sul vero possibile utilizzo di queste "falci". A lungo è stato ritenuto che gli artigli fossero veramente strumenti per squarciare, ma la loro sezione rivela un diametro e un bordo arrotondato che non permetterebbe all'artiglio di praticare dei tagli lunghi; si è supposto anche che, più che come "coltelli" fossero usati come "punteruoli" per perforare la gola delle prede, anche se la teoria rimane controversa.

Alcuni hanno quindi ritenuto che la funzione di questi artigli fosse soprattutto quella di "aggrapparsi", mostrando dunque similitudini a dei rampini per scalare. Così, invece di squarciare le prede, i dromeosauri forse si lanciavano su altri animali aggrappandosi e poi mordendoli. L'intera teoria troverebbe conferma considerando i dromeosauri come evolutisi da piccoli animali arrampicatori, in seguito trasformatisi in predatori di maggiore mole.

Dinosauri piumati[modifica | modifica sorgente]

Recenti scoperte avvenute in Cina mostrano che molti fossili di dromeosauridi possedevano strutture simili a penne e piume, che spesso ricoprivano l'intera superficie corporea, a volte con delle vere e proprie creste piumate e accenni di piume più sviluppate sugli arti anteriori, in quello che si potrebbe definire un accenno di ali. Probabilmente gran parte dei dromeosauri, inclusi Velociraptor e Deinonychus, possedevano strutture simili. Alcuni esemplari di animali simili (Microraptor) potrebbero aver sviluppato un vero e proprio sistema di volo primitivo.

Evoluzione[modifica | modifica sorgente]

I dromeosauridi si originarono da Maniraptora primitivi sul finire del Giurassico superiore, o forse agli inizi del Cretaceo, e si svilupparono nei continenti settentrionali. Fossili ben noti sono stati trovati in Asia e Nordamerica, mentre in Europa la presenza di questi animali è più rara. Fossili di dromeosauri senza nome, però, sono stati trovati anche in Africa (Sudan). In Corea sono stati trovati resti dubbi provenienti dal Cretaceo medio. Alcuni Dromeosauridi particolarmente insoliti sono probabilmente originari del Sud America, e sono racchiusi nel clade degli Unelengiinae. Il clade dei Dromeosauridi è molto più vario di quanto l'immagine stereotipata dei mass media lascerebbe supporre, esistevano infatti Dromaeosauridae piccoli come tacchini, insettivori o predatori di piccoli mammiferi, altri erano arboricoli, e magari anche capaci di volare o planare (Microraptor) in maniera convergente con gli uccelli (di cui sono parenti stretti, ma che parrebbero discendenti da una forma più basale di teropodi). Esistevano anche creature di grossa taglia sia carnivore (come l'Utahraptor), sia, come nel caso dell'Austroraptor argentino, ittivore e convergenti con gli spinosauridi (l'Austroraptor comparve poco dopo l'estinzione degli spinosauridi), ed altri come gli Unalenginae con dentature spesso deboli per un carnivoro, e che lasciano supporre diete diverse.

Le specie più note[modifica | modifica sorgente]

Il Velociraptor è certamente il più noto rappresentante della famiglia, e anche uno dei meglio conosciuti. Tra le altre specie più note vi sono anche il dromeosauro, che dà il nome alla famiglia, gli asiatici Adasaurus mongoliensis, e Achillobator giganticus, e i nordamericani Deinonychus, Saurornitholestes e il gigantesco Utahraptor. Recentemente sono stati rinvenuti resti di dinosauri teropodi del tutto particolari provenienti da giacimenti nei continenti meridionali (Sudamerica e Madagascar): questi animali, i cui rappresentanti più noti sono Unenlagia e Rahonavis, sono considerati un ramo dei dromeosauridi particolarmente specializzato. La maggior parte delle specie cinesi ritrovate in anni recenti, invece, sono molto piccole e gracili (ad es. Microraptor) e vengono poste in una sottofamiglia a parte.

Classificazione[modifica | modifica sorgente]

Nella cultura di massa[modifica | modifica sorgente]

I dromeosauridi sono una delle famiglie di dinosauri più famose nel mondo, l'unica tra i dinosauri di piccola taglia largamente conosciuta dal grande pubblico : saliti alla ribalta con la trilogia di Jurassic Park, sono stati ricostruiti fedelmente nella fortunata serie televisiva inglese "Nel mondo dei dinosauri" (1999) dove appaiono l'Utahraptor e il dromeosauro. Sono presenti anche nella famosa serie cult di fantascienza Primeval, con la presunta specie Deinonychus, sebbene nel telefilm vengono chiamati unicamente "Raptor". Una specie non definita di 'raptor' compare nella serie di videogiochi Turok ed in generale i 'raptor' sono presenti come nemici comuni in quasi tutti i videogiochi sui dinosauri, come Dino Crisis e Dino Stalker. Altri di questi dinosauri appaiono nel film 100 Million BC - La guerra dei dinosauri e in Lost World - Predatori del mondo perduto.

Le rappresentazioni popolari che hanno reso celebre questa famiglia di dinosauri risalgono però ad un'epoca dove ancora i suoi esponenti erano rappresentati come 'lucertole nude' anziché simili agli uccelli, con piume e penne.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) Xu X., Choiniere J.N., Pittman M., Tan Q., Xiao D., Li Z., Tan L., Clarck J.M., Norell M.A., Hone D.W.E. & Sullivan C., A new dromaeosaurid (Dinosauria: Theropoda) from the Upper Cretaceous Wulansuhai Formation of Inner Mongolia, China in Zootaxa, n. 2403, 19/03/2010, pp. 1–9.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Czerkas, S.A., Zhang, D., Li, J., and Li, Y., Flying Dromaeosaurs in Czerkas, S.J. (a cura di), Feathered Dinosaurs and the Origin of Flight: The Dinosaur Museum Journal 1, Blanding, The Dinosaur Museum, 2002, pp. 16-26.
  • Colbert, E. and D. A. Russell, The small Cretaceous dinosaur Dromaeosaurus in American Museum Novitates, vol. 2380, 1969, pp. 1-49.
  • Hopson, J. A., Relative brain size in dinosaurs: implications for dinosaurian endothermy in American Association for the Advancement of Science Symposium, vol. 28, 1980, pp. 287-310.
  • Stefano Broccoli, Marco Castiello, Marco Lampugnani, In dino veritas, 2011.
  • Qiang Ji, Mark A. Norell, Ke-Qin Gao, Shu-An Ji and Dong Ren, Distribution of integumentary structures in a feathered dinosaur in Nature, vol. 410, 26 April 2001, pp. 1084-1088. DOI: 10.1038/35074079.
  • Kirkland, J. I., R. Gaston, et al., A large dromaeosaur (Theropoda) from the Lower Cretaceous of Eastern Utah in Hunteria, vol. 2, 1993, pp. 1-16.
  • Makovicky, Apesteguía and Agnolín, The earliest dromaeosaurid theropod from South America in Nature, vol. 437, 2005, pp. 1007-1011.
  • Metcalf SJ, Vaughan RF, Benton MJ, Cole J, Simms MJ & Dartnall DL, A new Bathonian (Middle Jurassic) microvertebrate site, within the Chipping Norton Limestone Formation at Hornsleaslow Quarry, Gloucestershire in Proceedings of the Geologists' Association, vol. 103, 1992, pp. 321-342.
  • Norell, Mark A. and P. J. Makovicky, Dromaeosauridae in D. B. Weishampel, P. Dodson and H. Osmolska (a cura di), The Dinosauria, Berkeley, University of California Press, 2004, pp. 196-209.
  • J. H. Ostrom, Osteology of Deinonychus antirrhopus, an unusual theropod from the Lower Cretaceous of Montana in Peabody Museum of Natural History Bulletin, vol. 30, 1969, pp. 1-165.
  • Paul, G.S., Dinosaurs of the Air: The Evolution and Loss of Flight in Dinosaurs and Birds, Baltimore, Johns Hopkins University Press, 2002.
  • Perle, A., M. Norell and J. Clark, A new maniraptoran theropod Achillobator giganticus (Dromaeosauridae) from the Upper Cretaceous of Burkhant, Mongolia in Contributions of the Department of Geology, National University of Mongolia, Ulaanbaatar, vol. 101, 1999, pp. 1-105.
  • Prum, R. & Brush A.H., The evolutionary origin and diversification of feathers in The Quarterly Review of Biology, vol. 77, 2002, pp. 261-295.
  • Senter, P., R. Barsold, B.B. Britt and D.A. Burnham, Systematics and evolution of Dromaeosauridae (Dinosauria, Theropoda) in Bulletin of the Gunma Museum of Natural History, vol. 8, 2004, pp. 1-20.
  • Sereno, P. C., The logical basis of phylogenetic taxonomy in Systematic Biology, vol. 51, 2005, pp. 1-25.
  • Xing Xu, Xiao-Lin Wang and Xiao-Chun Wu, A dromaeosaurid dinosaur with a filamentous integument from the Yixian Formation of China in Nature, vol. 401, 16 September 1999, pp. 262-266. DOI: 10.1038/45769.
  • Xing Xu, Zhonghe Zhou, Xiaolin Wang, Xuewen Kuang, Fucheng Zhang and Xiangke Du, Four winged dinosaurs from China in Nature, vol. 421, 23 gennaio 2003, pp. 335-340. DOI: 10.1038/nature01342.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]