Drogone di Champagne

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Dinastia carolingia
Pipinidi
Arnolfingi
Carolingi
Dopo il Trattato di Verdun (843)

Drogone (670708) fu duca di Champagne e maggiordomo del regno di Borgogna.

Origine[modifica | modifica wikitesto]

Secondo l'anonimo continuatore del cronista Fredegario, era il figlio primogenito del Maggiordomo di palazzo di Austrasia ed in seguito maggiordomo di palazzo di tutti i regni dei Franchi[1], Pipino di Herstal e di Plectrude[2], (ca. 650-† 717), figlia del conte palatino, Ugoberto (?-† 698) e di Sant'Erminia (650-† 710), fondatrice e prima badessa del monastero di Oehren, nei pressi di Treviri.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Prima del 690 sposò Adaltrude, figlia del maggiordomo di Neustria, Bertario e di Anstrude (figlia di un altro maggiordomo di Neustria, Warattone e di Ansflida).

Nel 694 il padre, dopo averlo istruito a dovere lo nominò duca di Champagne[3]; mentre nel 695 il padre gli cedette il titolo di maggiordomo di Burgundia[4][5].

Poco dopo che il padre era rientrato dalla Frisia carico di bottino, sempre secondo il continuatore del cronista Fredegario, Drogone fu colpito da una forte febbre[6] e morì[7], nel 708[3][8] e fu sepolto nella basilica di sant'Arnolfo a Metz[6][8].

Il ducato di Champagne andò al figlio primogenito, Arnolfo, mentre il fratello Grimoaldo divenne maggiordomo di Burgundia[9] ed erede del padre Pipino[3].

Discendenza[modifica | modifica wikitesto]

Drogone e Adaltrude ebbero quattro figli:

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Fonti primarie[modifica | modifica wikitesto]

Letteratura storiografica[modifica | modifica wikitesto]

  • Christian Pfister, La Gallia sotto i Franchi merovingi. Vicende storiche in Storia del mondo medievale, Cambridge, Cambridge University Press, 1999, pp. 688-711.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Maggiordomo di palazzo di Borgogna Successore
Pipino di Herstal 695–708 Grimoaldo II