Drive (film 2011)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Drive
Drive film 2011.JPG
Ryan Gosling in una scena del film.
Titolo originale Drive
Paese di produzione USA
Anno 2011
Durata 95 min
Colore colore
Audio sonoro
Rapporto 2,35:1
Genere thriller, drammatico, noir
Regia Nicolas Winding Refn
Soggetto James Sallis (romanzo)
Sceneggiatura Hossein Amini
Produttore Marc Platt, Adam Siegel, John Palermo, Gigi Pritzker, Michel Litvak
Produttore esecutivo Bill Lischak, Linda McDonough, Peter Schlessel, David Lancaster, Gary Michael Walters, Jeffrey Stott
Casa di produzione Bold Films, Odd Lot Entertainment, Marc Platt Productions, Motel Movies, Seed Productions
Distribuzione (Italia) Italian International Film / 01 Distribution
Fotografia Newton Thomas Sigel
Montaggio Mat Newman
Musiche Cliff Martinez
Scenografia Beth Mickle
Costumi Erin Benach
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani
Premi

Drive è un film del 2011 diretto da Nicolas Winding Refn, il quale ha vinto il Premio alla migliore regia al Festival di Cannes, basato sull'omonimo romanzo di James Sallis.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Un pilota d'auto, oltre a lavorare come meccanico e stuntman cinematografico a Hollywood, arrotonda prestando servizio come autista per alcuni rapinatori di banche. Il suo datore di lavoro, Shannon, è un meccanico che in passato ha avuto problemi con la mafia, finendo gambizzato, e che, proprio tramite l'aiuto di un altro boss, Bernie Rose, cerca di creare una scuderia automobilistica per correre nella NASCAR, impiegando il protagonista come pilota.

Nel suo palazzo vive una donna di nome Irene, il cui marito è in carcere e che vive con il figlio Benicio. Avendo occasione di frequentarli si innamora della donna, pur non dichiarandole i propri sentimenti, e anche questa, pur essendo ancora affettivamente legata al marito, sembra essere attratta dal pilota. L'arrivo di Standard Gabriel, il marito scarcerato, sembra troncare la possibilità che il rapporto tra i due abbia ulteriori sviluppi.

Una sera, rientrando a casa, il pilota trova però Standard ferito e vede due uomini allontanarsi. Standard deve del denaro a Nino per la "protezione" avuta in carcere, cifra che aumenta ogni giorno di più e che non è in grado di pagare: i due gli avevano proposto di compiere una rapina ad un banco dei pegni per estinguere il debito, ma l'uomo aveva rifiutato, avendo deciso di abbandonare del tutto l'ambiente criminale, e per questo motivo era stato pestato a sangue davanti al figlio, al quale avevano dato come minaccia e monito una pallottola. Il prossimo bersaglio dei balordi sono la moglie e il figlio, per cui il pilota decide di aiutare Standard nella rapina.

Questa inaspettatamente finisce nel sangue. Standard viene infatti ucciso all'uscita del negozio e una seconda auto li insegue, cercando di mandarli fuori strada e di recuperare il denaro. I tentativi dell'inseguitore si rivelano essere inutili in confronto all'esperienza e alle capacità straordinarie del protagonista. Dopo essersi rifugiato in un hotel con l'altra complice, Blanche, il pilota ascolta la notizia del furto data dai notiziari, che però omettono il fatto che il denaro sia stato sottratto. I due vengono poi assaliti da due killer, che uccidono la ragazza, per essere in seguito uccisi a loro volta dal pilota.

Quest'ultimo si ritrova quindi suo malgrado dentro una lotta malavitosa: i soldi appartenevano in realtà ad un mafioso di Philadelphia, che voleva investirli in zona ed usava il banco dei pegni come copertura. Nino aveva organizzato la rapina e l'operazione di recupero del denaro tramite la seconda auto (guidata dall'uomo con cui avevano preso accordi il pilota e Standard) per far sparire il denaro della rapina senza che si potesse risalire a lui. Inizialmente il pilota, che cerca di restituire il denaro in cambio della sicurezza sua e di Irene, non sa che dietro alla rapina c'è Nino e, parlandone con Shannon, finirà per fare sapere indirettamente proprio a Bernie e Nino che è lui ad avere il denaro.

Lo stesso Shannon, essendo a conoscenza della rapina e resosi ormai conto che Nino e Rose non vorranno lasciare alcun testimone in vita, cerca di fuggire dalla città, ma viene ucciso da Bernie poco prima della partenza. I due boss hanno infatti deciso che nessuno di coloro che sono a conoscenza del fatto deve rimanere in vita (lo stesso Bernie ucciderà lo sgherro di Nino), per evitare che la mafia punisca Nino per aver tentato di danneggiare un capofamiglia.

Dopo essere scampato ad un secondo tentativo di omicidio, preceduto dall'unico bacio con Irene (una sorta di dichiarazione d'amore, rotta però subito dalla violenta uccisione del killer che sconvolge la donna), il pilota riesce ad uccidere Nino e ad accordarsi con Bernie per la restituzione del denaro. Bernie chiarisce che lui può garantire la sicurezza di Irene e di suo figlio, ma il pilota è ormai sulla lista nera della mafia e dovrà guardarsi le spalle per sempre. Fattosi consegnare il denaro, Bernie pugnala il pilota all'addome, ma viene a sua volta accoltellato a morte.

Mentre Irene prova a bussare alla porta di casa del pilota, senza ovviamente ottenere risposta, questi, ferito in modo apparentemente molto grave, parte nella notte verso una destinazione sconosciuta e con un destino che non è dato sapere.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Con un budget attorno ai 15 milioni di dollari,[1] il film è stato girato interamente a Los Angeles, California.[2] Il film presenta numerose differenze rispetto al romanzo, mantenendone comunque l'atmosfera. Gli eventi, che nel libro sono divisi su due piani temporali diversi (presente e passato del protagonista), nel film vengono concentrati in un unico blocco narrativo, senza il ricorso a flashback.

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Il film è stato presentato in concorso alla 64ª edizione del Festival di Cannes il 20 maggio 2011, aggiudicandosi il Prix de la mise en scène per la miglior regia. La distribuzione nelle sale cinematografiche statunitensi è avvenuta il 16 settembre 2011, mentre in Italia il 30 settembre dello stesso anno. Il film si è rivelato un grande successo di critica e di pubblico incassando 80 milioni di dollari in tutto il mondo,[3] lanciando definitivamente il regista Nicolas Winding Refn e l'attore Ryan Gosling.

Premi e riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Colonna sonora[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Drive: Original Motion Picture Soundtrack.

Nella colonna sonora del film sono presenti numerose canzoni, oltre alle composizioni di commento firmate da Cliff Martinez, molte delle quali presenti anche nell'edizione discografica, di cui segue l'elenco dei brani.

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

N. Titolo Compositore(i) Durata
1 "Nightcall" Kavinsky, Lovefoxxx 4:19
2 "Under Your Spell" Desire 3:52
3 "A Real Hero" (feat. Electric Youth) College 4:27
4 "Oh My Love" (feat. Katyna Ranieri) Riz Ortolani 2:50
5 "Tick of the Clock" Chromatics 4:48
6 "Rubber Head" Cliff Martinez 3:08
7 "Drive" Cliff Martinez 2:03
8 "He Had a Good Time" Cliff Martinez 1:37
9 "They Broke His Pelvis" Cliff Martinez 1:58
10 "Kick Your Teeth" Cliff Martinez 2:40
11 "Where’s the Deluxe Version?" Cliff Martinez 5:32
12 "See You in Four" Cliff Martinez 2:37
13 "After the Chase" Cliff Martinez 5:25
14 "Hammer" Cliff Martinez 4:44
15 "Wrong Floor" Cliff Martinez 1:31
16 "Skull Crushing" Cliff Martinez 5:57
17 "My Name on a Car" Cliff Martinez 2:19
18 "On the Beach" Cliff Martinez 5:57
19 "Bride of Deluxe" Cliff Martinez 3:57

Critica[modifica | modifica wikitesto]

Drive ha ricevuto recensioni positive da parte della critica internazionale. Il sito Metacritic assegna al film un punteggio di 78 su 100, basato sulle recensioni di 43 critici.[4] Rotten Tomatoes attribuisce al film una valutazione ancora più alta: Drive ottiene qui il 93% di recensioni positive ed il punteggio di 8.3 su 10, ricavato dai giudizi di 234 critici.[5] In generale il film è riuscito ad unire i gusti del pubblico mainstream con quello di nicchia, riuscendo a piacere ad una fetta molto vasta di spettatori e venendo in poco tempo etichettato come film "Cult".[senza fonte]

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

  • Inizialmente il ruolo del protagonista era stato affidato a Hugh Jackman.
  • Il nome del protagonista non viene mai rivelato, viene chiamato "Driver" o "Ragazzo".
  • Nel film viene menzionata la Favola della rana e dello scorpione, scorpione che è cucito sul giubbotto di Driver.
  • Seppure il film tratti fin dal titolo di macchine il regista non ha nessuna dimestichezza con le automobili non avendo mai preso neanche la patente.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Nuovo cinema Refn.
  2. ^ (EN) FilmDistrict Drives To First Big AFM Deal, deadline.com. URL consultato l'11-05-2011.
  3. ^ Drive (2011/I) - Box office / business
  4. ^ (EN) Drive in metacritic.com. URL consultato il 28 gennaio 2014.
  5. ^ (EN) Drive in rottentomatoes.com. URL consultato il 28 gennaio 2014.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema