Drimia maritima

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Cipolla marina
Drimia maritima - Köhler–s Medizinal-Pflanzen-277.jpg
Drimia maritima
Classificazione Cronquist
Dominio Eukaryota
Regno Plantae
Divisione Magnoliophyta
Classe Liliopsida
Ordine Liliales
Famiglia Liliaceae
Genere Drimia
Specie D. maritima
Classificazione APG
Ordine Asparagales
Famiglia Asparagaceae
Sottofamiglia Scilloideae
Nomenclatura binomiale
Drimia maritima
(L.) Stearn, 1978
Sinonimi
  • Scilla maritima L.
  • Urginea maritima (L.) Baker
  • Charybdis maritima (L.) Speta
  • Urginea scilla Steinh.

La scilla marittima (Drimia maritima (L.) Stearn, 1978), nota anche come cipolla marina, è una pianta delle Liliaceae (o delle Asparagaceae secondo la classificazione APG[1]) caratteristica del bacino del Mediterraneo, che vive allo stato selvatico in prossimità delle coste.[2]

In agosto, nella macchia mediterranea costiera, si possono notare dei pennacchi bianchi, alti un paio di metri, che ondeggiano nel vento: è l'infiorescenza di questo bulbo, che spesso nella cultura popolare, segna la fine dell'estate e le prime piogge autunnali.

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

infiorescenza

Pianta erbacea perenne dotata di un grosso bulbo tunicato, dal diametro compreso fra 10 e 20 cm, il cui peso può arrivare a diversi chili. A fine estate emette uno scapo fiorifero, eretto, alto anche due metri, di colore violaceo che termina in un lungo grappolo di fiori bianchi, peduncolati e formati da sei tepali ovali. L'apertura dei fiori avviene per fasce, dal basso verso l'alto.

Fiori di scilla in Sardegna

Le foglie, molli e carnose, escono dopo la fioritura in rosetta basale, e durano fino all'estate seguente.

Il frutto è una capsula membranosa ellittica triloculare contenente molti semi.

Ne esistono due varietà: la scilla femmina, o bianca (var. alba), di dimensioni minori, e la scilla rossa (var. rubra) il cui bulbo può arrivare a 3–4 kg e le dimensioni di un melone. La distinzione si riferisce al colore delle squame bulbari.

Distribuzione e habitat[modifica | modifica sorgente]

Allo stato spontaneo non si allontana che poco dal mare, dove si interra nella sabbia o fra le rocce. Pianta tipicamente mediterranea, è diffusa in Asia Minore, Grecia, Malta, Spagna, Marocco e in Italia. Viene proposto commercialmente da alcuni bulbicoltori, ed è abbastanza facile da coltivare in vaso. Il bulbo viene anche venduto a ignari turisti, spacciandolo per Amaryllis.

Usi[modifica | modifica sorgente]

Come altre Scille e Urginee, è una pianta che si fa apprezzare per la bellezza dei fiori e del portamento. A differenza di molte specie simili, è in grado di affrontare l'inverno fuori dalla serra, come dimostra la sua presenza fra la flora spontanea delle nostre coste.

Storicamente comunque, l'interesse per questa pianta, più che per le sue caratteristiche ornamentali, si è concentrato sulle virtù medicinali.

Usi medicinali[modifica | modifica sorgente]

Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.

La parte interessante è il bulbo, che viene raccolto in agosto, prima della fioritura, tagliato a fette ed essiccato. Il bulbo è velenoso, specie fresco.

Principi attivi (contenuti nel bulbo):

  1. glucosidi come scillarene-A e scillarene-B, glucoscillarene, scilliglaucoside,
  2. safoscillina
  3. scillipicirina,
  4. scillitossina
  5. scillina
  6. poliosi,
  7. mucillagine
  8. ossalato di calcio.

Conosciuta fin dai tempi di Ippocrate e Galeno, viene ricordata per la sua azione diuretica da Teofrasto e Plinio. Nel XVIII secolo si scoprirono le sue proprietà cardiotoniche, simili a quelle della digitale. Utilizzato anche nella cura dell'asma.

Il bulbo è talvolta utilizzato come veleno per topi, i quali attirati dall'odore aromatico, affondano i denti e rapidamente giungono alla morte. In particolare, la varietà rossa contiene lo scilliroside, un potente topicida.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Angiosperm Phylogeny Group, An update of the Angiosperm Phylogeny Group classification for the orders and families of flowering plants: APG III in Botanical Journal of the Linnean Society, vol. 161, nº 2, 2009, pp. 105–121, DOI:10.1111/j.1095-8339.2009.00996.x. URL consultato il 26 febbraio 2014.
  2. ^ Drimia maritima in The Plant List. URL consultato il 26 febbraio 2014.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]