Dreamlinux

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Dreamlinux
Logo
Screenshot di DreamLinux
Screenshot di DreamLinux
Sviluppatore DreamLinux
Famiglia SO GNU/Linux
Modello del sorgente Software libero
Release corrente Dreamlinux 5
Tipo di kernel Kernel monolitico (Linux 3.1)
Piattaforme supportate {{{piattaforme_supportate}}}
Licenza GNU/GPL
Stadio di sviluppo Interrotto.
Sito web www.dreamlinux.info

Dreamlinux è una distribuzione GNU/Linux libera derivata da Debian, Knoppix e Morphix, sviluppata in Brasile. È destinata ad un utilizzo prettamente multimediale, prevedendo al suo interno software per ascoltare musica, vedere film e modificare ed organizzare immagini, nonché software di produttività in stile Office. Giunta alla versione 5 e rilasciata all'inizio del 2012, il supporto ed il suo sviluppo sono stati ormai interrotti; il sito ufficiale risulta ormai irraggiungibile, sostituito con un sito amatoriale Realizzata per essere una distribuzione sia live che installabile, DreamLinux si basa sull'ambiente desktop Xfce 4.8 come Desktop predefinito, mentre è anche possibile utilizzare Gnome.

Download, masterizzazione e avvio[modifica | modifica sorgente]

L'ultima versione della distribuzione si può scaricare in formato ISO da questo sito o con un client BitTorrent da Linux Tracker; l'ingombro complessivo ammonta a meno di 700 MB. Una volta scaricata l'immagine ISO, occorre masterizzarla come immagine ISO su un CD. A questo punto si inserisce il CD nel lettore del pc e lo si riavvia essendo ben sicuri che il BIOS sia configurato in modo che il lettore CD sia il primo dispositivo ad avviarsi. Partirà quindi un semplice e veloce installer grafico, che installerà il sistema.

Strumenti e caratteristiche[modifica | modifica sorgente]

Questa distro è particolarmente orientata al web, alla grafica ed al multimedia, pur prevedendo numerosissimi strumenti adeguati agli usi di ufficio e di altro genere. Il sistema è di facile configurabilità e basta cliccare sull'icona Dreamlinux Control Panel posta nella barra delle applicazioni, per provvedere alla configurazione sulla base di specifiche necessità. Risulta un po' macchinoso l'aggiornamento del sistema in quanto ci si deve ricordare di fare una sorta di backup attraverso il pannello di controllo apposito, aggiornare ed infine ripristinare per mantenere gli accattivanti effetti grafici. Relativamente al software disponibile è possibile usare il sistema senza aggiunte di altri pacchetti, sebbene sia possibile dilatare a dismisura il parco software una volta che il sistema sia installato ed è possibile farlo attraverso lo strumento Synaptic di grande versatilità e che rende l'installazione di nuovo software totalmente automatica. Con DreamLinux, e senza ulteriori installazioni, l'utente può soddisfare le esigenze di ufficio (con Abiword e Gnumeric), di grafica (con The GIMP e Inkscape), le esigenze multimediali (con Totem e Rhythmbox), di networking (con LinNeighborhood) e di navigazione in rete (con Firefox, Pidgin, Thunderbird e GNOME BitTorrent).

Usare DreamLinux[modifica | modifica sorgente]

Il sistema è disponibile anche in lingua italiana già dall'avvio live scegliendo tra le lingue opzionali in fase di avvio del sistema, anche se per avere un sistema completamente tradotto in italiano è necessario installare il sistema. Dopo l'installazione con il download degli opportuni pacchetti di localizzazione si può tradurre completamente il sistema. All'avvio del sistema in versione live è bene scegliere la risoluzione video adeguata premendo il tasto F4 poi sul tasto Invio per avviare il sistema. L'avvio di una qualsiasi applicazione, come The GIMP, è molto rapido. Se si ha intenzione di effettuare qualche lavoro di produzione con questo sistema e lo si voglia salvare, è consigliabile l'uso di una memoria USB da collegare ad una porta del pc. Una volta collegata la memoria la si può montare semplicemente cliccando una volta sull'icona Root file system presente nella barra delle applicazioni, quindi due volte sulla cartella mnt e poi due volte sulla cartella sda per rendere la stick memory operativa. A questo punto, una volta che si voglia salvare un file, basta salvarlo nella directory /sda del file system. Se al termine delle varie prove effettuate in seduta live, si decida di installare questa distro, è possibile farlo semplicemente aprendo il menu principale, cliccare sulla voce System e poi sulla voce DREAMLINUX install seguendo quindi con attenzione le istruzioni impartite dal programma di installazione. Sarebbe bene, a questo proposito, avere un'altra partizione già definita nell'hard disk ed usare quella per installare Dreamlinux. Tuttavia il programma di partizionamento presente nell'installer, consente una modifica della tabella delle partizioni. L'installazione è totalmente grafica.

DreamLinux è un sistema operativo molto interessante e promettente, adatto ad ogni utente, anche quello meno esperto di GNU/Linux. Elenchiamo ora i pregi e i difetti di questo ottimo sistema come viene offerto al pubblico:

Pregi

  • Distribuzione poco ingombrante e adatta anche al recupero di computer datati;
  • Ottimo Desktop Environment, leggero, bello, tendente ad imitare la grafica di MacOS;
  • Ottima intuitività e facilità d'uso;
  • Ottima dotazione di software;
  • Ottimo strumento di gestione dei pacchetti;
  • Solide basi in Debian.

Difetti

  • Scarso supporto alle lingue;
  • Difficoltà gestione aggiornamenti.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Caratteristiche e Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Software libero Portale Software libero: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Software libero