Dream Within a Dream Tour

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Dream Within a Dream Tour
Tour di Britney Spears
Album Britney
Inizio Stati Uniti Columbus
1º novembre 2001
Fine Messico Mexico City
28 luglio 2002
Tappe 2
Spettacoli

69 totali

Cronologia dei tour di Britney Spears
Oops!...I Did It Again World Tour
(2000-2001)
The Onyx Hotel Tour
(2004)
Dream Within a Dream Tour Logo 2002.JPG

Dream Within a Dream Tour è il terzo tour realizzato dalla cantante statunitense Britney Spears per promuovere il suo terzo album, Britney, in Nord America e Giappone.

Il tour fu annunciato il 21 settembre 2001 solo per il Nord America, ed è iniziato due mesi dopo. Nel Febbraio del 2002, la Spears ha annunciato una seconda leg. Direttore e coreografo era Wade Robson. Il palco è stato ideato da Steve Cohen e Rob Brenner ed era composto da un palco principale ed uno secondario, uniti da una rampa. Ispirata alla chiatta di Cleopatra, fu costruita una piattaforma volante per permettere alla Spears di "volare" sopra al pubblico per raggiungere il palco secondario.

La scaletta era principalmente composta dalle canzoni di Britney, perché la Spears pensava che riflettessero maggiormente la sua personalità. Non mancavano però i successi del passato, riproposti in versioni remixate da Wade Robson.

Lo show era diviso in sette atti. Britney Spears apriva i concerti aggrappata a una ruota in movimento cantando Oops!... I Did It Again, per poi continuare con un medley dei vecchi successi, buttandosi dalla piattaforma volante con corde da bungee jumping e ballando in un ambiente che richiamava una giungla. La maggior parte delle esibizioni erano accompagnate da stravaganti effetti speciali, inclusi coriandoli, fuochi d'artificio, luci laser e nebbia e neve artificiali. Durante il bis finale, c'era uno schermo che pompava due tonnellate d'acqua sul palco: era considerata l'esibizione che dava la firma al tour.

Durante le tappe del 2002, furono fatti alcuni cambiamenti: diverse canzoni furono remixate e la Spears presentò diverse nuove canzoni, tra cui Mystic Man, Weakness, You Were My Home e My Love Was Always There.

Lo show ha ricevuto recensioni miste da parte della critica, che ha elogiato lo show per essere innovativo, ma lo ha criticato per non aver dedicato molta attenzione alla musicalità.[1]

Le tappe del "Dream Within a Dream Tour" erano in gran parte esaurite, ed ha guadagnato 43.7 milioni di dollari.[2] Durante la seconda tappa in Messico, la Spears ha lasciato il palco dopo la quinta canzone a causa di un temporale; lo show fu cancellato, suscitando l'ira del pubblico.

Lo spettacolo è stato trasmesso dalla HBO il 18 novembre 2001, durante la tappa a Las Vegas. È stato anche rilasciato un DVD, intitolato Live from Las Vegas, nel gennaio del 2002. Gli show in Messico e Giappone furono raccontati nel documentario Stages: Three Days in Mexico.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il 19 luglio 2001, la band della Spears band annunciò che sarebbero partiti per un tour in supporto dell'album Britney. Il giorno seguente, la casa discografica di Britney, la Jive Records, confermò un tour, programmato per l'autunno.[3] Il 20 settembre 2001 furono pubblicate le date, assieme alla tracklist dell'album. L'apertura sarebbe dovuta avvenire il 26 ottobre 2001,[4] ma fu posticipata al 31 ottobre perché la Spears si ammalò e le furono prescritti cinque giorni di riposo.[5]

Il tour fu rimandato di un altro giorno a causa di ritardi di produzione ed infine prese il via alla Nationwide Arena a Columbus, in Ohio.[6] Prima dell'inizio della tournée, la Spears annunciò che aveva programmato di donare un dollaro per ogni biglietto venduto ai figli dei pompieri e poliziotti uccisi durante gli attacchi dell'11 settembre. Sempre per lo stesso scopo, programmò anche di mettere all'asta del merchandisedel tour, sperando di raggiungere due milioni di dollari.[7]

Il 26 febbraio del 2002, furono aggiunte altre date in Nord America per una seconda leg del tour, che sarebbe iniziata a Las Vegas, al Mandalay Bay.[8]

Sviluppo[modifica | modifica wikitesto]

Il nome del tour deriva dal poema di Edgar Allan Poe, "A Dream Within a Dream".[9] Direttore e coreografo era l'australiano Wade Robson, che spiegò il concetto del tour, dicendo: "Lo show sarà davvero teatrale—è molto complicato. È uno spettacolo imponente con molta nuova musica. Sarà semplicemente molto diverso. [...] Imparerete molto di più su di lei [Britney Spears] come persona. Lo show spiegherà come è diventata una donna, come sta trovando sé stessa e la sua indipendenza. Lei sa cosa vuole, sa cosa vuole essere, e lo show parla di questo."[10]

Il palco fu disegnato dal designer Steven Cohen e dal manager Rob Brenner per lo speciale della HBO. Cohen disegnò il palco principale di forma ovale, così che la Spears si sarebbe esibita mentre veniva ripresa dalle telecamere da diverse angolature. Ha detto che il resto del palco fu creato con in mente altri tre componenti: una rampa, un palco minore e una piattaforma posta sopra il pubblico. Quest'ultima è stata costruita, come spiegato da Cohen, "ispirandosi a questa chiatta di Cleopatra, che mi è venuto in mente quando stavo disegnano e intanto guardavo un film su Cleopatra. Doveva essere elegante e stilizzata, ma anche tecnologico, perché avrebbe dovuto essere trasportato con motori convenzionali. In più, doveva avere un'ampia area per permettere a lei [Britney] e ai ballerini di esibirsi." La rampa fu invece idea di uno dei manager della Spears, Johnny Wright.[11]

Erano presenti schermi video, che mostravano sia le esibizioni di Britney che video speciali diretti da Wade Robson. Cohen lavorò con Danny O'Brien alla BCC Video per creare dei doppi schermi da appendere direttamente sopra il palco. Ne furono costruiti tre. La ruota in movimento con cui la Spears apriva gli show fu costruita dalla Branam Enterprises e attaccata ad una piattaforma ideata dalla Tait Towers. La società Spectra fornì centosettantuno laser bianchi. Il gigante carillon da cui la Spears emerge durante Born to Make You Happy fu disegnato da Michael Cotton. I coriandoli venivano sparati da macchinari ideati dalla Pyrotek. I fuochi d'artificio furono creati da Gerb Fountains, mentre la neve artificiale fu fornita dalla Little Blizzard. Durante l'esibizione di ...Baby One More Time, c'era uno schermo che riversava sul palco due tonnellate d'acqua pompate a 360 galloni al minuto. Cohen disse: "È la chiave di volta di tutta la scenografia perché batte ogni sistema elettrico, messa in scena, ballo. Rob ha scoperto la compagnia che ha creato lo schermo (la Chameleon Productions di Orlando), ed io ho guardato subito cosa avevano in magazzino, ed era uno lineare. E sapevo che non ne volevamo uno retto, ma uno circolare così che potevamo costruire una "doccia" di cui Britney potesse stare al centro e non bagnarsi, per poi attraversarla quando voleva. Ovviamente hanno tutti pensato che fossi pazzo, così ho suggerito una forma esagonale. Tutti erano preoccupati perché i divari tra le parti avrebbero potuto causare degli intervalli tra i getti d'acqua. Ma io ho continuato a dire che se li mettevano a un'altezza tra 40 e 50 pollici, la gravità permetterà all'acqua di compattarsi, così avrete un getto continuo."[11]

Una settimana prima dell'inizio del tour, Britney Spears, parlando dello show, ha detto: "Vengo da Broadway, quindi voglio che sia molto teatrale. Per me l'intero processo è magico. Con un po' di fortuna sarà qualcosa che la gente non ha mai immaginato di vedere.[12] Le prove della band sono iniziate il 9 Settembre 2001. Britney li ha raggiunti più tardi, dopo aver provato le coreografie a Los Angeles.[3] La maggior parte delle canzoni portate in tour provengono dall'album Britney. Lei ha spiegato questa decisione in una conferenza stampa, dicendo: "Voglio solo che i fan mi vedano sotto una luce diversa di come mi hanno visto finora. Queste canzoni sono un riflesso di quello che sono ora. Spero che i fan verranno a vedermi e che si divertano." Altre canzoni degli album precedenti, come ...Baby One More Time, sono stati remixati da Wade Robson.[10]

Critica[modifica | modifica wikitesto]

Larry Nager del quotidiano The National Enquirer ha commentato che "[il concerto] comprendeva più magie di Harry Potter, ma quasi nessuna esibizione veramente dal vivo". Ha riassunto dicendo: "Se non è stato proprio un vero concerto, è stato un grande show."[13] Ann Powers del The New York Times ha detto che lo show è stato "smagliante" ed ha commentato che l'esibizione non soffre per la poca musicalità perché è un elemento non molto rilevante, aggiungendo: "Questo sogno perhaps suggerisce unvolontariamente che la Britney stessa che noi conosciamo è un sogno, un'artista che non ha un grande talento nel canto [...] ma nel prendere in giro le voglie e le paure che ossessionano il mondo. La signorina Spears adesso vuole risvegliarsi a personaggio adulto, ma dovrebbe capire che gli inferi del desiderio sono la sua vera casa."[14] Jim Farber del Daily News ha paragonato il suo tour con quello di altri giovani artisti, dicendo: "I suoi 90 minuti di spettacoli devono essere finora i più costosi, i più elaborati e, per essere sinceri, quelli con meno cattivo gusto". È stato anche impressionato dal palco, chiamandolo "il più grande palcoscenico che io abbia mai visto ad uno show pop".[15] Camille Lamb del The Daily Collegian ha detto che lo show ha esaudito le sue aspettative, dicendo: "[ha portato] la fantasia di un giovane ad una realtà tangibile".[16]

Il tour è stato un successo commerciale. In accordo con l'agente della Spears, David Zedeck, la leg del 2001 è stata ampiamente un tutto esaurito, con concerti seguiti da più di 400,000 persone.[17] Ha guadagnato 43.7 milioni di dollari, il second tour di un'artista donna a guadagnare di più in quell'anno, secondo solo al Farewell Tour di Cher.[18]

Cancellazione in Messico[modifica | modifica wikitesto]

Il 28 luglio 2002, durante il concerto al Foro Sol di Mexico City, la Spears ha lasciato il palco durante l'esibizione di Stronger, dicendo: "Mi spiace Messico. Vi voglio bene, ciao." Poco dopo, gli altoparlanti confermarono che lo show era stato cancellato. In accordo coi giornali locali Milenio e El Universal, i fan hanno urlato alla frode, hanno fischiato e scagliato sedie ed altri oggetti. Due giorni dopo, la Spears ha rilasciato un comunicato: "Mi spiace per i miei fan di non aver potuto finire lo spettacolo. I fan messicani sono uno tra i migliori pubblici per cui esibirsi. Ma non avevamo altra scelta se non cancellare lo show dopo che il temporale non ha dato segni di calmarsi." Il direttore dello sponsor del concerto Ocesa Presenta, Guillermo Parra, spiegò al El Universal che "non c'è né trucco né inganno, ma le condizioni climatiche non possono essere controllate".[19] Fu successivamente annunciato che i fan potevano richiedere un completo risarcimento a partire dal 1º agosto 2002.[20] La Jive Records rilasciò un comunicato, dicendo: "Una pericolosa tempesta di fulmini ha reso essenziale per Britney Spears abbandonare il palco. La Spears ha iniziato lo show durante la pausa tra due tempeste, ma il grado di rischio per il pubblico ed il personale del palco associato alla seconda tempesta, un temporale, hanno reso impossibile continuare lo spettacolo."[19]

Passaggi televisivi[modifica | modifica wikitesto]

Il 1º marzo 2001, la HBO annunciò che il 18 novembre 2001 sarebbe stato trasmesso uno show alla MGM Grand Arena di Las Vegas. La Spears chiese che la HBO trasmettesse il concerto all'American Forces Network (AFN) sui suoi canali AFN-Atlantic e AFN-Pacific senza farsi pagare il passaggio. Ha anche interagito coi soldati del campo base della marina a Pendleton, la base navale a San Diego, Fort Polk, e la base delle forze aeree a Lackland.[21] Lo speciale ha vinto un Emmy per la categoria "Migliore Direzione Tecnica" alla cerimonia del 2002.[22] Nel Gennaio del 2002, la Jive Records ha pubblicato il DVD Live from Las Vegas, certificato due volte platino dalla RIAA per aver venduto 200,000 unità.[23] Il 18 settembre 2002, la Jive Records annunciò la pubblicazione di un libro fotografico e di un altro DVD, intitolati "Stages" e Stages: Three Days in Mexico. Il DVD fu diretto da Albert Maysles e racconta le sue tappe in Messico e Giappone. La Spears giustificò il rilascio dicendo: "Volevo condividere coi miei fan tutto quello che non hanno potuto vedere e che rende tutto così speciale per me. È il mio modo per ringraziarli."[24]

Setlist[modifica | modifica wikitesto]

  1. "Oops!... I Did It Again"
  2. "(You Drive Me) Crazy"
  1. "Overprotected"
  1. "Born to Make You Happy"/ "Lucky"/ "Sometimes"
  1. "Boys"
  2. "Stronger"
  3. "I'm Not a Girl, Not Yet a Woman"
  1. "I Love Rock N' Roll"
  2. "What It's Like to Be Me"
  3. "Lonely"
  1. "Don't Let Me Be the Last to Know"
  1. "Anticipating
  2. "I'm a Slave 4 U"
  3. "...Baby One More Time" (Remix)

Date e Incassi[modifica | modifica wikitesto]

Data Città Paese Arena Biglietti Venduti/ Biglietti Disponibili Incassi
Nord America[17]
1º novembre 2001 Columbus Stati Uniti Stati Uniti Nationwide Arena N.D. N.D.
2 novembre 2001 Pittsburgh Mellon Arena
5 novembre 2001 Toronto Canada Canada Air Canada Centre
7 novembre 2001 Uniondale Stati Uniti Stati Uniti Nassau Veterans Memorial Coliseum 15,904/ 15,904 $816,871
8 novembre 2001 University Park Bryce Jordan Center N.D. N.D.
9 novembre 2001 Cleveland Gund Arena
10 novembre 2001 Cincinnati U.S. Bank Arena
12 novembre 2001 Denver Pepsi Center
13 novembre 2001 Salt Lake City Delta Center
17 novembre 2001 Las Vegas MGM Grand Garden Arena 24,638/ 24,638 $1,561,214
18 novembre 2001
20 novembre 2001 Anaheim Arrowhead Pond of Anaheim N.D. N.D.
21 novembre 2001 Los Angeles Staples Center
26 novembre 2001 Detroit The Palace of Auburn Hills 16,745/ 16,745 $958,870
27 novembre 2001 Milwaukee Bradley Center N.D. N.D.
28 novembre 2001 Rosemont Allstate Arena 16,538/ 16,538 $922,038
29 novembre 2001 Minneapolis Target Center N.D. N.D.
1º dicembre 2001 Atlantic City Boardwalk Hall 11,653/ 11,653 $839,588
2 dicembre 2001 East Rutherford Continental Airlines Arena 17,975/ 17,975 $919,880
3 dicembre 2001 Albany Pepsi Arena N.D. N.D.
5 dicembre 2001 New York Madison Square Garden 16,674/ 16,674 $933,210
8 dicembre 2001 Hartford Hartford Civic Center N.D. N.D.
9 dicembre 2001 Boston FleetCenter 16,421/ 16,421 $947,959
10 dicembre 2001 Filadelfia First Union Center 18,218/ 18,218 $1,084,038
11 dicembre 2001 Boston FleetCenter 14,437/16,421 $876,588
14 dicembre 2001 Raleigh Raleigh Entertainment & Sports Arena 10,355/ 13,326 $601,366
15 dicembre 2001 Atlanta Philips Arena 15,535/ 15,535 $849,362
16 dicembre 2001 New Orleans New Orleans Arena 14,119/ 14,119 $711,377
18 dicembre 2001 Tampa Ice Palace 12,367/ 13,800 $638,565
19 dicembre 2001 Miami American Airlines Arena 15,188/ 15,188 $785,991
21 dicembre 2001 Washington MCI Center 15,100/ 15,100 $779,445
Asia
25 aprile 2002 Tokyo Giappone Giappone Tokyo Dome N.D. N.D.
Nord America[8]
24 maggio 2002 Las Vegas Stati Uniti Stati Uniti Mandalay Bay Events Center 18,650/ 19,724 $1,427,697
25 maggio 2002
28 maggio 2002 Vancouver Canada Canada Pacific Coliseum 12,764/ 16,133 $727,371
29 maggio 2002 Tacoma Stati Uniti Stati Uniti Tacoma Dome N.D. N.D.
30 maggio 2002 Portland Rose Garden Arena 15,548/ 17,079 $806,876
1º giugno 2002 Oakland Oakland Arena 14,221/ 14,634 $832,852
2 giugno 2002 San Jose Compaq Center at San Jose 14,889/ 16,492 $843,912
4 giugno 2002 Los Angeles Staples Center 30,892/ 32,392 $1,859,167
5 giugno 2002 San Diego Cox Arena at Aztec Bowl 9,889/ 12,360 $655,400
6 giugno 2002 Los Angeles Staples Center conteggiato con lo spettacolo del 4 giugno 2002 conteggiato con lo spettacolo del 4 giugno 2002
10 giugno 2002 Sacramento ARCO Arena 15,350/ 15,350 $847,174
12 giugno 2002 Phoenix America West Arena 13,799/ 13,799 $803,930
14 giugno 2002 Lubbock United Spirit Arena 14,256/ 14,256 $741,972
15 giugno 2002 San Antonio Alamodome 15,769/ 17,111 $806,616
16 giugno 2002 Houston Compaq Center 14,160/ 14,160 $775,828
20 giugno 2002 Chicago United Center N.D. N.D.
21 giugno 2002 Indianapolis Conseco Fieldhouse 12,834/ 15,444 $764,095
22 giugno 2002 Saint Louis Savvis Center 13,111/ 13,111 $822,184
24 giugno 2002 Detroit The Palace of Auburn Hills 14,644/ 14,644 $858,249
25 giugno 2002 Hamilton Canada Canada Copps Coliseum 16,241/ 16,241 $817,800
26 giugno 2002 Buffalo Stati Uniti Stati Uniti HSBC Arena 13,862/ 13,862 $752,756
28 giugno 2002 Filadelfia First Union Center 14,692/ 14,692 $911,189
29 giugno 2002 Boston FleetCenter 15,396/ 15,396 $907,274
30 giugno 2002 Worcester Worcester's Centrum Centre 9,458/ 10,492 $571,639
5 luglio 2002 Atlantic City Boardwalk Hall 11,382/ 11,382 $588,492
6 luglio 2002 East Rutherford Continental Airlines Arena 16,474/ 16,474 $870,288
9 luglio 2002 Uniondale Nassau Veterans Memorial Coliseum 14,784/ 14,784 $853,326
10 luglio 2002 Washington MCI Center 11,309/ 11,309 $697,175
11 luglio 2002 Charlotte Charlotte Coliseum 11,135/ 11,135 $597,854
13 luglio 2002 Fort Lauderdale National Car Rental Center 11,421/ 11,421 $753,593
14 luglio 2002 Orlando TD Waterhouse Centre 10,474/ 10,474 $590,200
18 luglio 2002 Bossier City CenturyTel Center 12,232/ 12,232 $749,181
19 luglio 2002 Oklahoma City Ford Center 16,315/ 16,315 $954,881
20 luglio 2002 North Little Rock Alltel Arena 13,218/ 13,218 $718,214
22 luglio 2002 Dallas American Airlines Center 15,421/ 15,421 $897,651
27 luglio 2002 Città del Messico Messico Messico Foro Sol 51,261/ 51,261 $2,155,292
28 luglio 2002
Europe[8]
3 agosto 2002 Dublino Irlanda Irlanda The O2 - -
4 agosto 2002
6 agosto 2002 Belfast Regno Unito Regno Unito Odyssey Arena - -
8 agosto 2002 - -
10 agosto 2002 Newcastle Metro Radio Arena - -
11 agosto 2002 - -
13 agosto 2002 Manchester Phones 4u Arena - -
14 agosto 2002 - -
16 agosto 2002 Birmingham LG Arena - -
17 agosto 2002 National Indoor Arena - -
19 agosto 2002 Londra The O2 Arena - -
20 agosto 2002 - -
22 agosto 2002 Parigi Francia Francia Palais Omnisports Bercy - -
23 agosto 2002 - -
25 agosto 2002 Zurigo Svizzera Svizzera Hallenstadion - -
27 agosto 2002 Milan Italia Italia Mediolanum Forum - -
29 agosto 2002 Madrid Spagna Spagna Palacio de los Deportes - -
30 agosto 2002 Lisbona Portogallo Portogallo Pavilhão Atlântico - -
1 September 2002 Barcellona Spagna Spagna Palau Sant Jordi - -
2 September 2002 - -
5 September 2002 Berlino Germania Germania O2 World Arena - -
TOTALE 747,718 / 771,053 (97%) $42,186,490

Personale[modifica | modifica wikitesto]

  • Production, set and lighting designer - Steve Cohen
  • Set designer - Jim Day
  • Lighting designer and director - Joel Young
  • Production manager - Rob Brenner
  • Show director - Wade Robson
  • Tour manager - Richard Channer
  • Production coordinator - Dawn Brenner
  • Production assistant - Andre Morales
  • Pyrotechnic and special effects designer - Doug Adams
  • Master electrician - Henry Wetzel
  • Head carpenter - James McKinney
  • Carpenters - Dewey Evans, Barney Quinn, Mike Thonus, Curtis Gilbert, Brian Bassham, & Dennis Sutton (water screen)
  • Water screen technician - Bob Pratt
  • Lead rigger - Mark Ward
  • Advance rigger - Bobby Savage
  • Riggers - Dan Savage, Gabriel Wood, Bill Rengsi
  • Branam fly riggers - James Stratton, Dave Lowman, Billy Ferrie, Joey Dickey, & Bjorn Melchert
  • Lighting crew chief - Pat Brannon
  • Lighting technicians - Jason Bridges, Jeff Gregos, Jeff Crocker, Mike Parker, Dustin Mansell, Marcello Cacciagioni, Madison Wade, & Steve Sligar
  • Pyro technicians - Keith Hellebrand, Mike Green and John Taylor
  • Laser technicians - John Popwycz & Gordon Hum
  • Video director - Mark Haney
  • Video engineer - Bob Larkin
  • LED screen engineer - Kraig “Bundy” Boyd
  • LED engineer/camera operator - Phil Evans
  • Projectors/camera operator - Keith Lockette
  • Camera operator - Adrian Brister
  • Projectors - Rick Popham
  • FOH sound engineer - Monty Lee Wilkes
  • Monitor engineer - Raza Sufi
  • Audio system engineer - James Ragus
  • Audio technicians - Jamison Hyatt, Paul White, & Daniel Sheehan, Jr.
  • Stage manager - Sven Ladewig
  • Stage manager assistants - Ian Donald & Chris Wallman
  • Set construction - Tait Towers; Michael Tait & Winky Fairorth
  • Lighting vendor - Steve Cohen Productions
  • Video vendor - BCC Video; Danny O'Bryen
  • Rigging vendor - Branam Enterprises; Joe Branam
  • Camera track support - Tomcat USA
  • Audio vendor - Showco; M.L. Procise
  • Water screen manufacturer - Chameleon Productions; John Markham

Fonte:[25]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Live review: 2001... - Live review: The 2001 "Dream Within a Dream" tour - latimes.com
  2. ^ DREAM WITHIN A DREAM Tour (Special) - aboutbrit
  3. ^ a b Britney Tour Planned For October, Her Band Says - Music, Celebrity, Artist News | MTV
  4. ^ Britney Spears Track List, Tour Dates Announced - Music, Celebrity, Artist News | MTV
  5. ^ Britney's Illness Postpones Tour Kickoff - Music, Celebrity, Artist News | MTV
  6. ^ http://www.nydailynews.com/archives/entertainment/2001/10/31/2001-10-31_newsline.html
  7. ^ http://news.google.com/newspapers?id=DCsfAAAAIBAJ&sjid=EdAEAAAAIBAJ&pg=6376,7090798
  8. ^ a b c Britney Returns To Vegas For Second Leg Of North American Tour - Music, Celebrity, Artist News | MTV
  9. ^ Edgar Allan Poe: Albträume für die Ewigkeit - News Kultur: Bücher - tagesanzeiger.ch
  10. ^ a b Britney Will Explain 'What It's Like To Be Me' On Fall Tour - Music, Celebrity, Artist News | MTV
  11. ^ a b Britney's Big Splash
  12. ^ Britney Goes Bald, Plays Tiny Dancer, Gets Caught In The Rain At Tour Kickoff - Music, Celebrity, Artist News | MTV
  13. ^ Lip-synching Britney wows teens with wizardry
  14. ^ POP REVIEW - POP REVIEW - Exchanging Her Halo For a Cloak of Darkness - Review - NYTimes.com
  15. ^ http://www.nydailynews.com/archives/entertainment/2001/11/09/2001-11-09_britney_-_the_night_of_the_l.html
  16. ^ http://www.collegian.psu.edu/archive/2001/11/11-09-01tdc/11-09-01dnews-12.asp
  17. ^ a b Britney Summer Tour Bows In Vegas | Billboard
  18. ^ McCartney Notches Year's Highest-Grossing Tour | Billboard.com
  19. ^ a b Britney Says Lightning Storm Forced Her To End Mexico Show - Music, Celebrity, Artist News | MTV
  20. ^ Spears Apologizes For Mexico Cancellation | Billboard.com
  21. ^ Britney To Talk With U.S. Troops By Satellite During Vegas Special - Music, Celebrity, Artist News | MTV
  22. ^ Britney Spears Not Really Doing Nothing - Britney Spears : People.com
  23. ^ RIAA - Recording Industry Association of America
  24. ^ Britney Spears Thanking Fans With Tour Book, DVD - Music, Celebrity, Artist News | MTV
  25. ^ Over-the-Top Pop

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]