Dragonair (Pokémon)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
bussola Disambiguazione – "Hakuryu" rimanda qui. Se stai cercando il personaggio di Saiyuki, vedi Cho Hakkai.
 Dragonair 
Dragonair
Dragonair

Nome nelle varie lingue
Italiano Dragonair
Giapponese ハクリュー Hakuryū
Tedesco Dragonir
Francese Draco
 Pokédex 
Classico 148
Johto 242
Hoenn 303
Caratteristiche
Specie Pokémon Drago
Altezza 400 cm
Peso 16,5 kg
Generazione Prima
Evoluzione di Dratini
Evolve in Livello Dragonite
Stato Primo Stadio
Tipo Drago
Abilità Muta
Pelledura
Legenda · progetto Pokémon

Dragonair (in giapponese ハクリュー Hakuryū, in tedesco Dragonir, in francese Draco) è un Pokémon della Prima generazione di tipo Drago. Il suo numero identificativo Pokédex è 148.

Il Pokémon è protagonista dell'episodio Miniryū no densetsu (ミニリュウのでんせつ? La leggenda di Dratini) censurato dalla 4Kids Entertainment a causa della presenza di armi da fuoco.[1]

La capopalestra Sandra ed il Superquattro Lance hanno posseduto esemplari di Dragonair.

Significato del nome[modifica | modifica sorgente]

Il suo nome deriva dall'unione delle parole inglesi dragon (drago) e debonair (affascinante) o air (aria).

Il suo nome giapponese, ハクリュー Hakuryu, potrebbe derivare dall'unione delle parole 白 haku (bianco) e 竜 ryū (drago). Nella versione beta di Pokémon Rosso e Blu il suo nome era "Dragyn".[2]

Il suo nome francese, Draco, deriva dalla parola latina draco (drago).

Origine[modifica | modifica sorgente]

Yong

Dragonair è basato su un serpente marino, su un drago cinese o su un drago asiatico.[3] Il suo aspetto ricorda quello di un serpente a sonagli.

La gemma attorno al collo del Pokémon potrebbe essere un riferimento alla trama di Taketori monogatari.

Evoluzioni[modifica | modifica sorgente]

Si evolve da Dratini a livello 30 ed evolve in Dragonite a livello 55.

Pokédex[modifica | modifica sorgente]

  • Rosso/Blu/VerdeFoglia/Y: Pokémon etereo che emana un'aura mite e ha la capacità di mutare il clima.
  • Giallo: Secondo qualcuno questo Pokémon sarebbe circondato da un'aura misteriosa.
  • Oro/HeartGold: Dicono che quando un'aura gli circonda il corpo, significa che il tempo cambierà immediatamente.
  • Argento/SoulSilver/X: Pare che le sfere di cristallo diano a questo Pokémon il pieno controllo sulle condizioni atmosferiche.
  • Cristallo: È chiamato il Pokémon divino. Quando il corpo s'illumina leggermente, cambia il tempo.
  • RossoFuoco: Sembra vivere nel mare e nei laghi. Sebbene non abbia ali, c'è chi l'ha visto volare.
  • Rubino/Zaffiro: Dragonair accumula un'enorme quantità d'energia all'interno del corpo. Si dice che sia in grado di mutare le condizioni meteorologiche circostanti scaricando energia dai cristalli del collo e della coda.
  • Smeraldo: Dragonair accumula moltissima energia nel suo corpo. Si dice che possa mutare le condizioni meteorologiche scaricandola dai cristalli del collo e della coda.
  • Diamante/Perla/Platino/Nero/Bianco/Nero2/Bianco2: Se il suo corpo emana un'aura, il tempo cambia all'istante. Si dice che viva nei mari e nei laghi.

Nel videogioco[modifica | modifica sorgente]

Nei videogiochi Pokémon Giallo e Pokémon Rosso Fuoco e Verde Foglia Dragonair è disponibile all'interno della Zona Safari di Kanto.

In Pokémon Oro e Argento, Pokémon Cristallo e Pokémon Oro HeartGold e Argento SoulSilver è possibile catturare Dragonair nella Tana del Drago. Nei titoli della seconda generazione è inoltre presente lungo il Percorso 45. In questi titoli è possibile ottenere ad Ebanopoli un esemplare di Dragonair femmina in cambio di un Dodrio o di un Rhydon (nelle versioni Oro e Argento).

Nei videogiochi Pokémon Diamante e Perla e Pokémon Platino il Pokémon è presente all'interno del Monte Corona.

In Pokémon Versione Nera e Versione Bianca e Pokémon Versione Nera 2 e Versione Bianca 2 Dragonair è disponibile nei pressi della Torre Dragospira.

Nei videogiochi Pokémon Mystery Dungeon: Squadra Rossa e Squadra Blu è disponibile all'interno della Collina Dragone (Wyvern Hill).

In Pokémon X e Y Dragonair è ottenibile lungo il Percorso 22 e nel Safari Amici.

Nel videogioco Pokémon Ranger: Ombre su Almia è presente all'interno del Castello di Almia.

Mosse[modifica | modifica sorgente]

Come la sua pre-evoluzione Dratini, Dragonair apprende numerose mosse di tipo Drago come Codadrago, Dragofuria e Oltraggio. Oltre ad utilizzare attacchi d'Acqua come Idrondata, il Pokémon è in grado di imparare le mosse Elettro Tuononda, Fulmine (MT 24) e Tuono (MT 25) e tramite MT può utilizzare gli attacchi Ghiaccio Grandine, Geloraggio e Bora.

Dragonair può apprendere le mosse MN Surf, Mulinello e Cascata.

Nel gioco di carte collezionabili Dragonair è in grado di utilizzare l'attacco Incornata, sebbene nei videogiochi il Pokémon non possa apprendere tale mossa.

Statistiche[modifica | modifica sorgente]

  • Punti Salute: 61 (max 326)
  • Attacco: 84 (max 293)
  • Difesa: 65 (max 251)
  • Attacco Speciale: 70 (max 262)
  • Difesa Speciale: 70 (max 262)
  • Velocità: 70 (max 262)

Nell'anime[modifica | modifica sorgente]

Dragonair appare per la prima volta nel corso dell'episodio censurato Miniryū no densetsu (ミニリュウのでんせつ? La leggenda di Dratini).[4] La puntata è stata trasmessa esclusivamente in Giappone e rimossa dai palinsesti negli Stati Uniti, e successivamente nel resto del mondo, dalla 4Kids Entertainment a causa dell'uso di armi da fuoco da parte del guardiano della Zona Safari.[1]

Il Dragonair della capopalestra Sandra si evolve da un Dratini in L'ultima Medaglia (prima parte) (Beauty is Skin Deep).[5] Il Pokémon verrà inoltre utilizzato nel corso degli episodi L'ultima Medaglia (seconda parte) (Fangs for Nothin'), L'Ultima Medaglia (quarta parte) (Better Eight Than Never) e Doppio furto (Why? Why Not!).[6][7][8]

Nel gioco di carte collezionabili[modifica | modifica sorgente]

Dragonair appare in 16 carte, prevalentemente di tipo Incolore, appartenenti a 13 set:[9][10]

  • Set Base
  • Team Rocket (come Dark Dragonair)
  • Gym Heroes (Olografica, Pokémon della capopalestra Erika)
  • Neo Destiny (come Light Dragonair)
  • Expedition
  • EX Drago
  • EX Team Rocket Returns (due carte, come Dark Dragonair di tipo Oscurità)
  • EX Specie Delta (due carte come Dragonair δ di tipo Lampo)
  • EX L'Isola dei Draghi (come Dragonair δ di tipo Erba)
  • Il Risveglio dei Miti
  • Battaglie Trionfali
  • Tesoro dei Draghi (due carte di tipo Drago)
  • Glaciazione Plasma (di tipo Drago)

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b (EN) Pokémon Anime Censorship da Psypoke
  2. ^ (EN) Pokemon Beta Names da Glitch City
  3. ^ (EN) Ash Dekirk, Oberon Zell-Ravenheart, Pokémon in Dragonlore: From the Archives of the Grey School of Wizardry, Career Press, 2006, p. 126, ISBN 978-1-56414-868-1.
    «[Dratini, Dragonair and Dragonite] start out as sleek sea serpents, but by the final phase they end up as peaceful, sleepy-looking classical dragons».
  4. ^ (EN) Lost Episode 2 - The Legend of Dratini da Serebii.net
  5. ^ (EN) Episode 253 - Beauty Is Skin Deep da Serebii.net
  6. ^ (EN) Episode 254 - Fangs for Nothin' da Serebii.net
  7. ^ (EN) Episode 256 - Better Eight Than Never da Serebii.net
  8. ^ (EN) Episode 257 - Why? Wynaut! da Serebii.net
  9. ^ (EN) Dragonair (TCG) da Bulbapedia
  10. ^ (EN) #148 Dragonair - Cardex da Serebii.net

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • (EN) Paul J. Shinoda, Pokémon Official Nintendo Player's Guide, Nintendo Power, 1998, p. 102, ISBN 978-4-549-66914-0.
  • (EN) Nintendo Power, Pokémon Special Edition for Yellow, Red and Blue, Nintendo Power, 1999, p. 107, ASIN B000GLCWWW.
  • (EN) M. Arakawa, Pokémon Gold Version and Silver Version Complete Pokédex, Nintendo Power, 2000, p. 87, ASIN B000LZR8FO.
  • (EN) Scott Pellard, Pokémon Crystal Version, Nintendo Power, 2001, p. 131, ISBN 978-1-930206-12-0.
  • (EN) Eric Mylonas, Pokémon Fire Red & Leaf Green: Prima's Official Game Guide, Prima Games, 2004, p. 129, ISBN 978-0-7615-4708-2.
  • (EN) Lawrence Neves, Pokémon Diamond & Pearl Pokédex: Prima's Official Game Guide Vol. 2, Prima Games, 2007, p. 87, ISBN 978-0-7615-5635-0.
  • (EN) Pokémon USA, Pokémon Platinum: Prima's Official Game Guide, Prima Games, 2009, p. 430, ISBN 978-0-7615-6208-5.
  • (EN) Pokémon USA, Pokémon HeartGold & SoulSilver: The Official Pokémon Johto Guide & Johto Pokédex: Official Strategy Guide, Prima Games, 2010, p. 313, ISBN 978-0-307-46803-1.
  • (EN) Pokémon USA, Pokémon HeartGold & SoulSilver: The Official Pokémon Kanto Guide & National Pokédex: Official Strategy Guide, Prima Games, 2010, p. 272, ISBN 978-0-307-46805-5.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Pokémon Portale Pokémon: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Pokémon