Dragon Ball Z: Il Super Saiyan della leggenda

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.

1leftarrow.pngVoce principale: Film di Dragon Ball.

Dragon Ball Z: Il Super Saiyan della leggenda
film anime
L'antagonista del film, Broly
L'antagonista del film, Broly
Titolo orig. 燃えつきろ!!熱戦・烈戦・超激戦
(Moetsukiro!! Nessen ressen chō-gekisen)
Lingua orig. giapponese
Paese Giappone
Autore Akira Toriyama
Regia Shigeyasu Yamauchi
Sceneggiatura Takao Koyama
Animazione Naoyoshi Yamamuro
Dir. artistica Shinzo Yuki
Studio
Musiche Shunsuke Kikuchi
1ª edizione 6 marzo 1993
Durata 71 min.
Distributore it.
Reti it. Rai 2, Italia 1
Doppiaggio it.
Generi azione, arti marziali
Cronologia
  1. Dragon Ball Z: I tre Super Saiyan
  2. Dragon Ball Z: Il Super Saiyan della leggenda
  3. Dragon Ball Z: La minaccia del demone malvagio

Dragon Ball Z: Il Super Saiyan della leggenda (燃えつきろ!!熱戦・烈戦・超激戦 Moetsukiro!! Nessen ressen chō-gekisen?, lett. "Ardi!! Battaglia eccitante, violenta e furibonda") è l'ottavo film cinematografico di Dragon Ball Z proiettato in Giappone al Toei Anime Fair il 6 marzo 1993. È stato trasmesso in Italia per la prima volta su Rai 2 nel 2000 con il primo doppiaggio e solo nel 2007 su Italia 1 con il secondo, ma senza essere incluso negli episodi di Dragon Ball - La saga.

Trama[modifica | modifica sorgente]

La trama si sviluppa durante i dieci giorni concessi da Cell per allenarsi in vista del Cell game. Re Kaioh del Nord contatta Goku per informarlo della distruzione della galassia del sud, avvenuta per mano di un Super Saiyan, chiedendogli di trovarlo ed ucciderlo. Nel frattempo i guerrieri, che stanno effettuando un picnic, assistono all'atterraggio di una enorme astronave da cui escono numerosi guerrieri guidati dal saiyan Paragas. Paragas chiede a Vegeta di assumere il titolo di re e di governare sul pianeta Neo Vegeta per proteggerlo dalla minaccia del Super Saiyan Leggendario, ottenendo il consenso del principe.

Seguito da Gohan, Trunks, Crilin, Muten ed Olong, Vegeta si reca sul pianeta. Qui incontra Broly insieme al quale si reca sul pianeta Totokama alla ricerca del Super Saiyan Leggendario. Nel frattempo, Gohan, Trunks e Crilin esplorano il pianeta, rendendosi conto che si tratta di un luogo inospitale, per di più basato sulla schiavitù degli abitanti del pianeta Shamo. Essi vengono inoltre a sapere che il vero obiettivo di Paragas è la distruzione di Vegeta in quanto Re Vegeta, padre di Vegeta, aveva tentato di ucciderlo insieme al figlio appena nato in quanto spaventato dalla sua forza. Oltre che per vendicarsi, Paragas ha attuato questo piano per sbarazzarsi dei possibili ostacoli nel suo progetto di conquista dell'universo: infatti, Neo Vegeta sarebbe stato di lì a poco colpito da un enorme cometa che lo avrebbe distrutto.

Goku giunge sul luogo, venendo accolto da Paragas che lo invita a recarsi a palazzo. Qui, Goku incontra Broly che si comporta in maniera ostile nei suoi confronti in quanto, quando entrambi erano neonati, Goku, col suo pianto, non gli permetteva di dormire. Si scopre che Broly viene controllato dal padre tramite un dispositivo che ne limita la forza e la furia distruttiva che, altrimenti, lo renderebbero estremamente pericoloso. Durante la notte, Broly, nello stadio di Super Saiyan Controllato, attacca Goku venendo poi fermato dal padre tramite il dispositivo di controllo. Il giorno successivo, Goku rivela a Vegeta la verità e Broly, sempre più furioso, si libera del dispositivo di controllo trasformandosi in Super Saiyan Leggendario.

I guerrieri sono messi in seria difficoltà e l'arrivo di Piccolo non riesce a migliorare la situazione. Dopo un breve combattimento in cui sconfigge tutti i suoi avversari, Broly uccide suo padre. Subito dopo, però, Goku ritorna ad affrontarlo sconfiggendolo con un solo pugno grazie all'energia congiunta dei suoi compagni. Subito dopo, teletrasporta tutti sulla navicella di Piccolo (con cui, nel frattempo, Muten, Olong e Crilin erano fuggiti), appena in tempo per evitare di essere colpiti dalla cometa.

Personaggi e doppiatori[modifica | modifica sorgente]

Personaggio Doppiatore originale Doppiatore italiano (Dynamic) Doppiatore italiano (Mediaset)
Goku Masako Nozawa Andrea Ward Paolo Torrisi
Gohan Masako Nozawa Alessio De Filippis Patrizia Scianca
Vegeta Ryo Horikawa Massimo De Ambrosis Gianluca Iacono
Trunks Takeshi Kusao Massimiliano Alto Simone D'Andrea
Piccolo (Junior nel doppiaggio Mediaset) Toshio Furukawa Piero Tiberi Alberto Olivero
Broly Bin Shimada Mario Bombardieri Luca Sandri
Crilin (Crili nel doppiaggio Mediaset) Mayumi Tanaka Davide Lepore Marcella Silvestri
Re Kaioh Joji Yanami Vittorio Amandola Cesare Rasini
Oolong (Oscar nel doppiaggio Mediaset Naoki Tatsuta Fabrizio Mazzotta Riccardo Peroni
Maestro Muten (Genio nel doppiaggio Mediaset) Kōhei Miyauchi Oliviero Dinelli Mario Scarabelli
Chichi Naoko Watanabe Barbara De Bortoli Elisabetta Spinelli
Bulma Hiromi Tsuru Francesca Guadagno Emanuela Pacotto
Paragas Iemasa Kayumi Diego Reggente Vittorio Bestoso
Re Vegeta (Nel flashback di Paragas) Banjo Ginga Achille D'Aniello Pietro Ubaldi
Narratore Joji Yanami Michele Kalamera Mario Scarabelli

Rapporto con la serie principale[modifica | modifica sorgente]

Come tutti i film di Dragon Ball, anche questo non è in continuity con la storia principale del manga e dell'anime. Il film è ambientato tra il 176° ed il 177º episodio della serie TV, cioè all'inizio del Cell Game, come, infatti, suggeriscono gli indumenti di Goku e Gohan assieme ad altri particolari.

Come gli altri movie, anche questo non si risparmia di alcune incoerenze per il punto in cui è collocato:

  • Goku e Gohan dovrebbero essere sempre trasformati in Super Saiyan.
  • L'umanità intera dovrebbe essere nel panico a causa dell'imminenza del Cell Game, ma ciò nonostante tutte le attività umane si svolgono normalmente, come se la minaccia del cyborg non esistesse.

Edizioni home-video[modifica | modifica sorgente]

Il film è uscito in VHS sotto il marchio Dynamic Italia col 1º doppiaggio e, successivamente, su DVD col 2º doppiaggio.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]