Dracula, principe delle tenebre

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Dracula, principe delle tenebre
Christopher-lee-tenebre-1-.jpg
Titolo originale Dracula: Prince of Darkness
Paese di produzione Gran Bretagna
Anno 1966
Durata 90 minuti
Colore Colore
Audio Sonoro
Genere orrore
Regia Terence Fisher
Sceneggiatura John Elder e Jimmy Sangster
Produttore Anthony Nelson Keys
Casa di produzione Hammer Film Productions e Seven Arts Productions
Fotografia Michael Reed
Montaggio Chris Barnes
Musiche James Bernard
Scenografia Bernard Robinson
Costumi Rosemary Burrows
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Dracula, principe delle tenebre (Dracula: Prince of Darkness) è un film del 1966 diretto da Terence Fisher, sequel di Dracula il vampiro.

Trama[modifica | modifica sorgente]

Quattro viaggiatori inglesi, due fratelli con le rispettive mogli, sono accolti dal sinistro maggiordomo Klove in un maniero sui Carpazi. Durante la notte il fratello maggiore segue i passi del maggiordomo, giungendo ad una stanza segreta. Colpito a morte, Klove resuscita dalle ceneri il suo padrone Dracula, grazie al sangue dell'inglese. Il conte trasforma in vampiro la moglie dell'ucciso e tenta altrettanto con l'altra coppia. Riusciti a fuggire i due trovano rifugio in un convento ma Dracula non intende lasciarli scappare. Alla fine Dracula muore annegando dentro un lago ghiacciato, intanto Alan e Diana trascorrono una vita tranquilla grazie a padre Sandor.

Curiosità[modifica | modifica sorgente]

  • In Italia il film è stato distribuito su DVD e Blu-Ray nel 2011 dalla Pulp Video.
  • Peter Cushing, non citato nei titoli di testa, interpreta il ruolo del dottor Van Helsing nelle primissime scene del film, riprese da Dracula il vampiro (1958), necessarie per legare la storia dei due film [1].
  • In Italia il film è vietato ai minori di 18 anni.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Pagina 826 de Il Mereghetti - Dizionario dei film 2006, di Paolo Mereghetti - Baldini & Castoldi, 2005

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]