Douglas Argyll Robertson

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Douglas Moray Cooper Lamb Argyll Robertson (Edimburgo, 1837Gondal, 3 gennaio 1909) è stato un chirurgo e oftalmologo scozzese. A lui si deve la descrizione dell'omonimo segno[1].

Cenni biografici[modifica | modifica sorgente]

Dopo essersi laureato nel 1857 presso l'Università di St. Andrews, si trasferì a Berlino per continuare gli studi con Albrecht von Graefe (1828–1870). Passo la maggior parte della sua carriera a Edimburgo, lavorando come chirurgo oftalmologo presso l'Edinburgh Royal Infirmary e come insegnante di oftalmologia all'Università di Edimburgo. Per un breve periodo fu nominato oculista onorario della Regina Vittoria e di Re Edoardo VII.

Attività scientifica[modifica | modifica sorgente]

Numerosi furono i suoi contributi nel campo dell'oftalmologia. Nel 1863 descrisse gli effetti oculari della somministrazione di fisostigmina, un estratto ottenuto dalla fava del Calabar (Physostigma venenosum), pianta dell'Africa tropicale e ne previde l'importanza nel trattamento delle malattie oculari.

Decrisse inoltre il sintomo oculare della neurosifilide, noto al giorno d'oggi come segno di Argyll Robertson.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Charles D Waterston e A Macmillan Shearer, Former Fellows of the Royal Society of Edinburgh 1783-2002: Biographical Index, II, Edimburgo, The Royal Society of Edinburgh, July 2006. ISBN 978-0-902198-84-5.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]