Dora Mpakoyannis

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Dora Bakoyannis.jpg

Dora Bakoyannis, nata Theodora Mitsotakis (in greco: Ντόρα Μπακογιάννη, a volte traslitterato come "Mpakoyannis" o "Mpakogiannis"; Atene, 6 maggio 1954), è una politica greca.

Membra di Nuova Democrazia, se n'è allontanata nel 2010 per fondare Alleanza Democratica, che ha poi sciolto nel 2012, ritornando nel partito precedente.

Carriera scolastica[modifica | modifica sorgente]

Bakoyannis ha iniziato i suoi studi primari alla scuola tedesca di Atene e ha conseguito il diploma presso la scuola tedesca di Parigi, città dove si era rifugiata la sua famiglia dopo il colpo di Stato dell'aprile 1967 che instaurò la dittatura militare in Grecia (regime dei colonnelli). Dopo la caduta del regime nel 1974 fece ritorno in patria, laureandosi in giurisprudenza nel 1976, dopo aver frequentato i corsi presso l'Università Kapodistria di Atene. Durante l'esilio ebbe modo di seguire corsi in scienze politiche e scienza delle comunicazioni presso l'Università Ludwig Maximilian di Monaco di Baviera. Parla correttamente tre lingue: inglese, francese e tedesco.

Vita privata[modifica | modifica sorgente]

Bakoyannis è la maggiore dei quattro figli di Costantino Mitsotakis, primo ministro della Grecia dal 1990 al 1993 e di Marika Giannakou. Nel 1974 si unì in matrimonio con il giornalista e uomo politico Pavlos Bakoyannis, dando alla luce due figli: Alexia e Kostas. Il 26 settembre 1989 il marito Pavlos che era stato nominato portavoce del governo perì in un agguato tesogli dalla formazione terroristica "17 novembre". Bakoyannis convolò a nuove nozze nel 1998 con l'imprenditore Isidoros Kouvelos ma ha preferito conservare il cognome del primo marito, avvalendosi di un diritto sancito dalla legge greca.

Carriera politica[modifica | modifica sorgente]

Alle elezioni politiche del 1989 Bakoyannis conquistò il seggio parlamentare del dipartimento di Evrytania che era stato del defunto marito. Dopo aver vinto anche le successive elezioni del 1990, fu nominata dal padre sottosegretario di governo. Dal settembre 1991 all'agosto 1992 ebbe l'incarico anche di segretario generale degli affari internazionali nel partito Nuova Democrazia. Quattro mesi più tardi suo padre Costantino Mitsotakis le affidò il dicastero della Cultura, carica che ha mantenuto fino alla successive elezioni del 1993, vinte dal partito avversario PaSoK. Suo successore al ministero fu Melina Merkouri. Nel novembre 2009 dopo la sconfitta elettorale del suo partito guidato da Costas Karamanlis e le dimissioni di quest'ultimo, è stata una dei candidati alla nuova leadership del partito, ma è stata sconfitta dal neo-presidente Antonis Samaras. Nel Novembre 2010, Dora Bakoyannis ha fondato un proprio partito, l'Alleanza Democratica che si è disciolto nel maggio 2012. Dora Bakoyannis torna nel partito della Nuova Democrazia.


Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 89841590