Doppio gioco (spionaggio)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

L'espressione doppio gioco, nello spionaggio, indica il ruolo dell'agente segreto che, fingendosi appartenente a una determinata organizzazione, la spia fornendo informazioni ai suoi reali alleati.

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

L'agente doppiogiochista (in inglese double agent) è un infiltrato che ottenendo la fiducia del proprio bersaglio raggiunge parallelamente gli obiettivi a lui necessari con maggiore facilità. Il doppio gioco sovente può essere il risultato di un accordo tra un'organizzazione e un agente catturato di un'altra organizzazione, il quale viene spinto a lavorare a loro favore in cambio della sua incolumità. Altrimenti può derivare dalla corruzione di agenti già appartenenti all'organizzazione su cui deve essere effettuata l'operazione di spionaggio.

Utilizzo[modifica | modifica wikitesto]

Gli agenti doppiogiochisti sono spesso utilizzati per trasmettere informazioni false o per identificare agenti segreti nemici.

Se il ruolo dell'agente doppiogiochista si ribalta nuovamente, esso da allora luogo a un triplo gioco, quadruplo gioco e così via, a seconda del numero di volte in cui l'agente effettua un cambiamento di fazione.

Esempi nella storia[modifica | modifica wikitesto]

Ecco qui di seguito qualche esempio di doppio gioco nella storia:

Benedict Arnold

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Alessandra Farkas, Augusto, l' imperatore che «creò» la Cia, Corriere.it, 15 maggio 2008. URL consultato il 12 luglio 2013.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

guerra Portale Guerra: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di guerra