Doo-Wops & Hooligans

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Doo-Wops & Hooligans
Artista Bruno Mars
Tipo album Studio
Pubblicazione 4 ottobre 2010
Durata 35 min : 27 s .
Genere Pop
Rock
Contemporary R&B
Reggae
Etichetta Atlantic, Elektra
Produttore The Smeezingtons, Needlz, The Supa Dups
Registrazione 2010, presso i Larrabee Recording Studios ed i Levcon Studios di Los Angeles
Certificazioni
Dischi d'oro Italia Italia[2]
(vendite: 30 000+)

Cile Cile[4]
(vendite: 5 000+)
Giappone Giappone[6]
(vendite: 100 000+)
Polonia Polonia[8]
(vendite: 10 000+)

Spagna Spagna[10]
(vendite: 20 000+)
Dischi di platino Australia Australia (4)[12]
(vendite: 280 000+)

Austria Austria[14]
(vendite: 20 000+)
Belgio Belgio[16]
(vendite: 30 000+)
Brasile Brasile[18]
(vendite: 40 000+)
Canada Canada (3)[20]
(vendite: 240 000+)
Danimarca Danimarca[22]
(vendite: 30 000+)
Europa Europa (2)[24]
(vendite: 2 000 000+)
Francia Francia[26]
(vendite: 100 000+)
Germania Germania (2)[28]
(vendite: 400 000+)
Irlanda Irlanda (4)[30]
(vendite: 60 000+)
Regno Unito Regno Unito (5)[32]
(vendite: 1 500 000+)

Stati Uniti Stati Uniti (2)[34]
(vendite: 2 000 000+)
Bruno Mars - cronologia
Album precedente
Album successivo
(2012)
Singoli
  1. Just the Way You Are
    Pubblicato: 20 luglio 2010
  2. Grenade
    Pubblicato: 28 settembre 2010
  3. The Lazy Song
    Pubblicato: 15 febbraio 2011
  4. Marry You
    Pubblicato: 22 agosto 2011

Doo-Wops & Hooligans è l'album discografico di debutto del cantante e compositore statunitense Bruno Mars. Il disco è stato pubblicato dalla Atlantic/Elektra il 4 ottobre 2010. Gli Smeezingtons, il team produttivo di Mars è accreditato come produttore esecutivo dell'album, e autore di tutti i brani in esso presenti. La critica ha paragonato lo stile di Bruno Mars a quello di vari artisti da Michael Jackson[35][36][37][38] a Jason Mraz[37][39]. Doo-Wops & Hooligans ha debuttato alla terza posizione della classifica Billboard 200 e nella top ten di Australia, Canada e Nuova Zelanda.

Singoli[modifica | modifica sorgente]

Il primo singolo da esso estratto Just the Way You Are ha raggiunto la vetta della Billboard Hot 100 per quattro settimane consecutive diventando un successo in tutto il mondo. Per promuovere l'album sono stati inoltre distribuiti altri due singolo digitali: Liquor Store Blues, featuring Damian Marley e Grenade. Quest'ultimo, estratto come secondo singolo ufficiale ha riscosso molto successo in tutto il mondo arrivando, anch'esso, alla #1 di Billboard Hot 100, come avvenuto per il precedente singolo. Della canzone ne è stato registrato un remix con la partecipazione di Lil Wayne. Il terzo singolo ufficiale, pubblicato il 15 febbraio 2011 è The Lazy Song.

Tracce[modifica | modifica sorgente]

  1. Grenade - 3:42
  2. Just the Way You Are - 3:40
  3. Our First Time - 4:03
  4. Runaway Baby - 2:27
  5. The Lazy Song - 3:15 *
  6. Marry You - 3:50
  7. Talking to the Moon - 3:37
  8. Liquor Store Blues - 3:49
  9. Count on Me - 3:17
  10. The Other Side - 3:47
Tracce bonus dell'edizione Deluxe
  1. Just the Way You Are (Remix featuring Lupe Fiasco) - 3:58
  2. Somewhere in Brooklyn (EP version) - 3:01
  • Nell'edizione digitale del disco è presente l'edizione singolo di The Lazy Song, ovvero quella della durata di tre minuti e otto secondi in cui sono presenti dei fischi e in cui viene eliminato l'intro con la batteria.

Classifiche[modifica | modifica sorgente]

Classifica (2010) Posizione
raggiunta
Svizzera[40] 1
Paesi Bassi[40] 1
Belgio (Fiandre)[40] 1
Germania[41] 1
Irlanda[41] 1
Regno Unito[41] 1
Austria[40] 2
Australia[40] 2
Nuova Zelanda[40] 2
Danimarca[40] 3
Stati Uniti[41] 3
Italia[42] 11
Norvegia[40] 10
Belgio (Vallonia)[40] 20

Classifiche di fine anno[modifica | modifica sorgente]

Classifica di fine anno (2011) Posizione
Stati Uniti[43] 12
Classifica di fine anno (2012) Posizione
Australia[44] 25
Austria[45] 71
Belgio (Fiandre)[46] 80
Nuova Zelanda[47] 9
Regno Unito[48] 26
Stati Uniti[49] 60
Svizzera[50] 50
Classifica di fine anno (2013) Posizione
Nuova Zelanda[51] 45
Stati Uniti[52] 73

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ FIMI - Federazione Industria Musicale Italiana - Certificazioni
  2. ^ [1]
  3. ^ One Direction: el nuevo fenómeno del pop adolescente ya es disco de oro en Chile | Cultura&Entretención | La Tercera Edición Impresa
  4. ^ [3]
  5. ^ 一般社団法人 日本レコード協会|各種統計
  6. ^ [5]
  7. ^ Listy bestsellerów, wyróżnienia :: Związek Producentów Audio-Video
  8. ^ [7]
  9. ^ http://promusicae.es/files/listassemanales/albumes/historial/TOP%20100%20ALBUMES%201774.pdf
  10. ^ [9]
  11. ^ http://www.aria.com.au/pages/ALBUMaccreds2012.htm
  12. ^ [11]
  13. ^ IFPI Austria - Verband der Österreichischen Musikwirtschaft
  14. ^ [13]
  15. ^ ultratop.be - ULTRATOP BELGIAN CHARTS
  16. ^ [15]
  17. ^ ABPD | Associaусo Brasileira de Produtores de Disco
  18. ^ [17]
  19. ^ Gold and Platinum Search
  20. ^ [19]
  21. ^ Certificeringer | ifpi.dk
  22. ^ [21]
  23. ^ IFPI Platinum Europe Awards - 2011
  24. ^ [23]
  25. ^ Disque en France
  26. ^ [25]
  27. ^ Bundesverband Musikindustrie: Gold-/Platin-Datenbank
  28. ^ [27]
  29. ^ The Irish Charts - All there is to know
  30. ^ [29]
  31. ^ Certified Awards
  32. ^ [31]
  33. ^ RIAA - Recording Industry Association of America
  34. ^ [33]
  35. ^ Scott Mervis, For the Record: Bruno Mars in Pittsburgh Post-Gazette, Block Communications, 7 ottobre 2010. URL consultato il 16 ottobre 2010.
  36. ^ Jim Farber, Bruno Mars follows his summer of hits with a big debut album 'Doo-Wops & Hooligans' in Daily News, Mortimer Zuckerman, 3 ottobre 2010. URL consultato il 16 ottobre 2010.
  37. ^ a b Sean Fennessey, 'Doo-Wops & Hooligans' indicates that Bruno Mars is primed for a durable career in The Washington Post, The Washington Post Company, 5 ottobre 2010. URL consultato il 7 ottobre 2010.
  38. ^ Brad Wheeler, The week’s hottest songs in The Globe and Mail, CTVglobemedia, 1º ottobre 2010. URL consultato il 16 ottobre 2010.
  39. ^ Jon Caramanica, Bruno Mars in Ascension in The New York Times, The New York Times Company, 5 ottobre 2010. URL consultato il 5 ottobre 2010.
  40. ^ a b c d e f g h i Doo-Wops & Hooligans su italiancharts.com. URL consultato il 4 febbraio 2011.
  41. ^ a b c d Doo-Wops & Hooligans su acharts.us. URL consultato il 4 febbraio 2011.
  42. ^ Classifica Fimi del 24 gennaio 2011. URL consultato il 4 febbraio 2011.
  43. ^ Best of 2011 Billboard 200, Billboard. URL consultato il 15 dicembre 2012.
  44. ^ (EN) ARIA Australian End of Year Chart - ARIA Top 100 Albums Chart - 2012, Australian Recording Industry Association, 7 gennaio 2013. URL consultato il 9 gennaio 2013 (archiviato dall'url originale il 9 gennaio 2013).
  45. ^ (DE) Ö3 Austria Top 40 - Longplay Charts 2012, Orf.at. URL consultato il 3 gennaio 2013 (archiviato dall'url originale il 3 gennaio 2013).
  46. ^ (NL) JAAROVERZICHTEN 2012. URL consultato il 23 dicembre 2012.
  47. ^ (EN) End Of Year Charts 2012, Rianz. URL consultato il 24 dicembre 2012.
  48. ^ (EN) The Official Top 40 Biggest Selling Albums Of 2012 revealed!. URL consultato il 2 gennaio 2013.
  49. ^ Best of 2012 Billboard 200 Albums, Billboard. URL consultato il 15 dicembre 2012.
  50. ^ (DE) SWISS YEAR-END CHARTS 2012. URL consultato il 30 dicembre 2012.
  51. ^ (EN) End Of Year Charts 2013 - Chart Archive, Rianz. URL consultato il 1º gennaio 2014.
  52. ^ (EN) Best of 2013 - Billboard 200, Billboard. URL consultato il 1º gennaio 2014.
Musica Portale Musica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Musica