Dono Doni

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Crocifissione (1583), olio su tavola, Cattedrale di San Rufino, Assisi

Dono Doni, o anche Adone Doni (Assisi, 1505Assisi, 1575), è stato un pittore italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Dono Doni fu allievo di Giovanni Spagna. Successivamente subì l'influsso della maniera di Giulio Romano, diffusa in Umbria da Jacopo Siculo e Raffaellino del Colle.

Nel 1543 decorò, insieme a Raffaellino del Colle, la cappella della Rocca Paolina a Perugia, andata distrutta. Allo stesso anno risale la Natività, conservata nella Pinacoteca civica di Bettona, dove l'influsso di Giulio Romano si somma conoscenza della coeva maniera fiorentina.

La produzione matura coincide con una piena adesione allo stile artistico di Michelangelo

Tra le altre opere principali si ricordano Il Calvario nel refettorio della Basilica di Santa Maria degli Angeli del 1561, una Pietà presente nel Duomo di Gubbio, la Crocifissione (1583) e Deposizione (1583) per la Cattedrale di San Rufino ad Assisi.

Fu maestro ed ispiratore di Ascensidonio Spacca, più noto come il Fantino, e il figlio Lorenzo Doni.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]