Donna Karan

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Donna Karan

Donna Karan, vero nome Donna Ivy Faske (New York, 2 ottobre 1948), è una stilista, imprenditrice e direttrice artistica statunitense, fondatrice della casa di moda DKNY (Donna Karan New York).

Carriera[modifica | modifica sorgente]

Nata a Long Island, sua madre era una modella, mentre il suo patrigno un sarto. La Karan comincia a lavorare nel settore della moda all'età di 14 anni.[1]

Dopo essersi diplomata nel 1966 alla Hewlett High School frequenta la Parson's School of Design di New York per due anni, che però abbandona per poter lavorare presso Anne Klein. In seguito alla morte della Klein, Donna Karan diviene la direttrice artistica del marchio Anne Klein, e ricopre tale ruolo fino al 1989. In quel periodo la Karan lancia diverse importanti linee come la Essentials line e la Seven Easy Pieces. [2][3]

Nel 1973 sposa Mark Karan, da cui divorzierà poco dopo, ma di cui manterrà il cognome.[4] Nel 1985 fonda la propria casa di moda, la DKNY, di medio costo e destinata ad un pubblico giovane, che gestisce insieme al secondo marito Stephan Weiss.[4] DKNY ottiene un ottimo successo, e collabora con diversi altri importanti brand, primo fra tutti Estée Lauder Companies.[4]

Nel corso della propria carriera Donna Karan ha vinto, tra gli altri riconoscimenti, il Council of Fashion Designers of America Award ed il Coty American Fashion Critics Award. Inoltre ha ricevuto una laurea honoris causa dalla Parson's School of Design di New York nel 1987.[4]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Van Gelder, Lawrence. "INTERVIEW; Her Winning Way With Fashion", The New York Times, October 16, 1977. Accessed September 15, 2008. "And suddenly, at the age of 29, Donna Karan, who grew up in Woodmere, Who lied about her age to begin selling women's clothes at 14 in Cedarhurst, and who now lives in Lawrence, was at the top of her fashion world."
  2. ^ Donna Karan Biography and profiles of fashion designers
  3. ^   - Newsday.com
  4. ^ a b c d Dizionario della moda

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 176687 LCCN: n91083716