Donald Stewart, I baronetto

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Donald Stewart, I baronetto
Donald Martin Stewart.jpg
1 marzo 1824 - 26 marzo 1900
Nato a Forres, Scozia
Morto a Algeri
Dati militari
Paese servito Regno Unito Regno Unito
Grado Maresciallo di campo
Guerre Moti indiani del 1857
Seconda guerra anglo-afghana
Comandante di Esercito dell'India Britannica
Decorazioni Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine del Bagno

[senza fonte]

voci di militari presenti su Wikipedia

Sir Donald Martin Stewart, I baronetto (Forres, 1º marzo 1824Algeri, 26 marzo 1900), è stato un militare britannico.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Stewart nacque a Mount Plesant, presso Forres, nel Moray, Scozia; suo padre era rettore dell'Università di Aberdeen nella quale studiò egli stesso dopo aver frequentato le scuole a Findhorn, Duftown ed Eligin.

Intraprese la carriera militare come ufficiale, venendo commissionato nel 1840 nell'Armata del Bengala e tra il 1854 e il 1855 partecipò alle battaglie contro i Mohmand in Afghanistan e in Pakistan.

Durante la Ribellione Indiana del 1857 fece parte dello Stato Maggiore britannico a Delhi e a Lucknow e successivamente alla campagna del Rohilkhand, dove ricevette in due riprese i brevetti di maggiore e tenente colonnello. Nel 1867 partecipò alla spedizione in Abissinia e l'anno seguente fu promosso maggior generale. Riorganizzò la colonia penale delle Isole Andaman, della quale divenne governatore dopo che Richard Bourke, VI conte di Mayo, Viceré dell'India, venne assassinato a Port Blair nelle Isole Adaman; nel 1877 vewnne promosso tenente generale e gli venne affidato il comando di Lahore.

Nel 1878 divenne comandante dell'esercito britannico nel Kahandar durante la Seconda guerra anglo-afghana; per questa campagna raccolse 13.000 uomini dal Multan e dal Punjab; avanzò attraverso il Passo di Bolan per Quetta, per arrivare a Kahandar. La sua avanzata fu incontestata ma i suoi uomini si trovarono in condizioni estreme causate dal clima e dalle sabbie mobili quando finalmente giunsero a Kahandar l'8 gennaio 1879.

Nel marzo 1880 comandò l'avanzata britannica da Kahandar verso Kabul, affrontando e sconfiggendo con forse numericamente inferiori gli afghani ad Ahmed Khel e ad Arzu e divenne il comandante supremo delle truppe britanniche in Afghanistan. Con il Distrastro di Maiwdan, quando le truppe britanniche del comandante Burrows furono clamorosamente battute dagli afghani di Ayub Khan, Stewart perse parte del suo prestigio ma il maresciallo Frederick Roberts riuscì a salvaguardare Stewart lodando la sua gloriosa marcia tra Kagandar e Kabul e il ruolo che aveva avuto nella guerra, evitando così che Stewart venisse silurato; nonostante ciò dovette ritornare in India con parte delle sue truppe attraverso il Passo di Khyber ma ricevette il titolo di Sir e l'Ordine del Bagno. Nel 1881 divenne Comandante in Capo dell'India e divenne membro del Consiglio della Segreteria di Stato dell'India.

Nel 1885 ricevette l'Ordine della Stella d'India e nove anni dopo il titolo di maresciallo di campo; fu governatore del Royal Hospital Chelsea dal 1895 al 1900. Morì ad Algeri e fu inumato nel Cimitero di Brompton, a Londra. Nel 1847 aveva sposato Davina Marine; ebbero due figli e tre figlie.

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

  • Ordine del Bagno
  • Ordine della Stella d'India

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]