Donald Fagen

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Donald Fagen
Donald Fagen in concerto con gli Steely Dan a Lucerna nel 2007
Donald Fagen in concerto con gli Steely Dan a Lucerna nel 2007
Nazionalità Stati Uniti Stati Uniti
Genere Soft rock
Fusion
Pop rock
Periodo di attività 1971 – in attività
Strumento voce, tastiere
Etichetta Reprise Record
Album pubblicati 4
Studio 4
Sito web

Donald Jay Fagen (Passaic, 10 gennaio 1948) è un cantautore e tastierista statunitense. È il cantante e tastierista degli Steely Dan fin dal loro esordio nel 1971.[1]

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Gli Steely Dan[modifica | modifica sorgente]

Donald Fagen è il cofondatore degli Steely Dan assieme a Walter Becker. I due si incontrarono nel 1967 al Bard College di Annadale-on-Hudson, New York ed iniziarono a suonare insieme in vari gruppi locali. Nel 1969, dopo che Fagen si laureò, si trasferirono a Brooklyn per lavorare come cantautori professionisti. Non ottennero molto successo fino a che non incontrarono Gary Katz il quale, appena assunto dalla ABC Records come produttore, li portò con sé a Los Angeles li fece assumere come autori.

Dopo poco tempo Katz si rese conto che le composizioni di Fagen e Becker erano troppo complesse per gli altri artisti dell'etichetta, allora consigliò loro di formare una propria band. Fondati gli Steely Dan, Gary Katz li fece firmare con l'ABC Records divenendo inoltre il produttore di tutti i loro dischi degli anni settanta.

Nei primi due album Fagen divideva il ruolo di cantante e quello di tastierista con David Palmer poiché era restio a cantare in pubblico a causa di un vero e proprio blocco psicologico. Così, anche i brani che sull'album erano cantati da Donald, durante i concerti erano riproposti dalla voce di Palmer. Non appena Gary Katz e Walter Becker si accorsero che senza la voce di Donald le canzoni non sembravano avere lo stesso impatto dal vivo, parlarono con Fagen lo riuscirono a convincere ad assumere il ruolo di unico front man degli Steely Dan. Fagen e Becker maturavano sempre più la voglia di dedicare maggior tempo alla scrittura e alla registrazione dei brani in studio più che ai concerti. Così, i musicisti che si erano uniti a Donald e Walter per formare gli Steely Dan, lasciarono man mano il gruppo che assunse definitivamente la forma di duo nel 1977 quando diedero alle stampe il loro capolavoro Aja.

La carriera solista[modifica | modifica sorgente]

Nel 1978 gli Steely Dan si rimboccarono nuovamente le maniche per dare un degno successore al loro sesto album Aja. Gaucho , il disco che ne venne fuori non deludeva affatto le aspettative ma la sua genesi fu funestata da una serie di sfavorevoli eventi, tra cui alcuni problemi burocratici con le etichette discografiche, che fecero sì che l'album venisse pubblicato solo due anni dopo, nel 1980.

Nel giugno del 1981 Donald Fagen e Walter Becker annunciarono che la loro collaborazione artistica sarebbe stata sospesa per riposarsi e dedicarsi ad altri progetti personali. Donald Fagen compose la canzone True Companion per il film d'animazione Heavy Metal.

Nel 1982 finalmente Donald uscì con un nuovo lavoro discografico: il celebratissimo The Nightfly.[2] Questo fu il primo album di musica pop ad essere totalmente registrato in digitale. Oltre a contenere dei brani eccellenti che ricordano molto da vicino gli ultimi due lavori degli Steely Dan, il disco è ricordato anche per la straordinaria qualità dell'incisione, al punto che ancora oggi viene utilizzato per testare la qualità degli impianti hi-fi. Tra CD ed LP quest'ultimo viene considerato superiore e resta uno dei riferimenti in campo audiofilo. Purtroppo nelle successive realizzazioni gli ingegneri del suono non sono mai riusciti ad eguagliare la strepitosa dinamica e qualità di The Nightfly.

Nel 1988 contribuì nuovamente ad una colonna sonora, scrisse infatti il brano Century's End per il film di James Bridges Le mille luci di New York con Michael J. Fox.

Nel 1991, insieme ad artisti del calibro di Michael McDonald, Boz Scaggs e Phoebe Snow, registra dal vivo l'album The New York Rock & Soul Revue Live At The Beacon, dove, oltre ad alcuni suoi pezzi, vengono eseguiti classici quali Knock On Wood, At Last, Drowning In The Sea Of Love e Minute by minute.

Donald Fagen continuò nel frattempo a collaborare sia in studio che dal vivo con altri artisti e fu autore inoltre di una serie di articoli per il magazine Premiere.

Nel 1993 si rincontrò finalmente con il suo storico collaboratore Walter Becker. Donald infatti coprodusse il lavoro di Becker 11 Tracks of Whack e Becker a sua volta coprodusse il secondo atteso lavoro solista di Fagen, Kamakiriad.

Da questa ritrovata intesa artistica scaturì un tour per tutta l'America con la successiva pubblicazione dell'album dal vivo Alive in America. Questo straordinario evento riportò definitivamente assieme gli Steely Dan i quali pubblicarono altri due album Two Against The Nature nel 2000 e Everything Must Go nel 2004.

Nel 2006, nonostante gli Steely Dan continuassero ad esibirsi live, Donald Fagen ha trovato il tempo di scrivere il suo terzo lavoro solista intitolato Morph The Cat, disco musicalmente più vicino allo storico The Nightfly di quanto lo fosse Kamakiriad.

Morph The Cat ha vinto il Grammy Award come "Miglior Surround Sound Album"; ancora una volta questo ambito riconoscimento finisce nelle mani di Fagen e del pluridecorato tecnico del suono Elliot Scheiner.

È del 2012 il suo ultimo, ottimo lavoro: Sunken Condos.

Lo stile[modifica | modifica sorgente]

Lo stile compositivo di Donald Fagen è tanto inconfondibile quanto inclassificabile[3]. Durante gli anni passati a scrivere canzoni per gli Steely Dan con il suo collega Walter Becker, Fagen ha sviluppato una singolare capacità di accomodare melodie e giri armonici dalla spiccata provenienza jazz nella classica forma canzone.

Le linee vocali sono la cosa che di più lascia disorientato l'ascoltatore che per la prima volta si imbatte nei lavori di questo artista; sono melodie che ci aspetteremmo venir fuori più da un sassofono o da una tromba più che dalla voce di un cantante.

Fagen quasi mai lascia fuori dalle sue orchestrazioni il piano elettrico Fender Rhodes. Gli accordi eseguiti da questo strumento, tra cui il famoso mu maggiore inventato proprio da Fagen e Becker e presente in tutti i dischi degli Steely Dan, sono spesso proposti sotto forma di voicing che mettono in risalto le dissonanze, mentre le chitarre ritmiche fanno ampio uso della tecnica dello stoppato.

Ma l'amore di Fagen per il jazz ed in particolare per Duke Ellington viene palesemente fuori negli arrangiamenti di fiati, veri e propri intarsi curati in ogni minimo dettaglio.

Tutti questi ingredienti sono infine adagiati su di una granitica sezione ritmica in cui gli incastri di basso e batteria danno saggio di tutti gli insegnamenti della scuola Motown e più in generale di tutta la musica nera dagli anni cinquanta in poi.

Il risultato finale è sempre gradevole e "scorrevole" e solo analizzandolo ci si accorge della sua raffinatezza. Per esempio, esistono ben pochi spartiti delle canzoni di Donald Fagen, e ciò proprio per la loro notevole complessità, che le rende praticamente intraducibili.

Discografia[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Steely Dan - Donald Fagen - biografia, recensioni, discografia, foto :: OndaRock
  2. ^ Donald Fagen - The Nightfly :: Le pietre miliari di Onda Rock
  3. ^ Donald Fagen | Biography | AllMusic

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 51875154 LCCN: n91062892