Don't Stop the Party (Black Eyed Peas)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Don't Stop the Party
Bep dont stop the party.jpg
Screenshot del video ufficiale.
Artista The Black Eyed Peas
Tipo album Singolo
Pubblicazione 10 maggio 2011
Durata 6:07 (Album Version)
4:00 (Radio Edit)
Album di provenienza The Beginning
Genere Hip house
Trance
Electro house
Etichetta Interscope
Produttore will.i.am, DJ Ammo
Registrazione 2010
Formati CD, Download digitale
Certificazioni
Dischi d'oro Belgio Belgio[1]
(Vendite: 15.000+)
Italia Italia[2]
(Vendite: 15.000+)
Svizzera Svizzera[3]
(Vendite: 15.000+)
Dischi di platino Australia Australia[4]
(Vendite: 70.000+)
The Black Eyed Peas - cronologia
Singolo precedente
(2011)
Singolo successivo
(2011)

Don't Stop the Party è il terzo singolo estratto dal sesto album dei The Black Eyed Peas, che è stato pubblicato il 10 maggio 2011. La canzone è stata scritta dai quattro componenti del gruppo con la collaborazione di Joshua Alvarez e LeRoy.

Il brano[modifica | modifica wikitesto]

Questo è uno dei tre brani di The Beginning a essere prodotti da Damien LeRoy, insieme a The Time (Dirty Bit) e Do It Like This. Il brano è per la maggior parte di genere hip house ed è stato annunciato come terzo singolo dell'album sul sito ufficiale dei Black Eyed Peas il 9 maggio 2011.[5] Durando oltre sei minuti, è la traccia più lunga dell'album.[6]

Video musicale[modifica | modifica wikitesto]

Il video è stato diffuso il 10 maggio 2011. Diretto da Ben Mor, vede protagonisti tutti i membri, ripresi durante il tour di The E.N.D. in Brasile, sul palco e nel backstage. Inoltre sono state effettuate delle riprese dal jet privato del gruppo.

Esibizioni[modifica | modifica wikitesto]

I Black Eyed Peas hanno cantato il brano a The Paul O'Grady Show il 13 maggio 2011. Quattro giorni dopo, l gruppo ha cantato Don't Stop the Party anche a X Factor Francia . La canzone è inclusa nella scaletta del loro tour promozionale chiamato The Beginning Massive Stadium Tour, titolo che ricorda il nome dell'album The Beginning, nel quale è contenuta anche questa canzone.

Classifiche[modifica | modifica wikitesto]

Classifiche internazionali[modifica | modifica wikitesto]

Classifica (2011) Posizione
massima
Australia[7] 16
Austria[8] 5
Belgio (Fiandre)[7] 6
Belgio (Vallonia)[7] 3
Canada[9] 18
Francia[7] 3
Germania[10] 27
Irlanda[11] 10
Nuova Zelanda[7] 9
Paesi Bassi[7] 75
Regno Unito[12] 17
Repubblica Ceca[13] 12
Slovacchia[14] 15
Svizzera[7] 25

Classifiche di fine anno[modifica | modifica wikitesto]

Classifica (2011) Posizione
Francia[15] 19

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ ultratop.be - ULTRATOP BELGIAN CHARTS
  2. ^ CERTIFICAZIONE Singoli Digitali della settimana 8 del 2013, Federazione Industria Musicale Italiana. URL consultato il 4 marzo 2013.
  3. ^ The Official Swiss Charts and Music Community
  4. ^ Top 50 Singles Chart - Australian Record Industry Assocation
  5. ^ (EN) The next BEP single is..... URL consultato il 27 dicembre 2012.
  6. ^ (EN) Will.i.am Breaks Down Black Eyed Peas' New Disc. URL consultato il 27 dicembre 2012.
  7. ^ a b c d e f g Don't Stop the Party nelle classifiche mondiali.
  8. ^ oe3.ORF.at / Woche 43/2011
  9. ^ Andamento Don't Stop the Party nella classifica del Canada.
  10. ^ Andamento Don't Stop the Party nella classifica della Germania.
  11. ^ The Black Eyed Peas - Don't Stop The Party - Music Charts
  12. ^ Andamento Don't Stop the Party nella classifica del Regno Unito.
  13. ^ Andamento Don't Stop the Party nella classifica della Repubblica Ceca.
  14. ^ Andamento Don't Stop the Party nella classifica della Slovacchia.
  15. ^ http://proxy.siteo.com.s3.amazonaws.com/www.disqueenfrance.com/file/4bis100singlesfusionnesnep.pdf
Musica Portale Musica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Musica