Dominique Biancolelli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Domenico Giuseppe Biancolelli, detto Dominique (Bologna, 1636Parigi, 1688), è stato un attore italiano che recitava come Arlecchino.

Nato a Bologna da Francesco Biancolelli e Isabella Franchini in arte Colombina, fu iniziato al ruolo di secondo Zanni dal padrino Carlo Cantù (in arte Buffetto), recitò dal 1662 con la troupe della Comédie-Italienne a Parigi installata nel teatro del Palais-Royal. Fu forse l'Arlecchino più famoso di questa compagnia e di tutto il periodo francese della commedia dell'arte.

Fu ammirato nei suoi lazzi che erano di sovente acrobatici.

Nel 1663, sposò Orsola Cortesi e ambedue furono naturalizzati francesi nel 1680. Diventato capocomico fu colui che francesizzò la Comédie-Italienne. Fino alla sua morte avvenuta nel 1688 resterà il comico favorito di Luigi XIV.

Dell'opera di Biancolelli ci sono rimasti uno zibaldone che contiene ben 79 canovacci delle sue commedie, anche se in realtà ne compose in tutto 163, essenziale per la conoscenza del fenomeno della commedia dell'arte in Francia.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Delia Gambelli
    • "Quasi un recamo di concertate pezzette": le composizioni sul comico dell'Arlecchino Biancolelli, in Biblioteca Teatrale., 1, 1971, pp. 47-95.
    • Arlecchino a Parigi: dall'inferno alla corte del Re Sole - Roma, Bulzoni, 1993.
  • Thomas Heck, Book Review: Arlecchino a Parigi: Lo Scenario di Domenico Biancolelli in Theatre Journal - Volume 50, 4, dicembre 1998, pp. 545-546
  • Sergio Monaldini, Arlecchino figlio di Pulcinella e Colombina. Note sulla famiglia Biancolelli, tra Bologna e Parigi in L'Archiginnasio - XCI, 1996, pp. 83-161