Dominio di primo livello nazionale

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Mappa politica del mondo con relativi ccTLD

I domini di primo livello nazionali (in inglese Country Code Top Level Domain, acronimo ccTLD) sono riservati agli Stati o territori dipendenti e sono formati da due lettere. Molti di loro corrispondono ai codici ISO 3166-1.

Autorizzazione[modifica | modifica sorgente]

L'ICANN autorizza l'ente (registration authority) che in ogni Stato si occupa dell'assegnazione dei ccTLD.

L'authority si avvale a sua volta di intermediari privati ai quali si rivolgono i singoli utenti. Solo gli intermediari accreditati dispongono di una interconnessione sincrona i registri del ccTLD e dei domini generici di primo livello, e possono quindi registrare nuove utenze.

Intermediari[modifica | modifica sorgente]

Fra gli intermediari accreditati e la clientela possono aggiungersi una serie di altre società non accreditate che comprano domini e li rivendono, senza potere registrare alcun sito.

Propriamente, il registrar è un intermediario scelto dall'ente che si occupa di assegnare i ccTLD; il maintainer è la società accreditata per assegnare i domini generici di primo livello. Spesso, le due parole sono usate come sinonimi.

Registrazione[modifica | modifica sorgente]

Le procedure di registrazione sono in molti casi completamente automatiche, non richiedono la firma di moduli cartacei inviati a mezzo posta, e consentono il pagamento con carta di credito. I tempi di attivazione di un sito si riducono in questo modo a meno di un giorno.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]