Domenico Rotella

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Domenico Rotella (disambigua).

Domenico Rotella (Roma, 2 gennaio 1953) è un giornalista, scrittore e saggista italiano specializzato in studi di letteratura equestre e di romanistica (studi multidisciplinari sulla città di Roma), nonché direttore di periodici d'informazione. È parente dell'omonimo artista[1].

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Giornalista pubblicista dal 1989, dal 1990 al 1994 è stato direttore responsabile del mensile di informazione locale L'Aniene è…. pubblicato a Roma nel quadrante est. Dal 1991 è direttore responsabile del mensile di informazione Notizie in Controluce, diffuso nell'area dei Castelli Romani e Prenestini. Dal 2012 è direttore responsabile anche del periodico a diffusione nazionale Tràdere, organo ufficiale della Confederazione delle Confraternite delle Diocesi d'Italia, eretta dalla Conferenza Episcopale Italiana con decreto del 14 aprile 2000. In tale veste - nell'ambito degli eventi programmati per l'Anno della fede dal Pontificio consiglio per la promozione della nuova evangelizzazione - è stato chiamato a far parte del Comitato Organizzatore della Giornata Mondiale delle Confraternite che si è tenuta a Roma dal 3 al 5 maggio 2013 e che ha avuto il suo culmine nella celebrazione in piazza San Pietro presieduta da papa Francesco.

Autore di racconti e opere teatrali, nell'aprile del 2002 ha partecipato al premio Il nome della prosa – Prima rassegna di teatro emergente patrocinato dalla Provincia di Roma. Il dramma inedito Orion è stato ivi rappresentato, ottenendo la “Menzione speciale della giuria”. Ha partecipato come concorrente a diversi quiz televisivi: Il pranzo è servito (Canale 5; 1986), Passaparola (Canale 5; 2001, 2003, 2005), Azzardo (Italia 1; 2007)[2].

Nell'ambiente ippico italiano è noto come uno dei principali studiosi di letteratura equestre, ossia la ricerca organica di quel complesso di informazioni (episodi, aneddoti, eventi, ecc.) legati alla figura del cavallo nell'arte, folklore, sport, cronaca, opere letterarie. Ha esordito come esperto del settore collaborando all'agenzia di stampa Mondo Ippico dal 1985 al 1990. Ha poi collaborato ad un'apposita rubrica sul mensile specialistico nazionale Il Mio Cavallo dal 1992 al 2003, mentre è stato titolare di una rubrica settimanale sull'unico quotidiano ippico italiano Lo Sportsman dall'ottobre 1998 al maggio 2000. Nel corso del 1995 ha collaborato, sull'argomento, anche col quotidiano Il Giornale. Dal 2008 al 2012 ha curato una rubrica di letteratura equestre sul mensile di settore Derby, già Sports.

Ricercatore e cultore di romanistica, si è interessato al fenomeno delle corse dei cavalli in Roma e, più in generale, di tutta la tradizione equestre capitolina. Nel 1996 ha pubblicato il volume “L'ippica a Roma 1844-1884”, unica pubblicazione esistente che tratti in modo organico il tema delle corse dei cavalli nel periodo indicato. Per tale peculiarità, oltre che in varie e importanti biblioteche pubbliche e private di Roma, l'opera è stata acquisita al catalogo della Biblioteca Universitaria Alessandrina presso l'Università "La Sapienza", della Biblioteca Nazionale Centrale di Roma nonché a quella della "Fondazione Marco Besso". Negli ultimi anni è stato più volte invitato dal consesso di accademici denominato "Gruppo dei Romanisti" a produrre lavori monografici su temi equestri inediti, da pubblicare sulla prestigiosa rivista Strenna dei Romanisti edita ogni anno dal 1940 (v. nelle Pubblicazioni). Nel 2011 è stato cooptato nel Gruppo come componente effettivo.

Molto attivo nel campo dell'associazionismo cattolico e della difesa dei valori tradizionali, nel 1977 entrò a far parte dell'Arciconfraternita di Santa Maria dell'Orto, sodalizio laico con finalità religiose istituito a Roma nel 1492 da papa Alessandro VI presso la omonima chiesa nel rione Trastevere ed ancor oggi il più antico - fra quelli di devozione mariana - ancora operante nell'Urbe. Dal 1992 al 2001 vi ha ricoperto la carica di Guardiano (consigliere d'amministrazione) e Vice Camerlengo (vice presidente), mentre dal 2005 ha assunto la carica di Camerlengo (presidente). Nel frattempo, nel 1996 è stato candidato al Consiglio Comunale di Roma in una lista civica di ispirazione cattolica capeggiata dal principe Sforza Ruspoli. Nel 1999 ha invece fondato e diretto, fino alla cessazione delle pubblicazioni nel 2003, il bimestrale “Utopia/S.O.S. Maternità” dedicato ad argomenti di bioetica e di difesa della famiglia. Dal 2001 è consigliere del Centro “Luigi Huetter” per lo studio e la documentazione sulle Confraternite e le Università di Mestiere romane con sede a Roma. Dal 2007 fino alla cessazione delle pubblicazioni (2011) ha collaborato alla pagina culturale di Diaconia Christi, periodico d'informazione della Pastorale sanitaria della Diocesi di Roma.


Grande Ufficiale dell'Ordine Equestre del Santo Sepolcro di Gerusalemme.

Cavaliere del pontificio Ordine di San Silvestro Papa.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Figlio d'un cugino
  2. ^ Un breve profilo biografico gli è stato dedicato in un volume dedicato a "50 anni di storia d'Italia attraverso i telequiz" (Ferdinando Sallustio, "Un popolo di concorrenti" (prefazione di Renzo Arbore); Tascabili Bompiani; Bergamo 2008; pag. 185-186.

Pubblicazioni[modifica | modifica wikitesto]

Oltre alle opere già indicate, si segnalano in particolare i seguenti lavori:

  • Un ippodromo dimenticato: il Parioli – Rivista “L'Urbe”, fasc. 1, Gen/Feb 1988; Palombi Editori, Roma. È l'unica monografia esistente su quest'ippodromo romano che operò tra il 1911 ed il 1929.
  • Le corse all'inglese – Volume “Strenna dei Romanisti” anno LX; Ediz. Roma Amor, 1999. Argomento: le prime corse ippiche in quella parte di Campagna Romana che oggi è urbanizzata (Prati Fiscali, Tuscolano, Tor di Quinto, ecc.).
  • Lo scalino di re Umberto I - Volume “Strenna dei Romanisti” anno LXVI; Ediz. Roma Amor, 2005. Argomento: un momento sconosciuto circa la passione equestre di re Umberto di Savoia.
  • Roma 1865: corse di cavalli e una presunta manifestazione patriottica - Volume “Strenna dei Romanisti” anno LXVII; Ediz. Roma Amor, 2006.
  • Roma sconosciuta: le corse di cavalli al fantino - Volume “Strenna dei Romanisti” anno LXVIII; Ediz. Roma Amor, 2007. Argomento: le corse urbane in Piazza Navona ai primi dell'Ottocento.
  • Le cavalcate sacre - Volume “Strenna dei Romanisti” anno LXX; Ediz. Roma Amor, 2009. Argomento: il corteo papale del "possesso" tra fasto e misticismo.
  • Lo sconosciuto illustrissimo - Roma, 2009. Argomento: Vita e morte di Bertie Bertie-Mathew, nobile inglese, cofondatore delle cacce alla volpe a Roma nel 1844.
  • Piccolo dizionario di S. Maria dell'Orto / Cinque secoli di tradizioni romane - Aracne Editrice, Roma 2012 - Un viaggio lungo mezzo millennio all'interno della più antica Confraternita mariana di Roma. Il volume è stato presentato in anteprima a papa Benedetto XVI al termine dell'Udienza generale (nella parte finale definita Udienza di Baciamano) del 24 ottobre 2012 in piazza San Pietro. È stato poi acquisito al catalogo della Biblioteca Apostolica Vaticana, della Biblioteca del Congresso degli Stati Uniti d'America nonché delle Biblioteche delle Università di Stanford in California e di Heidelberg in Germania.