Domenico Pellegrini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Domenico Pellegrini (Galliera Veneta, 19 marzo 1759Roma, 4 marzo 1840) è stato un pittore italiano.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Da non confondere con il pittore manierista detto "Il Pellegrini", Domenico Pellegrini compì i suoi primi studi a Venezia e quindi a Roma, dove fu allievo di Domenico Corvi. Nel 1792 partì per Londra, dove si mise a frequentare la Real Accademia delle Arti, incoraggiato dall'amico e mentore Francesco Bartolozzi, cui dedicò un ritratto.[1]

Visse per lungo tempo nella capitale inglese dove lavorò ed espose fino al 1812, quando si trasferì a Lisbona, sempre su consiglio del Bartolozzi, che già vi risiedeva.

Dopo qualche tempo tornò in Italia, dove operò soprattutto a Roma e Milano.

Fra le sue opere principali si ricordano quelle realizzate nell'ambito del ciclo dei cosiddetti quadroni di San Carlo, cui contribuirono anche altri artisti e che ancor oggi vengono esposti in pubblico annualmente all'interno del Duomo di Milano fra novembre e dicembre, durante le celebrazioni in onore di San Carlo Borromeo.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ F. Bartolozzi, 1794, Venezia, gall. dell'Accademia

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]