Domenico Carbone

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Domenico Carbone (Carbonara Scrivia, 16 luglio 1823Firenze, 20 marzo 1883) è stato un patriota e scrittore italiano, volontario nelle guerre del Risorgimento, provveditore agli studi di Torino e autore per l'infanzia.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Fu membro del consiglio del Collegio Reale delle Fanciulle in Milano. Fra le sue satire, composte sulla scia di quelle di Giuseppe Giusti, la più nota è “Re Tentenna”, allusione all'indecisione e ai frequenti cambiamenti di Carlo Alberto. L'epiteto affibbiato al re, che da allora in poi diventò popolare e passò alla storia, gli procurò l’esilio, e lo costrinse a spostarsi prima a Roma e poi a Firenze[1]. Significative sono anche le composizioni “Sono Italiano”, che lo colloca nell’ambito del patriottismo mazziniano, e “Don Ciccia al congresso di Villanovetta”, che prende in giro il clero reazionario. Oltre che del Giusti, egli sentì l’influenza d’altri poeti, quali, Giovanni Berchet, Francesco Dall’Ongaro e Giovanni Prati. Importante è pure il suo carteggio. Alcune sue opere sono state pubblicate postume.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • Sono Italiano: canto popolare / poesia di Domenico Carbone; musica di Ermanno Picchi (Guidi, Firenze, 1856)
  • All’esercito italiano reduce di Crimea: canto (Rossi, Tortona, 1856)
  • Il libro del profeta Pippo: ditirambo (Rossi, Tortona, 1857)
  • Le due sorelle / Il cavaliere italiano / N. Vineis! (Galimberti, Cuneo, 1860)
  • Il Novellino, ossia Libro di bel parlar gentile ridotto a uso delle scuole e riveduto sui manoscritti per cura di Domenico Carbone; con aggiunta di dodici novelle di Franco Sacchetti e con note di vari (Barbera, Firenze, 1868 e successive edizioni)
  • L'educazione dello spirito: discorso detto nella premiazione degli alunni delle scuole elementari addì 15 gennaio 1875 (Botta, Torino, 1875)
  • L’educazione del cuore: discorso detto nella premiazione degli alunni delle scuole elementari il 12 gennaio 1876 (Botta, Torino,1876)
  • Amedeo di Savoia duca d’Aosta (Capaccini, Roma, 1890)
  • Carteggio dal 1845 al 1850, a cura della figlia Bice e del nipote Domenico Carbone (Cogliati, Milano, 1922)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Fonte: U. Rozzo, Dizionario Biografico degli Italiani, riferimenti in Collegamenti esterni.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Carmelo Ciccia, Domenico Carbone e il “Don Ciccia”, in Impressioni e commenti, Virgilio, Milano, 1974.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • Mario Menghini, «CARBONE, Domenico» la voce nella Enciclopedia Italiana, Volume 8, Roma, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 1930.
  • Ugo Rozzo, «CARBONE, Domenico» in Dizionario Biografico degli Italiani, Volume 19, Roma, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 1976.

Controllo di autorità VIAF: 35379259 LCCN: nr89000636 SBN: IT\ICCU\LO1V\089449