Domenico Alberto Azuni

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Domenico Alberto Azuni

Domenico Alberto Azuni (Sassari, 3 agosto 1749Cagliari, 23 gennaio 1827) è stato un giurista e magistrato del Regno di Sardegna e del Primo Impero francese.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nacque nel 1749 a Sassari da famiglia medio borghese, suo padre era farmacista. Il 29 gennaio 1772 si laureò in giurisprudenza nell'Università di Sassari. Esercitò l'avvocatura dapprima a Sassari e dal 1774 a Torino, dove esercitò fino al 1777 fino a quando non assunse la carica di funzionario dell'ufficio generale delle Finanze, fino a raggiungere, nel 1780 il grado di vice intendente generale a Nizza. Nella stessa città nel 1782 fu elevato alla carica di giudice del Consolato di commercio di Nizza e poté approfondire gli studi di giurisprudenza riguardanti le norme del commercio marittimo internazionale[1]. Fra il 1786 ed il 1788 pubblicò in quattro tomi il Dizionario universale ragionato di giurisprudenza mercantile. Per questo motivo nel 1789 il re di Sardegna Vittorio Amedeo III lo nominò senatore e nel 1791 lo incaricò di predisporre il codice della marina mercantile del Regno di Sardegna. Il progetto non si attuò per l'occupazione di Nizza da parte dei francesi nel 1792 e Azuni si rifugiò a Torino. Accusato di giacobinismo, per cui gli furono confiscati i beni, fu costretto a trasferirsi a Firenze, Trieste, Venezia e altre città. Durante questi anni di esilio aveva lavorato al Sistema universale dei principi del diritto marittimo d’Europa che pubblicò in due tomi fra il 1795/76 a Firenze. L'opera fu molto apprezzata e Azuni riscosse tanta fama fino ad ottenere da parte di Napoleone l'incarico di partecipare alla stesura del Code de commerce, che fu adottato nel 1807. Ottenuta la cittadinanza francese andò a vivere a Parigi.

Tra il 1799 e il 1802 diede alle stampe il libro Essai sur l'histoire géographique, politique et naturelle du royaume de Sardaigne. Il 4 giugno 1807 fu nominato presidente del Tribunale di appello di Genova, dove rimase fino al 1814, anno dell'occupazione inglese di Genova[2]. Nel 1818 fu richiamato in Sardegna da Vittorio Emanuele I che lo nominò giudice del Consolato di Cagliari e direttore della biblioteca dell'Università di Cagliari[3]. Azuni morì nel 1827 a Cagliari e fu sepolto nella Basilica di Bonaria.

A Sassari gli è dedicata una centralissima piazza, ove è stato collocato il suo monumento, ed un Liceo classico, mentre Cagliari ha dedicato a lui una via e l'Istituto Professionale di Stato per i servizi commerciali, turistici.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

In italiano[modifica | modifica wikitesto]

La statua di D.A. Azuni a Sassari
  • Dizionario universale ragionato della giurisprudenza mercantile, IV tomi, Nizza, Società Tipografica, 1788.
  • Dissertazione sull’origine della bussola nautica letta alla Reale Accademia fiorentina..., Firenze, F. Stecchi, 1795.
  • Sistema universale dei principi del dritto marittimo dell’Europa, Firenze, Granducale, 1795-1796 (successive edizioni Trieste, 1796 e 1797, e New York, 1806. Traduzioni francesi Parigi, 1797, 1801 e 1805, con il titolo Droit maritime de l'Europe)
  • Il Mentore perfetto dei negoziati, Trieste, 1797.
  • Osservazioni polemiche, Genova, 1816.
  • Della pubblica amministrazione sanitaria in tempo di peste colle leggi proprie…, Cagliari, Stamperia Reale, 1820.
  • Intorno alla pirateria; Sullo stato naturale dell’uomo, a cura di S. Cocco Solinas, Sassari, G. Dessì, 1892.
  • Saggio sulla storia geografica, politica e naturale del Regno di Sardegna, "La regione", Vol. 1, Cagliari, 30/9/1922.
  • Saggio sulla libertà di stampa, "La regione", Vol. 2, Cagliari, 28/02/1925.
  • Storia geografica politica e naturale della Sardegna, Sassari, Società Sardamare, 1950.
  • Elogio della pace, (a cura di A. Delogu), Cagliari, 1994.
  • Discorso sui pericoli della libertà di stampa: versione francese e italiana, (a cura di A. Crisci),Sassari, 1998

In francese[modifica | modifica wikitesto]

  • (FR) Essai sur l’Histoire géographique, politique et naturelle du Royaume de Sardaigne, Paris, Leroux, 1799-1800.
  • (FR) Système universel des principes du droit maritime de l’Europe, ou Tableau versitòet raisonné…, Paris, J. C. Poncelin, 1801-1802.
  • (FR) Consultation pour le M. le marq. d’Yrauda, Paris, 1801.
  • (FR) Histoire géographique, politique et naturelle de Sardaigne, Paris, Levrault frères, 1802.
  • (FR) Mémoire pour les coutiers de Marseille, Paris, 1803.
  • (FR) Notice sur les voyages maritimes de Pytheas de Marseille, Marseille, Imprimerie de la Société Typographique, 1803-1804.
  • (FR) Droit maritime de l’Europe par M. D. A. Azuni, Paris, Charles, 1805 e Riproduzione Anastatica, Torino, 1972.
  • (FR) Dissertation sur l’origine de la boussole, Paris, A. Renouard, 1805.
  • (FR) Appel au gouvernement des vexations exercées par le corsare français l’Aventurier contre des negocians liguriens, Genes, 1806.
  • Origine et progrés du droit et de la legislation maritime, Paris, A. Beraud, 1810.
  • Recherches pour servir à l’histoire de la piraterie, avec un precis des moyens..., Genova, A. Ponthenier, 1816.
  • Système universel des armaments en course et des corsaires en temps de guerre suivi d’un precis des moyens…, Genes, H. Bonaudo, 1817.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • P. Tola, Dizionario biografico degli uomini illustri di Sardegna, Torino, 1837-38
  • G. Siotto Pintor, Storia letteraria di Sardegna, Cagliari, Tipografia Timon, 1843-44
  • L. Mossa, Domenico Alberto Azuni, Sassari, Gallizzi, 1927.
  • L. Ziriola, Domenico Alberto Azuni: commemorazione ufficiale nel primo centenario della morte dell’Azuni, Sassari, Stamperia della libreria italiana e straniera, 1928.
  • R. Ciasca, Bibliografia sarda, Roma, 1931-34
  • F. Alziator, Storia della letteratura di Sardegna, Cagliari, Edizioni della Zattera, 1954.
  • L. Berlinguer, Sui progetti di codice di commercio del regno d’Italia, 1807-1808, Milano, Giuffrè, 1970.

Titoli[modifica | modifica wikitesto]

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Azuni, Domenico Alberto Dizionario Biografico degli Italiani - Volume 4 (1962)Treccani.it
  2. ^ Fra il 17 e il 22 aprile 1814
  3. ^ 1911 Encyclopædia Britannica/Azuni, Domenico Alberto
  4. ^ Dissertation sur l'origine de la boussole suivie d'une lettre du même auteur,en réponse au Mémoire de M. Hager, 2ª Edizione, H. Nicolle, Librairie Stéréotype editore, Parigi, 1809 Leggere in linea

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 120733337 · LCCN: n85240641 · GND: 100021980 · BNF: cb12551960x (data)
biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie