Dolichorhynchops

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Dolichorhynchops
Stato di conservazione: Fossile
Dolichorhynchops BW.jpg
rappresentazione artistica
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Sottoregno Eumetazoa
Ramo Bilateria
Superphylum Deuterostomia
Phylum Chordata
Subphylum Vertebrata
Infraphylum Gnathostomata
Microphylum Sarcopterygii
Superclasse Tetrapoda
Classe Reptilia
Sottoclasse Diapsida
Infraclasse Lepidosauromorpha
Superordine Sauropterygia
Ordine Plesiosauria
Sottordine Plesiosauroidea
Famiglia Polycotylidae
Genere Dolychorhynchops
Specie
  • D. osborni
  • D. bonneri
  • D. herschelensis

Dolychorhynchops (letteralmente "faccia dal muso lungo") è un genere di plesiosauri vissuti nel Nord America, e più in particolare nel Western Interior Seaway (quello che è attualmente il Kansas), durante il Cretaceo. Questi animali si estinsero all'incirca 65 milioni di anni fa insieme ad alti plesiosauri e alla maggior parte delle creature che abitavano la terraferma.

Al genere vengono ascritte tre specie, tutte lunghe all'incirca 4.5 metri, per un peso totale da vive stimato attorno ai 230 chilogrammi.

Animali vivipari[modifica | modifica wikitesto]

Resti fossili di Dolychorhynchops hanno dimostrato che i plesiosauri davano alla luce piccoli già formati. Fossili di piccoli di Dolychorhynchops non nati sono stati trovati dentro la cavità corporea della madre. I Dolychirhynchops aspettavano probabilmente due o tre cuccioli relativamente grandi insieme. I piccoli venivano alla luce nelle acque costiere; i giovani, poi, rimanevano nelle acque basse con la sicurezza della protezione delle madri, finché c'era abbondanza di cibo, probabilmente rimanevano lì, ma quando le loro prede migravano in acque più profonde, anch'essi dovevano partire per seguirle.

Prede e predatori[modifica | modifica wikitesto]

Un esemplare in rapporto a un uomo.

I Dolychorhynchops erano spesso prede di mosasauri, come il Tylosaurus, o di squali, come il Cretoxyrhina.
Si ritiene che i Dolychorhynchops vivessero in branchi di cinque o sei individui e attaccassero avventandosi in mezzo a banchi di Enchodus e/o di Caproberyx, che erano il cibo quotidiano di questi animali, la configurazione della mascella dentata, che aveva 30-40 denti affilatissimi che però non erano fatti per lacerare la carne, ma solo per afferrare, perciò si ritiene che ingoiassero la preda intera, lascia supporre che si nutrivano di pesci di piccola taglia, che venivano afferrati con i denti inclinando la testa di lato. La ristrettezza del cranio e le mascelle lunghe e sporgenti limitavano la dimensione degli animali di cui potevano nutrirsi, probabilmente dovevano cibarsi di un gran numero di piccole prede per accumulare tutta l'energia di cui avevano bisogno. I Dolychorhynchops, come anche altri plesiosauri, avevano occhi grandi che li aiutavano a localizzare la preda in acque debolmente illuminate. A parte questo, conosciamo relativamente poco dei loro sensi. Non ci sono prove che avessero orecchie esterne, mentre quelle interne, che assicuravano al Dolychorhynchops un senso di equilibrio, dovevano essere ben sviluppate per permettere di nuotare e cacciare nell'ambiente sottomarino.

Una forma aerodinamica[modifica | modifica wikitesto]

Scheletro di D. osborni.

Tutto lascia intendere che i Dolychorhynchops si muovessero nell'acqua usando gli arti come ali di un uccello, volando così nell'acqua. In una sezione trasversale, gli arti del Dolychorhynchops assomigliavano fortemente alle ali di un aeroplano, con un bordo sovrastante spesso, una superficie curva, e un bordo posteriore sottile. Le punte di questi arti forse si flettevano leggermente mentre l'animale nuotava nell'acqua, riducendo la turbolenza e migliorando l'efficienza, un po' come le alette di un moderno jet. I quattro arti si muovevano insieme per generare la spinta, spostando in avanti il corpo del plesiosauro e permettendogli effettivamente di librarsi nell'acqua. Qualche vogata e qualche deviazione permetteva all'animale di cambiare direzione o svoltare velocemente, come possiamo osservare nel volo acquatico dei pinguini. Il Dolychorhynchops aveva, molto probabilmente, una pelle lisca e non squamosa. L'animale aveva solamente venti vertebre cervicali. Spalla e cinture pelviche erano connesse alla spina dorsale e servivano da punti di attacco per gli ampi fasci di muscoli con cui muovevano gli arti. Ognuna delle quattro natatoie del Dolychorhynchops era costituita da centinaia di ossa che si combinavano a puzzle, questo forniva una perfetta forma aerodinamica per la vita sottomarina. Era l' equivalente Cretaceo dei delfini.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Adams, D. A. 1977. Trinacromerum bonneri, a new polycotylid plesiosaur from the Pierre Shale of South Dakota and Wyoming. Unpublished Masters thesis, University of Kansas, 97 pages.
  • Adams, D. A., 1997. Trinacromerum bonneri, new species, last and fastest pliosaur of the Western Interior Seaway. Texas Journal of Science, 49(3):179-198.
  • Bonner, O. W. 1964. An osteological study of Nyctosaurus and Trinacromerum with a description of a new species of Nyctosaurus, Unpub. Masters Thesis, Fort Hays State University, 63 pages.
  • Carpenter, K. 1996. A Review of short-necked plesiosaurs from the Cretaceous of the western interior, North America, Neues Jahrbuch für Geologie und Paläeontologie Abhandlungen, (Stuttgart) 201(2):259-287.
  • Everhart, M. J. 2003. First records of plesiosaur remains in the lower Smoky Hill Chalk Member (Upper Coniacian) of the Niobrara Formation in western Kansas. Kansas Academy of Science, Transactions 106(3-4):139-148.
  • Everhart, M. J. 2004a. Plesiosaurs as the food of mosasaurs; new data on the stomach contents of a Tylosaurus proriger (Squamata; Mosasauridae) from the Niobrara Formation of western Kansas. The Mosasaur 7:41-46.
  • Everhart, M. J. 2004b. New data regarding the skull of Dolichorhynchops osborni (Plesiosauroidea: Polycotylidae) from rediscovered photos of the Harvard Museum of Comparative Zoology specimen. Paludicola 4(3):74-80.
  • Everhart, M. J. 2005. Oceans of Kansas - A Natural History of the Western Interior Sea. Indiana University Press, 322 pp.
  • Everhart, M.J., R. Decker and P. Decker. 2006. Earliest remains of Dolichorhynchops osborni (Plesiosauria: Polycotylidae) from the basal Fort Hays Limestone, Jewell County, Kansas. Kansas Academy of Science, Transactions 109(3-4): 261 (abstract).
  • Everhart, M. J. 2007. Sea Monsters: Prehistoric Creatures of the Deep. National Geographic, 192 p. ISBN 978-1426200854
  • O'Keefe, F. R. 2004. On the cranial anatomy of the polycotylid plesiosaurs, including new material of Polycotylus latipinnis Cope, from Alabama. Journal of Vertebrate Paleontology 24(2):326-340.
  • Sato, T., 2005. A new Polycotylid Plesiosaur (Reptilia: Sauropterygia) from the Upper Cretaceous Bearpaw Formation in Saskatchewan, Canada. Journal of Paleontology, 79: 969-980.
  • Sternberg, C. H. 1922. Explorations of the Permian of Texas and the chalk of Kansas, 1918. Kansas Academy of Science, Transactions 30(1): 119-120.
  • Sternberg, G. F. and M. V. Walker. 1957. Report on a plesiosaur skeleton from western Kansas. Kansas Academy of Science, Transactions, 60(1):86-87.
  • Williston, S. W. 1902. Restoration of Dolichorhynchops osborni, a new Cretaceous plesiosaur, Kansas University Science Bulletin, 1(9):241-244, 1 plate.
  • Williston, S. W. 1903. North American plesiosaurs, Field Columbian Museum, Pub. 73, Geological Series, 2(1):1-79, 29 plates.

Nella cultura moderna[modifica | modifica wikitesto]

Il Dolichorhynchops compare nel film Sea Monsters: A Prehistoric Adventure.