Dogville

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Dogville
Dogville.JPG
La cittadina di Dogville in una delle prime immagini del film
Titolo originale Dogville
Lingua originale Inglese
Paese di produzione Danimarca, Svezia, Italia, Norvegia, Paesi Bassi, Finlandia, Germania, Stati Uniti d'America, Regno Unito, Giappone
Anno 2003
Durata 171 min (versione cinematografica italiana 138 min)
Colore colore
Audio sonoro
Genere drammatico
Regia Lars von Trier
Soggetto Lars von Trier
Sceneggiatura Lars von Trier
Produttore Peter Aalbæk Jensen, Vibeke Windeløv, Zentropa
Fotografia Anthony Dod Mantle
Montaggio Molly Marlene Stensgård
Musiche Antonio Vivaldi ("Cum dederit" da Nisi Dominus, RV 608)
Scenografia Simone Grau
Interpreti e personaggi
Doppiatori originali
Doppiatori italiani

Dogville è un film del 2003 diretto da Lars von Trier presentato in concorso al 56º Festival di Cannes.[1]

È stato seguito nel 2005 da Manderlay.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Il film è ambientato agli inizi degli anni trenta. Grace, una giovane donna in fuga da alcuni gangster, arriva a Dogville dove, nonostante l'iniziale titubanza se accoglierla o meno, trova rifugio in cambio di piccoli lavoretti a servizio di ciascuno degli abitanti. Inizialmente rifiutati con pudore i suoi servigi, successivamente pare rintracciabile un equilibrio e Grace sembra trovarsi bene nel paesino, la donna sarà progressivamente vittima di ricatti, sfruttamenti e violenze di ogni genere, ed i piccoli lavoretti diventeranno sempre più uno stato di schiavitù, fino all'apposizione di una catena al collo dopo la tentata fuga dalla comunità. Nonostante ciò la giovane protagonista perdona tutto, volendo accettare la meschinità altrui. La parte finale del film vede l'arrivo del padre di Grace a Dogville. Era lui, come si saprà, a essere il capo dei gangster, da cui Grace era fuggita per evitare di condividerne la vita. Dopo un dialogo tra Grace e suo padre la donna comprende l'infondatezza del suo precedente comportamento e decide di far affrontare a Dogville la responsabilità di ciascuna azione passata. Fa uccidere tutti gli abitanti ed appiccare fuoco alla città; lei stessa uccide Tom, il suo compagno. I titoli di coda hanno come sottofondo una serie di foto che, al suono di Young Americans di David Bowie, indicano la chiave di lettura del film.

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

  • il film ebbe un notevole successo, soprattutto grazie ad un nutrito cast di stelle di fama internazionale
  • in tutto il mondo è uscita una versione da 178 minuti, ridotta in Italia per la pressione dei distributori
  • Nicole Kidman affermò d'essere uscita dalle riprese "molto turbata", dichiarando che non avrebbe più girato con Von Trier[2]
  • il nome della cittadina rimanda alle "qualità" dei suoi ipocriti abitanti
  • Nel luglio 2011, in seguito agli attentati di Oslo e Utoya, il regista danese Lars von Trier si è detto "disgustato" dall'idea che Dogville sia tra uno dei preferiti del responsabile del massacro, l'estremista di destra norvegese Anders Breivik[3]

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Official Selection 2003, festival-cannes.fr. URL consultato l'8 luglio 2011.
  2. ^ Nicole Kidman torna a lavorare con Lars von Trier - Cinema News - PRIMISSIMA
  3. ^ Dogville (2003) - Curiosità - Movieplayer.it

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema