dnd (videogioco)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
dnd
Dnd8won.png
Un giocatore in procinto di vincere dnd, il personaggio è mostrato nel labirinto con sia il grail, che il globo, così come molti altri oggetti magici e un dragone affascinato.
Sviluppo Gary Whisenhunt, Ray Wood
Data di pubblicazione 1975
Genere Videogioco di ruolo, Roguelike
Tema Fantasy
Periferiche di input PLATO

dnd è un videogioco di ruolo roguelike. Il nome dnd deriva dall'abbreviazione del gioco di ruolo Dungeons & Dragons da cui è ispirato.

Il videogioco dnd venne scritto nel linguaggio di programmazione TUTOR per il sistema PLATO da Gary Whisenhunt e Ray Wood alla Southern Illinois University nel 1974 e 1975.[1] Dirk Pellett della Iowa State University e Flint Pellett dell'Università dell'Illinois aggiunse sostanziali miglioramenti al gioco tra il 1976 e il 1985.

Origini[modifica | modifica wikitesto]

dnd fu probabilmente il terzo gioco roguelike scritto per il PLATO. Il primo di questi, conosciuto come pedit5, fu cancellato pochi mesi dopo la sua creazione. Il secondo m199h, fu creato in un'unità di lezione (cioè spazio su un disco fisso) riservato all'istruzione di un linguaggio straniero e venne similmente cancellato non appena scoperto. dnd fu il primo spazio lezione per il PLATO espressamente creato per essere un videogioco.

Un gioco simile chiamato DND e che usava molte delle caratteristiche uniche del dnd per il sistema PLATO, fu scritto in BASIC per il PDP-10 e pubblicato intorno al 1977. Questo secondo gioco venne successivamente rielaborato e ripubblicato come Telengard.[2]

Modalità di gioco[modifica | modifica wikitesto]

In dnd i giocatori creano un personaggio e si avventurano nei livelli del Whisenwood Dungeon (una parola macedonia dei cognomi degli autori) alla ricerca dei due grandi tesori: "il grail" e "il globo".[3] Il gioco mostra ai giocatori una vita dall'alto del dungeon e si gioca similmente a nethack, ma implementa anche molti dei concetti base di Dungeons & Dragons. Il Whisenwood dungeon consiste di livelli multipli di labirinti, che possono essere esplorati man mano completando i precedenti, comunque è possibile ritornare indietro anche ai livelli precedenti e anche lasciare del tutto il dungeon, rendendolo uno dei primi videogiochi a usare una progressione non lineare. Man mano che i giocatori completano livelli ricevono nuovi incantesimi, armi e oggetti che li aiutano nella loro ricerca dei tesori finali.

Teletrasportatori permettono ai personaggi di spostarsi tra i livelli (specialmente l'Excelsior Transporter, che comparve per la prima volta in dnd su PLATO). Mostri di alto livello si trovano al termine di ogni sotterraneo, incluso un drago d'oro che sorveglia il globo. Lasciare il sotterraneo permette a un personaggio di guarire e recuperare incantesimi, per tornare più tardi.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Successive revisioni del gioco aggiunsero altri dungeon, come The Caverns e The Tomb, con differenti creature a guardia di diversi tesori (come il Grim Reaper a guardia della Fontana), e il giocatore doveva ottenere sia il Grail, che il Globo per vincere. Inoltre molti altri differenti tipi di tesoro furono aggiunti nel corso degli anni, con le loro icone aggiunte alla grafica originale del gioco.

Successivi giochi per il PLATO, tra il 1976 e il 1979, come Avatar, oubliette, baradur, Moria, dndworld, bnd e sorcery, furono pesantemente influenzati da dnd (e uno dall'altro) pur aggiungendo proprie caratteristiche innovative.

Il gioco si dimostrò enormemente popolare sui sistemi PLATO e continua a essere ancora giocato sui sistemi NovaNET e Cyber1 (una restaurazione di un sistema PLATO degli anni ottanta).

A luglio 2012 le versioni 5.4 e 8 di dnd sono disponibili entrambe sul sistema Cyber1. I giochi sono stati ripristinati dai nastri e aggiornati agli standard correnti del linguaggio TUTOR da Dirk Pellett.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Carey Martell, Interview with creators of dnd (PLATO), www.Rpgfanatic.net. URL consultato il 4 maggio 2012.
  2. ^ (EN) Matt Barton, Interview with Daniel M. Lawrence, CRPG Pioneer and Author of Telengard, Armchair Arcade, Inc, 22 giugno 2007. (archiviato dall'url originale il 29 luglio 2012).
  3. ^ (EN) All about dnd for Plato, uvlist.net. URL consultato il 29 luglio 2012 (archiviato il 29 luglio 2012).

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • cyber1.org - dnd così come molti altri giochi roguelike possono essere giocati su questo sistema.
Videogiochi Portale Videogiochi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Videogiochi