Dmitrij Sergeevič Sipjagin

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Dmitrij Sipjagin
Dmitry Sipyagin.jpg

Ministro degli Interni dell'Impero Russo
Durata mandato 20 ottobre 1899 –
15 aprile 1904
Capo di Stato Nicola II
Predecessore Ivan Logginovič Goremykin
Successore Vyacheslav von Plehve

Dati generali
Partito politico Nessuno
Alma mater Università di San Pietroburgo

Dmitrij Sergeevič Sipjagin, in russo: Дмитрий Сергеевич Сипягин? (Kiev, 20 marzo 1853San Pietroburgo, 15 aprile 1902), è stato un politico russo, ricoprì numerose cariche politiche e governative durante il regno dello zar Nicola II..

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Nato a Kiev, nell'attuale Ucraina all'epoca facente parte dell'Impero Russo, si laureò in giurisprudenza all'Università di San Pietroburgo nel 1876. Nel 1886 divenne vice-governatore di Charkiv, carica che manterrà per due anni prima di diventare governatore di Curlandia (1888-1891) e di Mosca (1891-1893). In seguito entrò nel ministero delle proprietà statali e infine nel ministero dell'interno, di cui fu messo a capo nel 1900.

Fu assassinato il 15 aprile 1902 davanti al Palazzo Mariinskij da Stepan Balmašëv, un membro del Partito Socialista Rivoluzionario.