Dmitrij Nikolaevič Medvedev

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Dmitrij Nikolaevič Medvedev
Un francobollo celebrativo del 1970 raffigurante Medvedev.
Un francobollo celebrativo del 1970 raffigurante Medvedev.
22 agosto 1898 - 14 dicembre 1954
Nato a Brjansk
Morto a Mosca
Cause della morte Morte naturale
Luogo di sepoltura Mosca
Dati militari
Paese servito URSS URSS
Forza armata Armata Rossa
Anni di servizio 1920-1946
Grado Colonnello

[1]

voci di militari presenti su Wikipedia

Dmitrij Nikolaevič Medvedev (Brjansk, 22 agosto 1898Mosca, 14 dicembre 1954) è stato un militare sovietico. È stato uno dei leader del partito bolscevico. Agì nella Russia orientale e in Ucraina.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Medvedev nacque il 22 agosto 1898 in una famiglia di operai metallurgici. Durante la Guerra civile russa si unì all'Armata Rossa e nel 1920 aderì al partito sovietico. Tra il 1920 e il 1935 lavorò nella Čeka, nell'OPGU e nel NKVD nell'Ucraina sovietica.

Nel 1936 Medvedev fu inviato dalla NKVD come agente dei servizi segreti sovietici sotto copertura. Nel 1938 tornò in Unione Sovietica e gli fu affidato il comando NKVD del dipartimento del Norillag, un laboratorio scientifico Gulag a Noril'sk. Pochi mesi dopo Medvedev fu licenziato dalla NKVD ufficialmente per "ingiustificata chiusura delle indagini penali" contro i prigionieri politici del gulag.

Nel 1939 Medvedev si ritirò e si stabilì a Mosca.

Nell'estate del 1941, un paio di giorni dopo l'invasione tedesca dell'Unione Sovietica, fu re-inserito nel NKVD come ufficiale, e inviato nel suo paese natio, Brjansk, per organizzare una resistenza via terra dietro le linee nemiche. Tra il settembre 1941 e il gennaio 1942 Medvedev organizzò con successo un paio di unità guerrigliera nelle regioni di Brjansk, Smolensk, Orël e Mahilëŭ.

Durante la primavera del 1942 fu dato un nuovo incarico a Medvedev: organizzare una unità di partigiani dietro le linee nemiche nell'Ucraina occupata dai nazisti.

A giugno la sua unità di guerriglia, chiamata Pobediteli (I vittoriosi), fu paracadutata a Žytomyr, regione ucraina. Tra il giugno del 1942 e il marzo del 1944 le unità di Medvedev operarono nelle regioni Rivne e Leopoli. Le attività della guerriglia erano principalmente sabotaggi, omicidi e spionaggi ai danni della Wehrmacht.[1]

Il 5 novembre 1944 Medvedev fu insignito Eroe dell'Unione Sovietica e gli fu consegnata la Medaglia d'oro.

Dopo la guerra andò in pensione e, da leggenda dell'Unione Sovietica, scrisse nel 1948 il libro Accadde presso Rovno.[2] Le sue memorie sono state dedicate alla storia del suo commilitone, l'agente dell'Intelligence Sovietica Nikolai Kuznetsov.

Medvedev morì a Mosca nel 1954.

Decorazioni[modifica | modifica wikitesto]

Eroe dell'Unione Sovietica - nastrino per uniforme ordinaria Eroe dell'Unione Sovietica
immagine del nastrino non ancora presente Medaglia d'oro dell'Unione Sovietica

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Гepoй Coвeт Coюзa. URL consultato il 7-12-2011.
  2. ^ Это было под Ровно. URL consultato il 7-12-2011.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 57757200