Dita ippocratiche

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.
Dita ippocratiche

Le dita dette ippocratiche o a bacchetta di tamburo presentano ingrossamento dell'ultima falange con unghie a vetrino d'orologio. Il nome deriva dal padre della medicina Ippocrate che per primo descrisse la patologia. In lingua inglese il sintomo è detto anche clubbing.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Si tratta di una deformazione ossea progressiva che si presenta in numerose malattie croniche.
Si può anche osservare nei forti fumatori senza che sia necessariamente presente una malattia sottostante, anche se ovviamente questa nota anamnestica impone una indagine in questo senso.

Può essere presente dolorabilità e talora versamento sinoviale a livello delle anche, dei polsi e delle ginocchia.

Attualmente si pensa che possano essere coinvolte le piastrine che interagiscono con l'endotelio a livello delle estremità distali rilasciando una serie di sostanze capaci di determinare proliferazione del tessuto connettivo e del periostio.

Eziologia[modifica | modifica wikitesto]

Raramente affezione primitiva, è più spesso secondaria a infezioni polmonari, cardiopatie congestizie, e soprattutto a neoplasie polmonari, nelle quali è presente nel 10% dei soggetti.

Le anomalie ossee sono la periostite seguita da neoformazione ossea, e l'ispessimento della corticale ossea con proliferazione del tessuto connettivo vicino, che determina l'aspetto classico ungueale ed è responsabile dell'aspetto spugnoso delle unghie stesse.

Le dita ippocratiche sono un segno che può essere associato a:

  • malattie polmonari (carcinoma a grandi cellule, malattia polmonare interstiziale, tubercolosi, malattie polmonari suppurative - ascesso polmonare, empiema, bronchiectasie, fibrosi cistica, mesotelioma, etc);
  • malattia cardiache (shunt con ipossia cronica, cardiopatie congenite cianogene, endocardite batterica subacuta, mixoma atriale etc);
  • gastrointestinali ed epatobiliari (sindromi da malassorbimento, malattia di Crohn, colite ulcerosa, cirrosi biliare primitiva, sindrome epiatopolmonare, abuso di lassativi, poliposi, carcinoma esofageo etc);
  • ipertiroidismo;
  • forme familiari di clubbing e pseudoclubbing (spesso in soggetti di origine africana);
  • anomalie vascolari del braccio colpito (ad es. aneurisma dell'arteria ascellare);
  • timoma;
  • talassemia.

Terapia[modifica | modifica wikitesto]

Il trattamento è quello della malattia sottostante, dove possibile. È importante anche il ricorso alla terapia del dolore, quando il quadro sintomatologico sia rilevante.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Medicina Portale Medicina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Medicina