Dita Parlo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Dita Parlo, nome d'arte di Grethe Gerda Kornstädt (Stettino, 4 settembre 1906Parigi, 13 dicembre 1971), è stata un'attrice tedesca, che lavorò per il cinema tedesco e francese.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nata a Stettino (nell'attuale Polonia), debutta nel 1928 nei film Heimkehr e Die Dame mit der Maske, inizia a farsi conoscere grazie ai film L'imperatrice perduta, Rapsodia ungherese e La sposa del Danubio, diventando molto popolare in Germania e in Francia.

I film che l'hanno resa più celebre sono L'Atalante di Jean Vigo e La grande illusione di Jean Renoir. Successivamente tentò di costruirsi una carriera nel cinema americano, ottenendo un paio di ruoli in film hollywoodiani, ma a causa dello scarso successo delle pellicole, non fu in grado di estendere la propria fama oltre l'Europa. L'attrice era stata scritturata da Orson Welles come protagonista femminile dell'adattamento cinematografico del romanzo di Joseph Conrad Cuore di tenebra, ma il progetto non andò mai in porto.

Tornata in Francia, venne arrestata con l'accusa di collaborazionismo, dopo lo scoppio della seconda guerra mondiale tornò in Germania dove iniziò il suo declino, non lavorando per oltre dieci anni. La Parlo tornò a lavorare nel 1950 comparendo nel film Giustizia è fatta, rimase ferma per altri quindici anni per poi recitare nel suo ultimo film La dame de pique del 1965.

In tempi più recenti, la sua figura è stata di riferimento a Madonna, che ha adottato il suo nome per il libro fotografico Sex e per l'album Erotica, inoltre la pin-up burlesque Dita Von Teese, ha preso il suo nome omaggiandola.

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

La filmografia è completa[1]. Quando manca il nome del regista, questo non viene riportato nei titoli

Attrice[modifica | modifica wikitesto]

Film o documentari dove appare Dita Parlo[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Filmografia Dita Parlo su IMDb

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 74049827

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema