Distretto di Spandau

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Distretto di Spandau
Bezirk Spandau
Stemma ufficiale
Stato Germania Germania
Città Berlino
Data istituzione 1920
Codice 05
Superficie 91,91 km²
Abitanti 223 735 ab. (31-8-2009)
Densità 2 434,28 ab./km²
Mappa dei quartieri di
Sito web www.berlin.de

Coordinate: 52°32′N 13°10′E / 52.533333°N 13.166667°E52.533333; 13.166667

Il distretto di Spandau è il quinto distretto (Bezirk) di Berlino.

Amministrazione[modifica | modifica sorgente]

L'amministrazione distrettuale ha sede al Rathaus Spandau, nel quartiere omonimo.

Il sindaco distrettuale (Bezirksbürgermeister) in carica è Helmut Kleebank, della SPD.

Suddivisione amministrativa[modifica | modifica sorgente]

Il distretto di Spandau è diviso in 9 quartieri (Ortsteil):

Storia[modifica | modifica sorgente]

Il distretto di Spandau fu creato nel 1920 come suddivisione amministrativa della nuova "Grande Berlino".

Comprendeva, oltre alla città di Spandau, i comuni rurali (Landgemeinde) di Gatow, Kladow, Pichelsdorf, Staaken e Tiefwerder, e i territori agricoli (Gutsbezirk) di Heerstraße (parte nord), Pichelswerder, e della Cittadella di Spandau.

Nel 1945 il distretto fu assegnato al settore di occupazione britannico, e quindi a Berlino Ovest. Faceva eccezione la parte ovest del quartiere di Staaken (Staaken-West), inizialmente assegnata al settore sovietico (Berlino Est) in seguito ad uno scambio di territori, e dal 1961 assurta al rango di comune indipendente nel territorio della Repubblica Democratica Tedesca. Con la riunificazione, il 3 ottobre 1990, Staaken-West fu riunita a Staaken, rientrando a far parte del distretto di Spandau.

Dal 1946 al 1987 fu attivo, nel quartiere Wilhelmstadt, il famoso carcere alleato di Spandau, in cui erano rinchiusi i dirigenti del partito nazista condannati al primo Processo di Norimberga a pene detentive.

Gemellaggi[modifica | modifica sorgente]

Il distretto intrattiene "rapporti d'amicizia" (Städtefreundschaften) con:

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]