Distinta base

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Una distinta base, acronimo Diba[1] (in inglese Bill of Materials - BOM), è l'elenco di tutti i componenti, sottoassiemi, semilavorati e materie prime necessari per realizzare un prodotto. Nel mondo alimentare, chimico e farmaceutico essa si chiama ricetta o anche formula.

Una distinta base è organizzata gerarchicamente, e si rappresenta come un albero, con la forma simile ad un albero genealogico, con in testa il prodotto finito, ed a scendere nei vari livelli si trovano i sottoassiemi, i semilavorati e le materie prime. Per convenzione la cima dell'albero, ovvero il prodotto finito, si trova a livello zero. I suoi componenti diretti sono a livello uno, e così via.

Considerando come esempio una bicicletta, i suoi "figli" nella distinta base sono il telaio, la sella, il manubrio e le ruote. A sua volta il componente telaio potrebbe essere composto da un tubo di alluminio, ad un livello ancora inferiore. Esiste quindi un legame, detto legame padre-figlio, che collega insieme ogni articolo con il suo componente. Il file della distinta base in Italia si chiama anche il file dei legami. I prodotti finiti non hanno mai padri, i componenti di acquisto non hanno mai figli, e gli oggetti prodotti o assemblati dall'azienda hanno sempre figli. Laddove c'è un legame padre figlio, vi è collegato un documento che si chiama "ciclo di produzione", che contiene l'elenco di tutte le operazioni necessarie per trasformare un figlio nel padre. Per ogni operazione è definito un tempo di operazione, chiamato anche tempo standard Ad esempio per trasformare del tubo in un telaio bisogna eseguire le seguenti operazioni: 1. Taglio 2. Piegatura 3. Saldatura 4. Verniciatura

L'importanza delle distinte base risiede nella possibilità di conoscere analiticamente cosa occorre (e in quali quantità) per costruire un prodotto, ovvero quali e quanti componenti o materiali occorre acquistare per produrlo (vedi Materials Requirements Planning).

L'algoritmo MRP, però, ragiona sempre a capacità infinita, non tenendo conto dei vincoli di produzione, per questo esso viene seguito dall'algoritmo CRP, che combina insieme l'output del MRP ed i cicli di produzione. Il CRP permette di bilanciare le risorse di produzione.

Una distinta base definisce quindi un prodotto così com'è progettato, come è costruito o come è manutenuto, rappresentando diverse viste della struttura del prodotto. Di conseguenza, in funzione del metodo utilizzato per definirla o dello scopo per cui è stata pensata, sono diversi i tipi di distinte base disponibili e quindi l'insieme di attributi associati alle singole voci; la scelta è da effettuare di volta in volta in funzione dall'ambito a cui è destinata:

  • Distinta base tecnica (o Engineering Bill of Material), che contiene le informazioni come definite dai progettisti
  • Distinta base di produzione (o Manufacturing Bill of Material), strutturata secondo l'ordine di costruzione o di montaggio, contiene le informazioni utili alla produzione
  • Distinta base di produzione configurata, è una evoluzione della distinta base di produzione in cui le componenti sono parametrizzate secondo caratteristiche
  • Distinta base di manutenzione, che riporta gli interventi di manutenzione da effettuare o effettuati nel corso della vita del componente
  • Distinta base di calcolo costi, è una copia selettiva delle altre distinte, privata dei p/n non rilevanti per la valorizzazione delle giacenze di semilavorati di lavorazione interna e di quelli di acquistowork in progress
  • Distinta base di spedizione, che indica come vanno imballati i componenti nel caso in cui il montaggio finale avvenga altrove

Nell'ambito di una rappresentazione Entità-Relazione, una distinta base è formata da una tabella con tre campi:

  • codice materiale padre;
  • un codice materiale figlio con lo stesso dominio di valori possibili (ad eccezione dell'end-item e dell'ultimo livello della distinta);
  • un coefficiente d'impiego o quantità per sistema come attributo della relazione dei primi due.

L'identificativo è la coppia di attributi codice materiale padre e codice materiale figlio.
Ad esempio, per dire che A è padre di B in qtà 2, e B padre di C in qtà 3 (3 unità di C per produrre una unità di B, 2 unità di B per produrre una unità di A):

  • p/n materiale 1=A,p/n materiale 2 =B, coeff.te impiego =2;
  • p/n materiale 2=B,p/n materiale 2 =C, coeff.te impiego =3.

Lo stesso materiale è figlio di un codice e a sua volta padre di altri materiali componenti, formando una struttura ad albero. Alcuni codici materiale possono essere componente di più di un assieme superiore e quindi comparire più volte in distinta base (si pensi ai normalizzati o ai materiali di consumo).

In un database non esiste la distinta base, ma singoli legami fra codice padre e figlio, a partire dai quali la distinta multilivello viene "ricostruita" ogni volta. La distinta base può essere interrogata dal sistema informativo e visualizzata dall'utente in due modi:

  • per singolo livello oppure tramite un'esplosione multilivello;
  • da un certo item fino all'ultimo livello per vedere i figli, oppure verso il livello 0 dell'end-item per vedere gli assiemi superiori di cui il part number è parte.

Numerical list[modifica | modifica wikitesto]

Si dice numerical list una rielaborazione della distinta base che indica la quantità totale di ogni componente di acquisto e semilavorato necessarie per produrre una unità del prodotto finito (end item). Il numerical 'list è una distinta base nella quale ogni componente compare una sola volta senza ripetizioni, di un solo livello se limitata ai soli materiali grezzi o finiti di acquisto.

Struttura automatica ad albero[modifica | modifica wikitesto]

Microsoft Excel e Open Office Calc hanno una funzione che consente di creare automaticamente una struttura ad albero della distinta base, con possibilità di navigarla top-down (dal nodo 0 fino alle ultime foglie) e di esplodere il dettaglio dei componenti del singolo p/n, così come livello per livello.

La funzionalità utilizza il livello di BOM riportato in ogni singola riga, e il primo campo calcolato con formula presente nell'area selezionata (ad esempio il campo "costo totale item" che avrà delle somme intermedie, per tutti livelli della distinta ad eccezione del'ultimo).

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Gabriele Levy, La logistica nei sistemi ERP, Milano, Franco Angeli Editore, 2006. ISBN 88-46-47140-7.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Distinta base: come definire costi e ricavi per prodotti e servizi www.pmi.it