Dissing+Weitling

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Dissing+Weitling è uno studio di architettura e design con sede a Copenaghen, Danimarca. I fondatori dello studio, da cui deriva il nome, Hans Dissing and Otto Weitling furono soci dello studio di Arne Jacobsen fino alla morte di quest'ultimo nel 1971.[1]

Dissing+Weitling è uno studio molto conosciuto per progetti di eccellenza sia in architettura che nel ramo dei ponti. Il primo ponte disegnato dallo studio nel 1988 fu il Great Belt uno dei più grandi al mondo.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Hans Dissing e Otto Weitling erano soci presso lo studio di Arne Jacobsen. Continuando l'opera di Arne Jacobsen, hanno portato a termine diversi edifici quali: il municipio di Magonza, in Germania, che è stato ulteriormente ampliato proprio da Dissing+Weitling durante 2008, un holiday resort sull'isola di Fehmarn nella Germania settentrionale, l'ambasciata di Danimarca a Londra. Nel 1972, il consorzio aveva vinto il concorso per l'IBM Centre ad Amburgo e per la Kunstsammlung Nordrhein-Westfalen a Dusseldorf, affermando quindi il prestigio dello studio. Nel 2002 Hans Dissing si è ritirato dallo studio. Attualmente i soci dello studio sono tre: Steen Savery Trojaborg, Stig Mikkelsen e Daniel Hayden.

Progetti selezionati[modifica | modifica sorgente]

Edifici[modifica | modifica sorgente]

K20 Art Gallery
Mainz City Hall

Ponti[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b Dissing + Weitling Architects, Denmark, e-architect. URL consultato il 20 luglio 2009.
  2. ^ DISSING+WEITLING WINS IN VILNIUS, Danish Architecture Centre. URL consultato il 20 luglio 2009.
  3. ^ Cowi og Dissing+Weitling i norsk samarbejde, Building Supply. URL consultato il 20 luglio 2009.
Architettura Portale Architettura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Architettura