Disfagia lusoria

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.
Disfagia lusoria
Codici di classificazione
ICD-9-CM (EN) 787.29
ICD-10 (EN) R13.19

La disfagia lusoria, anche chiamata disfagia di Bayford-Autenrieth, è una forma di disfagia dovuta alla compressione ab extrinseco dell'esofago secondaria a una vascolarizzazione aberrante[1][2]. Nei casi dovuti ad aneurisma aortico prende il nome di disfagia aortica[3].

Deve il suo nome ai medici David Bayford, che coniò il termine alla fine del XVIII secolo dal latino lusus naturae, scherzo della natura[4][5][6] e Johann Heinrich Ferdinand von Autenrieth[7].

Epidemiologia[modifica | modifica sorgente]

Si presenta generalmente in caso di arteria succlavia aberrante sinistra, condizione presente nello 0,5-2% della popolazione generale, o destra con arco aortico destroposto, presente solo nello 0,05-0,1% della popolazione[1]. È una sindrome che si presenta più facilmente durante l'infanzia, mentre i rari casi descritti in età adulta si pensa siano da attribuire a fibrosi del tessuto connettivo situato in prossimità dell'esofago e della trachea[5].

Eziologia[modifica | modifica sorgente]

La sindrome clinica è dovuta alla compressione effettuata dall'arteria anomala sull'esofago, che spesso decorre posteriormente a esso[1].

Clinica[modifica | modifica sorgente]

Si tratta di una condizione per definizione sintomatica, ma che si presenta solo in pochi casi di malformazione dell'albero vascolare aortico[1]. Si suppone che le manifestazioni cliniche possano essere dovute all'indurimento dell'endotelio aortico dovuto all'età, anche in presenta di placche aterosclerotiche o di allungamento dell'aorta stessa, ma può derivare anche da dilatazioni aneurismatiche solitarie o in presenza di un diverticolo di Kommerell[1].

Può essere riscontrata nella sindrome di Ortner[8].

Trattamento[modifica | modifica sorgente]

La terapia d'elezione è l'intervento chirurgico di correzione dell'anomalia vascolare[1][9] ed è da riservarsi ai casi fortemente sintomatici non rispondenti a modifiche della dieta[4].

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c d e f S. Fukuhara, B. Patton; J. Yun; T. Bernik, A novel method for the treatment of dysphagia lusoria due to aberrant right subclavian artery. in Interact Cardiovasc Thorac Surg, dicembre 2012, DOI:10.1093/icvts/ivs517, PMID 23243037.
  2. ^ B. Levitt, JE. Richter, Dysphagia lusoria: a comprehensive review. in Dis Esophagus, vol. 20, nº 6, 2007, pp. 455-60, DOI:10.1111/j.1442-2050.2007.00787.x, PMID 17958718, url=http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/17958718.
  3. ^ L. Jovancević, R. Jović; SM. Mitrović, [Dysphagia aortica--case report]. in Med Pregl, vol. 58, 7-8, pp. 401-4, PMID 16296585.
  4. ^ a b PA. Hart, PS. Kamath, Dysphagia lusoria. in Mayo Clin Proc, vol. 87, nº 3, marzo 2012, pp. e17, DOI:10.1016/j.mayocp.2011.11.015, PMID 22386188.
  5. ^ a b F. Paparo, L. Bacigalupo; E. Melani; GA. Rollandi; GD. Caro, Cardiac-MRI demonstration of the ligamentum arteriosum in a case of right aortic arch with aberrant left subclavian artery. in World J Radiol, vol. 4, nº 5, maggio 2012, pp. 231-5, DOI:10.4329/wjr.v4.i5.231, PMID 22761985.
  6. ^ N. Asherson, D. Bayford, David Bayford. His syndrome and sign of dysphagia lusoria. in Ann R Coll Surg Engl, vol. 61, nº 1, gennaio 1979, pp. 63-7, PMID 369446.
  7. ^ (EN) Ole Daniel Enersen, Disfagia lusoria in Who Named It?.
  8. ^ JF. Escribano, J. Carnés; MA. Crespo; RF. Antón, Ortner's syndrome and endoluminal treatment of a thoracic aortic aneurysm: a case report. in Vasc Endovascular Surg, vol. 40, nº 1, pp. 75-8, PMID 16456610.
  9. ^ RR. Venugopal, JP. Kolwalkar; SP. Krishnajirao; M. Narayan, A novel approach for the treatment of dysphagia lusoria. in Eur J Cardiothorac Surg, vol. 43, nº 2, febbraio 2013, pp. 434-6, DOI:10.1093/ejcts/ezs498, PMID 23047268.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Research Laboratories Merck, The Merck Manual quinta edizione, Milano, Springer-Verlag, 2008, ISBN 978-88-470-0707-9.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Manuale Merck on line

medicina Portale Medicina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di medicina