Discussione:Costruttivismo (psicologia)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Psi2.png Monitoraggio Psicologia
Symbol stub class.svg
Voce monitorata nel mese di inserisci mese e anno
D  Gravi problemi relativi all'accuratezza o alla neutralità dei contenuti. Molti aspetti del tema non sono trattati o solo superficialmente. È assai probabile che siano presenti uno o più avvisi o che vadano inseriti. (che significa?)
nc Nessuna informazione sulla scrittura. (che significa?)
nc Nessuna informazione sulla attendibilità delle fonti. (che significa?)
D  Gravi problemi relativi alla dotazione di immagini e altri supporti grafici nella voce. Mancano molti file importanti per la comprensione del tema, alcuni essenziali. (che significa?)


Mi sembra che manchi un riferimento al moderno socio-costruttivismo. Qualcuno può aggiungere qualcosa in merito?

forse, quello a cui ti riferisci è il socio-costruzionismo e non socio-costruttivismo? in questo caso non c'è nessuna sovrapposizione nei nomi. ps: ti ricordo che è buona norma firmarsi. Saluti da --DoppiaQ dimmi 20:06, 17 giu 2006 (CEST)

Copyviol[modifica | modifica sorgente]

L'elenco numerato proviene da http://www.ildiogene.it/EncyPages/Ency=costruttivismo.html lo oscuro e segnalo la copyviol. --Jacopo (msg) 09:01, 6 feb 2006 (CET)

perché non intitolare 'Costruttivismo (filosofia)' ?[modifica | modifica sorgente]

nell'accezione più diffusa il 'Costruttivismo' rimanda al movimento nato in Russia prima della rivoluzione d'ottobre, quindi chiedo un parere sull'ipotesi di intitolare 'Costruttivismo (filosofia) ? questa pagina.

grazie e ci@o, Emilius 22:12, 18 feb 2006 (CET)

Propongo di cambiarne il nome in "Costruttivismo (psicologia)"[modifica | modifica sorgente]

No, decisamente contrario: l'impulso al Costruttivismo è stato dato, impostato, formalizzato, e delineato da Psicologi.

  • Vero è che la preistoria semantica del termine è risalibile sin da Vico, ma questo non vuol dire che, essendo tal concetto nato in seno alla Filosofia, lì vi è rimasto.

anzi,

  • la prima opera pienamente definibile costruttivista è da far risalire a Jean Piaget, con il suo: La costruzione del reale nel bambino (tit. orig.: La construction du réel chez l'enfant - 1937) Edizione italiana: 1973, La Nuova Italia Ed., Firenze. (ISBN 8822106725).(Per una lettura critica sull'argomento: Chapman, M. (1988). Constructive evolution: origins and development of Piaget's thought. Cambridge: Cambridge University Press., in italiano: Cionini, L./ a cura di (2001). Psicoterapie : Modelli a confronto. Roma: Carocci ISBN: 8843019082.

Dunque, faccio una controproposta: propongo di cambiarne il nome in Costruttivismo (psicologia).

Tentativo di salvataggio della voce[modifica | modifica sorgente]

Vedi la discussione attualmente in corso nella pagina di cancellazione. Sto provando adesso a verificare se, del testo rimasto dopo quanto trovato da Sannita, ci sono altri copyviol, confrontandoli con alcuni testi costruttivisti "ben noti" nel settore. Intanto, inizio anche a ricucire i brani di testo interrotti, in un tentativo di salvare una voce come questa, che sarebbe in effetti molto importante nell'ambito del Progetto Psicologia. Veneziano - dai, parliamone! 16:56, 13 nov 2007 (CET)

Accidenti, ho iniziato a trovare altro materiale in copyviol. Credo di aver capito quale sia il filone di articoli e materiali che sono stati usati, adesso provo ad approfondire. Veneziano - dai, parliamone! 18:22, 13 nov 2007 (CET)

Per adesso di altri copyviol, anche approfondendo nella direzione che avevo "usmato", non ne ho trovati. Sto cercando però di procurarmi un testo in biblioteca di facoltà che sospetto possa essere stato usato per la parte conclusiva (l'argomentazione e lo "stile linguistico" mi ricordano molto qualcosa...). Continuo a controllare e vi aggiorno su cosa salta fuori. Veneziano - dai, parliamone! 18:37, 15 nov 2007 (CET)

Allora, aggiornamento sulla "caccia al copyviol": il libro da cui sospettavo fossero presi dei pezzi (un testo di Salvini), almeno ad una sfogliata veloce nei capitoli relativi al tema, non ha fatto emergere altre parti incriminate. Rimango però con la vaga impressione che la parte finale sia comunque stata presa più o meno di peso da un testo di Salvini (o di uno dei suoi allievi). Questo per motivi "di stile espositivo", modalità argomentative, espressioni linguistiche. Per carità, può essere semplicemente qualcuno che ha onestamente riformulato, con un certo linguaggio acquisito dalla lunga frequentazione di quei testi, un certo tipo di contenuti, ma il dubbio mi permane. Propongo questo: io adesso provo comunque a rabberciare meglio la parte iniziale, più generica, e su cui ho meno dubbi di copyviol. La parte finale la lascio così, ma continuo a vedere se nei prossimi giorni trovo articoli ed altri materiali del gruppo di Salvini che potrebbero essere stati fonte di "ispirazione un pò troppo fotocopioide". Se qualcuno mi vuole dare un mano: le fonti probabili sono i testi e gli articoli sugli schemi di tipizzazione di Alessandro Salvini, Giampiero Turchi, e della scuola sociocostruzionista di Padova, più o meno a partire dalla metà degli anni '90 fino ad oggi. Veneziano - dai, parliamone! 22:46, 19 nov 2007 (CET)

George Kelly e il costruttivismo in psicologia[modifica | modifica sorgente]

Considero del tutto inopportuno proporre ai lettori George Kelly come uno dei principali - se non il principale - esponente del costruttivismo. Capisco che per una determinata corrente psicologica può essere così, ma i contributi accademici devono essere valutati per l'impatto effettivo su una disciplina, in termini di pubblicazioni, riferimenti, citazioni, influenze. Non mi pare che George Kelly possa essere considerato un esponente di peso, dal punto di vista strettamente storico Agnese 18:44, 29 gen 2008 (CET)


???? Uhm, Agnese, scusa... Kelly è il fondatore del costruttivismo psicologico. Kelly sta alla personal construct psychology come Freud sta alla psicoanalisi, e forse anche più (visto che Freud aveva anche rielaborato suggestioni altrui, mentre Kelly l'ha sviluppata in larga autonomia). Come fa a non essere uno dei principali esponenti del costruttivismo ?! :-) Hai qualche fonte, per supportare questa tua particolare interpretazione storiografica ? Potresti indicarla, gentilmente ? Grazie ! Veneziano- dai, parliamone! 20:56, 29 gen 2008 (CET)

Intendiamoci. Forse tu ti riferisci al socio-costruzionismo, ed alle forme di "costruttivismi" legati alla social cognition. Nel qual caso, giustamente, ci sono i vari Mead, realtà e rappresentazione, interazionismi simbolici, etc.etc. Ma questa voce è Costruttivismo (psicologia), non "costruttivismo (sociologia)", o "epistemologia genetica". L'accezione più diffusa per "costruttivismo psicologico", a livello accademico, è proprio quello della PCP (personal construct psychology) di Kelly. Altrimenti si preferiscono altri termini, quali appunto "sociocostruzionismo". A questo proposito, sicuramente andrebbe ripresa la vecchia voce Sociocostruzionismo, che era stata cancellata tempo fa (era uno stub di minime dimensioni); visti i tuoi interessi, potresti essere interessata ad occupartene ? Ciao, Veneziano- dai, parliamone! 21:06, 29 gen 2008 (CET)

Scusami. Non intendevo discutere il ruolo di Kelly per la psicologia. Intendevo dire che impostata in questi termini la voce risulta poco chiara. Penso che un utente medio, cercando Costruttivismo dovrebbe trovare una voce generale che prenda in considerazione l'intera genesi di questo movimento, non dico le remote origini filosofiche, ma la genesi vera e propria, da Peirce in semiotica, a Dewey in pedagogia, a Mead in psicologia sociale e via dicendo (e siamo negli Stati Uniti degli anni 30-40, non più di due campus universitari). Questo crea un certo ambiente culturale nel quale - credo - possa collocarsi il contributo di Kelly, e che certamente dà origine alla grande tradizione sociologica americana - insieme ai transfughi intellettuali europei durante la seconda guerra mondiale. In questo senso, se Kelly per il costruttivismo psicologico è fondante, non mi pare lo sia quanto Dewey e Mead, e poi ovviamente Piaget, ad esempio per la pedagogia costruttivista, che pure è una corrente molto nota e certamente degna di attenzione. Per aggiungere un ulteriore nota polemica ... mi pare un pochino specioso distinguere costruttivismo (psicologia)/costruttivismo(sociologia)/costruttivismo(epistemologia), come se le tre voci fossero davvero campi distinti del sapere. Facciamo lavori diversi, ok, ma non esageriamo. Dal punto di vista di un lettore, mi parrebbe più opportuno mettere una definizione generale comune con i concetti e gli orientamenti epistemologici di base, e poi costruire delle voci relative ai singoli settori e campi del sapere. Mi pare più ... costruttivista! Per quanto riguarda il tuo invito, vediamo: la voce di Luhmann appena ho tre mesi di tempo, la faccio!!! Seriamente, vedo di cominciare a mettere insieme dei materiali. Forse per Mead mi trovo un po' più fornita di materiali. Certo che sono due personaggi mica facili. Mead non ha scritto niente. E Luhmann ha scritto troppo (e senza rileggere quello che scriveva!). Ciao --Agnese 01:36, 31 gen 2008 (CET)

Ciao Agnese,

sicuramente la riflessione per cui la "matrice epistemologica costruttivista" è trasversale a vari ambiti di articolazione funzionale, e presenta delle "communalities" da evidenziare in tutte le voci connesse, è condivisibile. Al tempo stesso, vista l'ampiezza del tema e comunque le notevoli specificità della trattazione (il rapporto tra Piaget e Kelly, per dire, presenta dei punti in comune solo a livello "gnoseologico", ma già a livello di metodologie, obbiettivi conoscitivi, "episteme applicata", modelli metateorici, etc.etc., presentano enormi differenze, che probabilmente non ne permettono una trattazione unitaria se non astraendo molto il livello di analisi ed i temi considerati), ritengo effettivamente più utile una suddivisione in almeno un paio di voci. Anche perchè comunque, nonostante alcune connessioni epistemiche, il costruttivismo psicologico presenta molti punti di differenza con quello sociologico. Si potrebbe quindi pensare ad un'architettura espositiva orientata su una voce generale di introduzione, quale "Costruttivismo"; seguita da un paio almeno di voci più specifiche, come Costruttivismo (psicologia) e Socio-costruzionismo o Costruzionismo (sociologia). Del resto, su temi di queste dimensioni, e di ampia complessità articolatoria interna, è difficile pensare ad un'unica voce, che possa ricomprendere tutto in maniera unitaria, organica ed equilibrata. Ciao, Veneziano- dai, parliamone! 11:50, 31 gen 2008 (CET)

Infatti intendevo proprio questo. Una voce enciclopedica in senso vero e proprio, Costruttivismo, e voci secondarie legate agli ambiti d'uso Costruttivismo (psicologia) Costruttivismo (pedagogia) ecc. ciao --Agnese 23:34, 31 gen 2008 (CET)

Se non vi sono ulteriori specificazioni, ed una volta chiarito che Agnese si riferiva nella sua notazione al "costruttivismo" come movimento epistemologico generale, e non allo specifico del costruttivismo psicologico cui la voce in questione è riferita, se non vi sono ulteriori commenti nei prossimi giorni passerei a togliere il tag relativo. Veneziano- dai, parliamone! 15:31, 5 mar 2008 (CET)

Dopo un mese, in assenza di argomentazioni contrarie, passo a togliere il tag P. Veneziano- dai, parliamone! 13:01, 14 apr 2008 (CEST)

psicologia costruttivista ampiamente accettata dai neuroscienziati[modifica | modifica sorgente]

proporrei di modificare o eliminare la frase : Spesso, questo approccio che si contrappone certamente ad una visione positivistica della scienza, viene considerato come una minaccia per la razionalità, e per la scienza intesa come visione "unica" della realtà e della verità

Oramai il paradigma costruttivista è accettato da quasi la totalita dei neuroscienziati, e posso presumere sia lo stesso anche per gli studiosi delle altre scienze naturali (sebbene il parere dei primi sia più rilevante in quanto specificatamente competenti in materia, oltre che direttamente interessati). Stefano

aggiungere contenuto dal testo "La realtà inventata" (a cura di Watzlawick)[modifica | modifica sorgente]

Propongo di aggiungere da quel libro; nel mio piccolo (psicologo) lo consideravo Il manifesto de Il costruttivismo; leggendo qui su wikipedia mi rendo conto che non è Il libro del costruttivismo, comunque è indispensabile citarlo --Loplop (msg) 00:25, 20 mag 2010 (CEST)