Dirt (album)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Dirt
Artista Alice in Chains
Tipo album Studio
Pubblicazione 29 settembre 1992
Durata 57 min : 35 s
Dischi 1
Tracce 13
Genere Grunge
Heavy metal
Alternative metal
Hard rock
Alternative rock
Etichetta Columbia Records
Produttore Dave Jerden, Alice in Chains
Registrazione 1992
Certificazioni
Dischi d'oro 1
Dischi di platino 5
Alice in Chains - cronologia
Album precedente
(1992)
Album successivo
(1994)
Logo
Logo del disco Dirt

Dirt è il secondo album, pubblicato il 29 settembre 1992, del gruppo musicale Alice in Chains. Dirt è considerato l'album più rilevante della discografia del gruppo ed uno dei migliori esempi del "periodo d'oro" della musica grunge.

L'album fu realizzato quando il cantante Layne Staley era totalmente dipendente dall'eroina. Le atmosfere cupe, e i testi influenzati dall'esperienza della droga, aiutarono però l'album a diventare un successo. Arrivò al sesto posto nella classifica dei 200 album più venduti stilata da Billboard.

I pezzi Sickman, Junkhead e Dirt sono basati sulle esperienze di Staley con l'eroina, mentre Rooster è basata sull'esperienza nella guerra del Vietnam del padre di Cantrell.
Rooster era il nomignolo con il quale questo veniva chiamato durante il conflitto.

Il pezzo Untitled (Iron Gland) ospita la voce di Tom Araya degli Slayer. Esso, tuttavia, non è un vero e proprio brano, ma un insieme di rumori accompagnati dall'urlo di Araya. Tutto ciò iniziò quando gli Alice in Chains conobbero gli Slayer durante il "Clash of the Titans" tour nel 1990. I due gruppi divennero amici e, in seguito, Jerry Cantrell chiese ad Araya di fare un urlo tipico degli Slayer da inserire nell'album in questione e lui accettò con piacere. La frase pronunciata è "I'm Iron Gland!".

Dall'album vennero estratti 5 singoli: Would?, Them Bones, Angry Chair, Rooster e Down in a Hole.

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

È stato anche inserito all'8º posto nella lista dei 50 album più influenti di tutti i tempi, stilata dalla rivista Kerrang! nel 2003[1], inoltre è classificato al 1º posto dei migliori album del 1992 sempre da Kerrang. È stato classificato al 5º posto come miglior album degli ultimi due decenni da Close-Up magazine[2], inoltre è stato incluso nel 2005 nel libro 1001 Albums You Must Hear Before You Die[3].

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

  1. Them Bones (Cantrell) - 2:30
  2. Dam That River (Cantrell) - 3:09
  3. Rain When I Die (Staley) - 6:01
  4. Down in a Hole (Cantrell) - 5:38
  5. Sickman (Staley) - 5:29
  6. Rooster (Cantrell) - 6:15
  7. Junkhead (Staley) - 5:09
  8. Dirt (Cantrell/Staley) - 5:16
  9. God Smack (Staley) - 3:50
  10. [Untitled] (Staley) - 0:43 voce: Tom Araya degli Slayer
  11. Hate to Feel (Staley) - 5:16
  12. Angry Chair (Staley) - 4:47
  13. Would? (Cantrell) - 3:27

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Kerrang! Lists, Rocklistmusic.co.uk. URL consultato il 19 marzo 2013.
  2. ^ "Metallica, Pantera: Top Albums of Last 17 Years". ultimate-guitar.com. April 30, 2008.
  3. ^ 1001 Albums You Must Hear - 2008 Edition, RockList.net. URL consultato il 20 novembre 2012.