Diritto fallimentare

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Il fallimento è la principale procedura concorsuale, si può ricorrere in presenza di determinati requisiti. La procedura fallimentare è una procedura giuridica attraverso cui viene sottoposto ad esecuzione l'intero patrimonio di un imprenditore commerciale quando questi si trova nell'impossibilità obiettiva di far fronte regolarmente agli impegni assunti nei confronti dei creditori stessi.

Presupposti[modifica | modifica wikitesto]

I presupposti sono:

  • la sussistenza della qualità di imprenditore commerciale e non piccolo
  • lo stato di insolvenza dell'imprenditore (importo minimo 30.000 euro).

I caratteri comuni sono quello di generalità in quanto coinvolge tutto il patrimonio del fallito (imprenditore), e quello di collettività che mira ad assicurare la parità di trattamento dei creditori (par condicio creditorum).

Forme[modifica | modifica wikitesto]

Le forme in cui può essere sviluppato il procedimento concorsuale sono:

  • il fallimento
  • il concordato preventivo
  • la liquidazione coatta amministrativa
  • amministrazione straordinaria delle grandi imprese in crisi
  • ultima amministrazione controllata (applicata fino al 16 luglio 2006)

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Diritto Fallimentare (vLex Italia)