Dipodillus jamesi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Dipodillo di James
Immagine di Dipodillus jamesi mancante
Stato di conservazione
Status none DD.svg
Dati insufficienti[1]
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Mammalia
Superordine Euarchontoglires
Ordine Rodentia
Sottordine Myomorpha
Superfamiglia Muroidea
Famiglia Muridae
Sottofamiglia Gerbillinae
Genere Dipodillus
Specie D.jamesi
Nomenclatura binomiale
Dipodillus jamesi
Harrison, 1967

Il dipodillo di James (Dipodillus jamesi Harrison, 1967) è un roditore della famiglia dei Muridi diffuso in Tunisia.[1][2]

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

Roditore di piccole dimensioni, con la lunghezza della testa e del corpo di 79 mm, la lunghezza della coda di 105 mm, la lunghezza del piede di 23,6 mm e la lunghezza delle orecchie di 14,8 mm.[3]
La pelliccia è molto fine, soffice e moderatamente lunga. Le parti superiori sono color sabbia-rossastro. I fianchi e le guance sono più chiare. Le parti inferiori sono bianche. La linea di demarcazione lungo i fianchi è netta. Una macchia bianca è presente dietro ogni orecchio. Il dorso dei piedi è bianco. La coda è più lunga della testa e del corpo, è bruno-grigiastra sopra, più chiara sotto e con un ciuffo di peli grigi all'estremità.

Biologia[modifica | modifica sorgente]

Comportamento[modifica | modifica sorgente]

È una specie terricola.

Distribuzione e habitat[modifica | modifica sorgente]

Questa specie è conosciuta soltanto da un esemplare femmina catturato nel 1966 tra le località di Bou Ficha e Enfidaville lungo le coste orientali della Tunisia.

Stato di conservazione[modifica | modifica sorgente]

La IUCN Red List, considerato che questa specie è conosciuta soltanto da un esemplare , classifica D.jamesi come specie con dati insufficienti (DD).[1]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c (EN) Schlitter, D., Amori, G., Hutterer, R., Kryštufek, B., Yigit, N., Mitsain, G., Muñoz, L.J.P. & Aulagnier, S. 2008, Dipodillus jamesi in IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2013.2, IUCN, 2013.
  2. ^ (EN) D.E. Wilson e D.M. Reeder, Dipodillus jamesi in Mammal Species of the World. A Taxonomic and Geographic Reference, 3ª ed., Johns Hopkins University Press, 2005. ISBN 0-8018-8221-4.
  3. ^ Harrison, 1967, op. cit.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • David L.Harrison, Observations on some Rodents from Tunisia, with the description of a new Gerbil (Gerbillinae: Rodentia) in Mammalia, vol. 31, n. 3, 1967, pp. 381-389.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

mammiferi Portale Mammiferi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mammiferi