Dipartimento federale dell'ambiente, dei trasporti, dell'energia e delle comunicazioni

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Il Dipartimento federale dell'ambiente, dei trasporti, dell'energia e delle comunicazioni (DATEC) è uno dei sette Dipartimenti (Ministeri) nel governo svizzero. Doris Leuthard è a capo del dipartimento dal 1º novembre 2010.

Cambiamento di denominazione[modifica | modifica wikitesto]

  • 1848 Dipartimento delle poste e dei lavori pubblici
  • 1860 Dipartimento delle poste
  • 1873 Dipartimento delle poste e dei telegrafi
  • 1879 Dipartimento delle poste e delle ferrovie
  • 1963 Dipartimento dei trasporti, delle comunicazioni e dell'energia
  • 1979 Dipartimento federale dei trasporti, delle comunicazioni e dell'energia
  • 1998 Dipartimento federale dell'ambiente, dei trasporti, dell'energia e delle comunicazioni

Competenze[modifica | modifica wikitesto]

  • Segreteria generale
  • Ufficio federale dell'energia (UFE)
  • Ufficio federale dell'ambiente (UFAM)
  • Ufficio federale dei trasporti (UFT)
  • Ufficio federale delle comunicazioni (UFCOM)
  • Ufficio federale dell'aviazione civile (UFAC)
  • Ufficio federale delle strade (USTRA)
  • Ufficio federale dello sviluppo territoriale (dal 1º giugno 2000)
  • Autorità di regolazione postale (PostReg)
  • Autorità indipendente di ricorso in materia radiotelevisiva
  • Commissione d'arbitrato in materia ferroviaria (CAF)
  • Commissione federale delle comunicazioni (ComCom)
  • Divisione principale della sicurezza degli impianti nucleari (DSN)
  • Ispettorato federale degli impianti a corrente forte (ESTI)
  • Ispettorato federale degli oleo- e gasodotti (IFO)
  • Servizio d'inchiesta sugli infortuni dei trasporti pubblici
  • Ufficio d'inchiesta sugli infortuni aeronautici

Fra le attività istituzionali della struttura vi è la promozione di programmi di pubbloica utilità come quello, avviato nel 2005 e denominato Eco-Drive, che mira ad incoraggiare in Svizzera la guida ecologica, economica e sicura.

Consiglieri federali a capo del dipartimento[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]