Dioon spinulosum

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Dioon spinulosum
Dioon spinolosum03.jpg
Dioon spinolosum
Stato di conservazione
Status iucn3.1 EN it.svg
In pericolo
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Plantae
Superdivisione Spermatophyta
Divisione Cycadophyta
Classe Cycadopsida
Ordine Cycadales
Famiglia Zamiaceae
Genere Dioon
Specie D. spinulosum
Nomenclatura binomiale
Dioon spinulosum
Dyer ex Eichler,, 1883

La Dioon spinulosum è una cicade della famiglia delle Zamiaceae, nativa del Messico.

Morfologia[modifica | modifica wikitesto]

Il tronco, generalmente non ramificato o poco ramificato, può raggiungere i 15 m di altezza e i 40 cm di diametro.

Particolare della foglia di D. spinulosum

Le foglie, di colore verde chiaro, brillanti, sono lunghe 150–200 cm e possiedono ognuna 140-240 fogliolinre, disposte in paia a 180° sul rachide centrale. Le foglioline basali, rudimentali, sono poco più che delle spine; le foglioline mediane, lanceolate, lunghe 15–20 cm, hanno un caratteristico margine dentellato che conferisce il nome alla specie.

Come tutte le cicadi è una pianta dioica, cioè con infiorescenze maschili e femminili che si sviluppano su esemplari differenti.

I coni maschili sono fusiformi, di colore grigio chiaro, lunghi 40–55 cm, 7–10 cm di diametro.

I coni femminili sono ovoidali, di colore grigio chiaro, lunghi 50–90 cm, 20–35 cm di diametro: sono in assoluto i coni femminili più grandi tra tutte le gimnosperme, potendo raggiungere i 15 kg di peso.

I semi sono ovoidali, lunghi 40–50 mm, color crema o bianchi.

Distribuzione e habitat[modifica | modifica wikitesto]

La sua presenza in natura è circoscritta al Messico orientale, dove è minacciata di estinzione a causa della limitata presenza e della progressiva scomparsa delle aree di foresta pluviale che costituiscono il suo habitat naturale.

Coltivazione e propagazione[modifica | modifica wikitesto]

La coltivazione della D. spinulosum è abbastanza agevole sia nelle aree tropicali e subtropicali che in quelle della fascia temperata.

Cresce ottimalmente in terreni soleggiati e alcalini, con buon drenaggio.

È una specie abbastanza resistente agli attacchi da parte degli infestanti: occasionalmente, quando la pianta è in condizioni di stress, può subire infestazioni da cocciniglia.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

botanica Portale Botanica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di botanica