Dionysios Solomos

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Dionysios Solomos

Dionysios Solomos (in greco Διονύσιος Σολωμός) (Zante, 8 aprile 1798Corfù, 9 febbraio 1857) è stato un poeta greco.

La statua di Solomos a Zacinto.

Uno dei massimi se non il maggiore dei poeti in lingua greca moderna, sostenitore dell'indipendenza greca e autore dell'attuale inno nazionale. Nato da nobile famiglia, dal 1809 al 1818 visse in Italia stabilendosi a Cremona, Venezia e Pavia, dove iniziò a comporre le sue prime opere in cui si sente l'influenza artistica del conterraneo Ugo Foscolo.

Tornato nell'isola natale, Zacinto, venne affascinato dall'ideale della "rivoluzione ellenica" e di conseguenza cominciò a comporre nella sua lingua materna. La sua opera più famosa è il Dialogo sulla lingua serrata, testo in forma dialogica in cui un poeta ed un pedante difendono rispettivamente la lingua parlata (demotica) e la lingua pura (variante colta).

Celebre è anche L'inno alla libertà, che limitatamente alle prime due strofe divenne l'inno nazionale greco. Altre opere importanti sono I liberi assediati (dedicato alla eroica resistenza della città di Messolongi), L'ode a Byron e L'Elogio del Foscolo, che costituiscono il suo trittico autobiografico e romantico.

Perfezionista, fortemente autocritico, rifiutò di portar a termine la maggioranza delle sue composizione perché le giudicava insoddisfacenti. Dopo la sua morte, avvenuta a causa dell'apoplessia, alcune di esse furono date alle stampe dall'amico Iakovos Polylas.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 17235346 LCCN: n81076052

letteratura Portale Letteratura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di letteratura