Dionigi l'Areopagita

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
San Dionigi l'Areopagita
Dionysius Areopagita.jpeg
Venerato da Chiesa cattolica
Chiesa ortodossa
Santuario principale Cattedrale di San Dionigi (Atene)
Basilica Cattedrale di Santa Maria Assunta (Crotone)
Ricorrenza 3 ottobre (ortodossa)
9 ottobre (cattolica)
Attributi Ornamenti da vescovo con in mano il Vangelo
Patrono di avvocati, Atene, Crotone

Dionigi l'Areopagita (in greco antico Διονύσιος ὁ Ἀρεοπαγίτης, traslitterato in Dionysius Areiopageita; ... – ...) è stato giudice dell'Areopago che, secondo gli Atti degli apostoli, fu convertito alla cristianità dalla predicazione e dalla preghiera dell'apostolo Paolo.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Dionigi ci è noto esclusivamente dalla testimonianza degli Atti (17,22): nel racconto neotestamentario Paolo si trova ad Atene, ha fatto un giro della città e viene interrogato dai filosofi epicurei e stoici. Lo portano all'Areopago, chiedendo un chiarimento della sua predicazione[1]

"E Paolo, ritto in piedi in mezzo all'Areopago, disse: «Ateniesi, io veggo voi in tutto e per tutto singolarmente religiosi. Tanto è vero, che passando e vedendo i vostri simulacri, ho trovato perfino un altare con questa iscrizione: "Al Dio ignoto". Or quello che voi onorate senza conoscerlo, quello io annunzio a voi." Atti degli Apostoli, 17, 22-23

La predicazione di Paolo cerca di adattare il messaggio di Cristo al pubblico di filosofi. Questo non si oppone fino a quando Paolo parla della risurrezione:

"Sentita però la risurrezione de' morti, alcuni se ne fecero beffe; altri dissero: «Di questo t'udiremo un'altra volta». Così Paolo uscì di mezzo a loro. Alcuni però s'unirono a lui, e credettero; tra questi, Dionigi l'Areopagita, una donna, per nome Damaride, e altri con loro." Atti degli Apostoli 17, 32-34

Secondo Dionigi di Corinto e Eusebio di Cesarea, Dionigi divenne vescovo di Atene[2].

Lo Pseudo-Dionigi[modifica | modifica sorgente]

Alcuni secoli più tardi, il Corpus Dionysianum, una serie di scritti di natura mistica, fu scritto sotto lo pseudonimo di Dionigi l'Areopagita[3]. Da molto tempo si sa che le opere furono scritte nel V secolo nel suo nome (pseudoepigrafia) e sono oggi attribuite a "Pseudo-Dionigi". Lo Pseudo-Dionigi è stato identificato con vari personaggi nel passato. Ipotesi recenti lo legano ad uno scrittore religioso di nome Pietro l'Iberiano, un vescovo georgiano di Majum (452-491), e al filosofo pagano neoplatonico Damascio.

Culto[modifica | modifica sorgente]

Nella Chiesa ortodossa orientale Dionigi l'Areopagita, Pseudo-Dionigi e San Dionigi di Parigi sono celebrati congiuntamente il 3 ottobre (il 16 ottobre per chi è legato al calendario giuliano).

Dionigi fu anche popolarmente identificato incorrettamente con il martire della Gallia, San Dionigi, primo vescovo di Parigi.

Il santo è patrono delle città di Crotone e di Atene.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Areopago può designare una collina che si trova a ovest dell'Acropoli, o un consiglio superiore, che si è riunito una volta su questa collina; ma al tempo di Paolo il consiglio teneva le sue sessioni nel Portico Reale, lungo l'Agora.
  2. ^ Eusebius, Historia Ecclesiae III: iv
  3. ^ Sulla confusione tra Dionigi e Pseudo-Dionigi: Treccani Portale online; (EN) Stanford Encyclopedia of Philosophy

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Corrigan & Harrington, Dionysius: Persona Metaphysics Research Lab, CSLI, Stanford University 2004
  • Carlo Maria Mazzucchi,Damascio, autore del 'Corpus Dionysiacum' e il dialogo 'Perì politikes epistemes', in "Aevum. Rassegna di scienze storiche, linguistiche e filologiche", 80 (2006), pp. 299-334.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]